CHIAMACI +39 333 8864490

|||

Amanti del cibo pugliese, segnatevi queste cifre: 72100, che oltre a essere il CAP di Brindisi e il nome di un Negroamaro in purezza, è il nome di una deliziosa osteria che si trova a Milano in Via Solferino 46.

A fare gli onori di casa, i due proprietari Roberto e Cristian, giovani brindisini provenienti da esperienze lavorative diverse, ma accomunati dalla passione per la gastronomia, hanno deciso di lanciarsi in questa nuova avventura nel 2014.

Un ambiente con luci soffuse, tavoli in legno e tovaglie a quadretti, che vi farà sentire subito a casa.

Qui si possono assaporare specialità dalla celebre tradizione culinaria pugliese, con piatti classici e rivisitazioni della “cucina della nonna”, presentati in chiave moderna, mantenendo inalterato il gusto e il sapore che si possono gustare solo nella splendida e soleggiata regione del sud. L'ottimo pane pugliese accompagna deliziosi taglieri di salumi e formaggi, e non mancano caponatine, parmigiana di melanzane e bruschette con pomodori e burrata.

72100 utilizza solo materie prime di eccellente qualità che arrivano tutti i giorni direttamente dalla Puglia. Verdure, pesce, salumi di Martina Franca, carni, gustosa mozzarella di bufala e fiordilatte arricchiscono i menù stagionali.

Freschezza e qualità e i sapori di una volta sono ingredienti fondamentali per la riuscita di un piatto.

Il locale vanta una eccellente carta di vini con più di 70 etichette, rappresentative di tutte le regioni italiane. Ma è naturalmente specializzato in particolare sulle eccellenze delle cantine pugliesi.

72100 è diventato un vino che nasce da uve di vendemmia tardiva, raccolte a ottobre e ad alto grado zuccherino: è un Negroamaro in purezza delle Cantine Risveglio Agricolo di Brindisi, premiate al Vinitaly 2014.

Ulteriore omaggio alla tradizione: tutti i piatti sono sbocconcellati e realizzati dalle ceramiche di Grottaglie di Giuseppe Fasano.

 

72100 è un angolo di Puglia in cui non solo i pugliesi si sentiranno a casa…

 

Orari: Lunedì e domenica: 12.00 – 15.00 Da martedì a sabato: 12.00 – 15.00; 19.00 – 23.45

72100 Via Solferino, 46 02 8410 2659 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

[gallery ids="48612,48611,48610,48609,48608,48607"]

|||

Zazà Ramen - il locale nel cuore i Brera che ha fatto del Ramen il suo cavallo di battaglia - torna a far parlare di sé.

Brendan Becht, chef olandese e di fama internazionale, e Kevin Ageshi, imprenditore giapponese, propongono dal 5 dicembre al 6 gennaio 2016 uno speciale "Menù delle Buone Feste".

Si potrà gustare infatti la ricetta incentrata sul ramen di maiale, guarnito con uovo morbido marinato, cavolo verza e carote glassate, e yaki-gyoza di carne, due appetitosi piatti invernali tipici del Giappone. Il tutto accompagnato da Lambrusco secco Rosso Dop reggiano "Ligabue Class" della cantina Gualtieri. A completare, il dessert - sformato al cioccolato amaro con crema al latte di cocco - e il caffè.

Orari: 12.00 - 15.00 19.00 - 24.00

Aperto anche il 31 dicembre e il 6 gennaio; il 27 dicembre solo per cena Chiuso il 24 dicembre sera, il 25 e il 26 dicembre e l'1 gennaio

Zazà Ramen via Solferino, 48 Milano www.zazaramen.it

 

|||||||||

Nel vasto oceano di hamburgerie e steak house disseminate per Milano, che propongono le idee più particolari e innovative a prezzi decisamente competitivi, in che modo scegliete il giusto locale in cui passare una piacevole serata in compagnia? Con Mezzalibbra Burger & Bakery, in zona navigli, andate sul sicuro!

Mezzalibbra, con il suo arredamento industry e la cucina a vista, è certamente un locale di ispirazione americana, ma non fatevi ingannare: tutti i prodotti utilizzati sono 100% italiani, dalle carni di Fassona, Chianina e Angus, alla vasta selezione di birre artigianali.

Gli hamburger sono ricchi e saporiti, senza però troppe contaminazioni ed elementi fusion, che talvolta rischiano di appesantire il tutto ma non è questo il caso: sul menù troverete i classici Cheese Burger, Chicken Burger, Fish Burger e Veggy, più alcune specialità della casa, come il Black (con pane integrale ai 4 cereali, gorgonzola dop, salsa barbecue e radicchio) e il Pagnottiello (un panino napoletano rotondo fatto con la pasta della pizza); il tutto accompagnato da patatine fritte tagliate spesse.

Assolutamente da provare è il Club Sandwich (con prosciutto cotto triestino alla brace, lattuga, bacon, uova alla piastra, pomodoro, cheddar e zucchine grigliate) magari accompagnato da una Isaac Baladin, una birra bianca artigianale con un leggero profumo di lievito e agrumi che va a perdersi in armonie speziate di coriandolo e arance sbucciate. E, per i più golosi, c’è anche spazio per il dolce: muffin, brownies, cupcakes e tutte le altre torte sono realizzate dalla cake designer Sweet Mama, con cui collaborano.

Per continuare sulla linea dell’ispirazione americana, Mezzalibbra Burger & Bakery organizza anche il brunch domenicale, dalle 12:00 alle 16:00, con menù il cui prezzo varia dai 18 ai 20 euro, accompagnati da centrifughe e smoothies.

Infine, per tenervi aggiornati su tutte le iniziative del Mezzalibbra, seguite la loro pagina Facebook: organizzeranno piccoli live in acustica e mostre.

MEZZALIBBRA BURGER & BAKERY Via Vigevano 9 – Milano Tel. 02 8941 5161 Aperto da martedì a domenica, chiuso dalle 15:00 alle 18:00. www.facebook.com/mezzalibbramilano

 

[gallery ids="48575,48574,48576,48579,48581,48582"]

 

Anche quest'anno, Palazzo Marino organizza la tradizionale mostra natalizia con ingresso gratuito, che si terrà dal 3 dicembre fino al 10 gennaio nella sala Alessi.

Il protagonista è il fiammingo Pieter Paul Rubens (Siegen 1577 - Anversa 1640) con la sua "Adorazione dei pastori". Commissionata all'artista nel 1608 da padre Flaminio Ricci, per la chiesa di San Filippo Neri di Fermo, l'opera appare come un chiaro omaggio a Caravaggio che Rubens ha avuto modo di apprezzare durante il suo periodo di studio a Roma. L'olio su tela, nelle sue maestose dimensioni (300x192 cm) è ora custodito nella Pinacoteca Civica di Fermo (nelle Marche).

PALAZZO MARINO Piazza della Scala, 2 - Milano Orari: tutti i giorni dalle ore 9.30 alle 20 - giovedì dalle ore 9.30 alle 22.30 - 24 e 31 dicembre chiusura ore 18:00

[gallery ids="48538,48539,48540"]

Le vacanze natalizie si passano al MIC – Museo Interattivo del Cinema, dove Fondazione Cineteca Italiana presenta la rassegna “Natale in Tibet”, dal 22 dicembre al 6 gennaio. Sono in programma alcuni grandi film e documentari che guideranno gli spettatori in un’esplorazione profonda della filosofia buddista, espressione della riflessione, del pensiero e della spiritualità

Martedì 22 dicembre e martedì 5 gennaio, il calendario prevede la visione del documentario “Figlie del Tibet”, di Bari Pearlman: si tratta di un ritratto molto intimo del monastero di Kala Rongo, a Nangchen (sull’altopiano orientale a nord dell’Himalaya tibetano), che ospita un gran numero di monache dedite allo studio e alla preghiera.

Mercoledì 23 dicembre, invece, doppia programmazione con “Himalaya, il sentiero del cielo”, di Marianne Chaud, alle ore 15:00, che racconta il buddismo dal punto di vista dei monaci più piccoli, in particolare Kenrap, riconosciuto come la reincarnazione di un anziano monaco (in programma anche sabato 2 gennaio); e alle 17:00, il famosissimo “Sette anni in Tibet”, che vede Brad Pitt nel ruolo del protagonista: racconta la vera storia di Heinrich Harrer, un alpinista austriaco diventato amico del Dalai Lama.

Sabato 26 dicembre, venerdì 1, domenica 3 e mercoledì 6 gennaio, l’imperdibile visione di “Dalai Lama. Il quattordicesimo”, un documentario realizzato sull’attuale Dalai Lama, che lo ritrae sia dal punto di vista pubblico, sia, soprattutto, mostrandolo nel privato e nei rapporti umani, dandoci un ritratto completo della sua semplicità, allegria e grande umanità.

MIC – MUSEO INTERATTIVO DEL CINEMA Viale Fulvio Testi 121 - Milano Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. www.cinetecamilano.it Tel. 02 87242114

 

[gallery ids="48519,48520,48521,48522,48523,48524"]

|||

Appena prima delle vacanze di Natale, il MONO Bar presenta un nuovo progetto artistico, che fonde fotografia e fashion design. L'appuntamento è dal 10 al 19 Dicembre.

The Seraphim Daughter” è il risultato della collaborazione fra Letizia Iman e Matteo Domenichetti: fotografa lei, fashion designer, lui. Dal matrimonio fra angeli serafini e yurei giapponesi nasce una collezione di abiti da sposa che riesce a combinare sotto un velo di magia due mondi distanti.

Giovane androginia e kitsch si mescolano delicatamente; le fotografie hanno un sapore naïf quando a colori, mentre riescono a mixare lo stile J-Horror anni '60 e uno scenario più angelico quando sono in bianco e nero. Anche la scelta dei tessuti è variegata: rispettando la tradizione, hanno posato davanti all'obiettivo di Letizia georgette grigia, marocain di seta bianca, ma non manca poi un tocco eccentrico, dalla pelle di serpente bianco delle Filippine ai gioielli di ceramica Raku.

I due protagonisti sono giovanissimi. Classe '92 è Matteo, laureato in Fashion Design al Politecnico di Milano, dove ha scelto una specializzazione in maglieria. La sua carriera accademica si conclude quindi con un master all'Istituto Secoli. Nasce invece nel 1991 in Spagna Letizia, che studia Graphic Design a Milano e vanta già esposizioni, oltre che nel capoluogo meneghino, a Vicenza, Venezia e Brighton.

The Seraphim Daughter”, il progetto di Matteo Domenichetti e Letizia Iman viene inaugurato il 10 dicembre alle ore 19 al MONO Bar di Via Lecco 6 a Milano, zona Porta Venezia.

Il locale è peculiare, gli interni richiamano la moda vintage anni '60 ed è gay friendly. Ospita mostre e DJ Set. MONO Bar

Via Lecco 6, 20124 Milano Telefono:02 2940 9330 FB/MONO Bar

[gallery columns="2" size="large" ids="48462,48460,48461,48459"]

“Uno spettacolo sfacciato e divertente un po’ Fellini, un po’Almodóvar”

[El Paìs]

Per la prima volta approda in Italia (e a Milano, che fortuna!) lo spettacolo che ha fatto girare la testa a oltre un milione di spettatori in Spagna, Messico e Francia. Si tratta di "The Hole", qualcosa di sexy, spudorato e terribilmente divertente. Un inno al lato ludico della vita, pronto ad appassionare la città meneghina - dal 3 dicembre 2015 - al Teatro LinearCiak.

Club-Teatro-Cabaret è la formula vincente di "The Hole" che con il suo mix di teatro, circo, cabaret, musica e humor provocatorio trasporta gli spettatori in dimensioni ignote ed estremamente affascinanti. E’ un “Rocky Horror in stile Almodóvar”, perché il grande merito di questo spettacolo è rompere tutti gli schemi conquistando così un potenziale strepitoso.

Fuori dall’ordinario, quindi, è la storia che lega le sorprendenti esibizioni sul palco dei grandi artisti che sembrano provenire da un mondo onirico di felliniana memoria: un navigato playboy (l’artista italiano Filippo Strocchi), stremato da una vita di eccessi, trova l’amore vero. Decide quindi di mettere la testa a posto, fiero di presentare agli amici e al mondo la nuova innamorata. Lo sfrontato edonista organizza una festa in grande stile nella sua villa per annunciare agli astanti e al pubblico, intrattenuti dalla sensuale governate e da gagliardi maggiordomi pronti a esibirsi in acrobazie e spogliarelli, la sua non-convenzionale storia d’amore…

Insomma: Benvenuti a "The Hole!" Spettacolo che unisce il lato buffo dell’arte teatrale a quello più scenografico del musical e in cui tutti i numeri di nouveau cirque, musica e umorismo scanzonato sono al servizio di un unico messaggio: ognuno di noi ha il diritto se non il dovere di passare almeno una volta per quel lato ludico, felice e spensierato dell’esistenza.

La sala del Teatro LinearCiak si trasforma in club con tavolini e sedie per bere e mangiare a volontà, senza pericolosi eccessi. Tra le proposte: stuzzichini, formaggi, salumi e vino per tutti i gusti. E per uno show decisamente “rock” non poteva mancare la radio rock per eccellenza: Virgin Radio. Un network nazionale, un partner importante che accompagna The Hole nella sua prima avventura italiana.

Info:

www.theholeshow.it

[gallery ids="48449,48450,48451,48452"]
||||||||

Le feste natalizie si avvicinano incalzanti e portano con sè gli "strappi alla dieta" tipici di questo periodo dell'anno. Street Food Xmas Festival sembra essere stato creato proprio a questo scopo: preparare lo stomaco ai cenoni di Natale, e si svolgerà dal 5 all'8 dicembre al Cargo di Milano.

Street Food Xmas Festival è una vera e propria celebrazione del cibo di strada di qualità, e rivendica l'onore dei vecchi Apecar, non più visti come il tre ruote sgangherato del nonno con cui fare pratica di guida, ma ora mezzi cool e versatili. Non ci saranno solo Api urbane, ma anche camioncini, rimorchi d’antan, caravan o airstream: il cibo è mobile, cheap e chic; parteciperanno chef provenienti da tutta Italia che proporranno i loro piatti tipici e le sfiziosità regionali sulle loro cucine itineranti.

L'elenco dei partecipanti è veramente molto vario, dal vecchio furgoncino dei gelati, dolci e cioccolata calda di Eskimo Pastry food truck, alla braceria mobile per assaggiare bombette e alette di pollo alla griglia di Moto Guzzi Grill. E ancora: hamburger gourmet, gnocco fritto, birre italiane di qualità, trofie, farinate e dolci... Particolari e innovative sono le miasse di Farinel: piadine di origine medievale a base di farina di mais, cotte su antichi ferri arroventati sul fuoco a legna, che vengono farcite al momento con salumi e formaggi locali.

L'ingresso è totalmente gratuito e potrete assaggiare tutte le specialità dalle 11:00 alle 22:00.

STREET FOOD XMAS FESTIVAL 5-8 dicembre 2015 Cargo, via Meucci 43 - Milano Orari: dalle 11:00 alle 22:00 Partecipanti: Eskimo pastry food truck, Moto Guzzi Grill, Fuoridimente, Mr Max, Farinel, Birrabus, La Pestolotte, La Farinata, Mignon, El Caminante, God Save the Food, Caravin street wine.

 

[gallery ids="48438,48441,48442,48440,48439,48443"]

DAL 10 DICEMBRE 2015 AL 1 GENNAIO 2016

Diana Or.I.S e Chi è di Scena presentano

SOGNI E BISOGNI, INCUBI E RISVEGLI

una commedia di

VINCENZO SALEMME

“Ho scritto questa commedia nel 1995 con il titolo di "IO E LUI" chiaramente riferito al celebre romanzo di Moravia. E, come accade in quel romanzo, anche nella mia commedia l'intreccio narrativo ruota intorno a due personaggi: Rocco Pellecchia ed il suo "pene". A differenza del racconto moraviano dove il "lui" in questione era solo una voce, qui nella commedia, il più famoso e significativo organo del sesso maschile si stacca materialmente dal corpo del suo "titolare" e diventa egli stesso uomo, rivendicando una sorta di riconoscimento scenico; rivendica cioè lo status di vero e proprio protagonista della vita e della scena. Egli ritiene che la vita del grigio e mediocre Rocco Pellecchia mal si adatta alla grandeur del suo sottoutilizzato "tronchetto della felicità"Egli ritiene che la vita del grigio e mediocre Rocco Pellecchia mal si adatta alla grandeur del suo sottoutilizzato "tronchetto della felicità. Sì, Lui ama farsi chiamare proprio così. Lo spettacolo in pratica è un duello tra i due contendenti. Il tronchetto spinge il povero Rocco a rialzare la testa e ad affrontare il futuro con orgoglio e spirito visionario e il povero Rocco che cerca di riconquistarlo e riportarlo materialmente nella sede più consona, cioè in basso al suo ventre. L'intreccio è ovviamente popolato da numerosi altri personaggi: un ispettore chiamato da Rocco a risolvere il caso, la coppia di impressionanti portieri dello stabile, la moglie appassita e avvilita di Rocco... Aldilà degli accadimenti "Sogni e Bisogni" é una commedia di fortissimo impatto comico e nello stesso tempo mi consente di continuare il percorso che ho iniziato ormai già da qualche anno. Aprire cioè in qualche modo la confezione borghese della commedia classica per intrattenermi ed intrattenere il rapporto con il pubblico in sala. Avrò modo cioè di interloquire con loro per rispondere alle domande più frequenti che ci facciamo sulla profondità della natura umana, soprattutto nei suoi aspetti apparentemente più semplici.”

VINCENZO SALEMME

Info: Orari: Feriali e 26 dicembre ore 20.45 - Domenica ore 15.30 31 dicembre ore 18,15 e 21,45 - 1 gennaio ore 16,45 Biglietti: Da martedì a venerdì: Poltronissima Prestige € 35,00 - Poltronissima € 32,00 - Poltrona € 23,00 Giovani fino a 26 anni € 15,00 Sabato, domenica, 26 dicembre e 1 gennaio: Poltronissima Prestige € 39,00 - Poltronissima € 35,00 Poltrona € 25,00 - Giovani fino a 26 anni € 17,00 31 dicembre Ore 18,00 Poltronissima Prestige € 45,00 - Poltronissima € 40,00 - Poltrona € 30,00 Ore 21,45 Poltronissima Prestige € 81,00 - Poltronissima € 72,00 - Poltrona € 50,00

Vincenzo Salemme-gallery-nerospinto2

|||

Venerdì 4 dicembre 2015 Sorgente Sonora omaggia gli ultimi trent’anni di musica elettronica con l’arrivo dei producer Max Loderbauer e Tobias al Tunnel Club di Milano con il progetto live N.S.I. (Non Standard Institute).

 

Max Loderbauer inizia la sua carriera alla fine degli anni 80 emergendo con il disco Fischerman’s Friend, collabora alla creazione di vari party della scena underground tedesca e nel 2009 fonda con Vadislav Delay e Von Osvald il Moritz Von Osvald Trio. Al fianco di Ricardo Villalobos crea nel 2011 re:ECM, progetto che porta alla pubblicazione di remix di alcuni brani della storica etichetta jazz ECM, mentre nel giugno 2015 su Perlon con il nuovo album Safe In Harbour per la prima volta i due sono uniti in una sola identità artistica chiamata Vilod.

 

Pink Elln aka Tobias Freund o semplicemente Tobias è uno degli indiscussi pionieri dell’ingegneria del suono moderna. La sua carriera comincia nei primi anni ‘80 nello studio del produttore tedesco Frank Farian, dove entra in contatto con le macchine analogiche. Acid, Ambiend e Techno, un percorso sonoro lungo trent’anni, che ha dato vita a progetti come Sieg Über Die Sonne con Jorge Gonzalez (dei Los Updates) e Martin Schopf (in arte Dandy Jack) o Odd Machine insieme a Ricardo Villalobos.

 

Warm up a cura di Dariolem

 

www.residentadvisor.net/dj/maxloderbauer www.residentadvisor.net/dj/tobiasfreund

 

Venerdì 4 dicembre

Frames + Subculture presentano

Sorgente Sonora #6 N.S.I. Non Standard Institute Max Loderbauer & Tobias live

Ore 23,00

Tunnel Club – Milano Biglietti 5/10€

 

Tunnel Club via Sammartini 30, Milano Infoline: +39 328 768 3652 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

[gallery size="large" columns="2" ids="48397,48396"]

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pagina 7 di 138

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.