CHIAMACI +39 333 8864490

Da oggi, 9 novembre, fino al 26 novembre, al Teatro Manzoni di Milano, va in scena La guerra dei Roses, una commedia pronta a dare vita ad un grande amore.

Pubblicato in SvelArte

San Valentino è alle porte, ma meglio vivere un intero mese d'amore che solo una sera, e l'Antica Corte Pallavicina di Polesine Parmense lo sa.

Pubblicato in Lifestyle

12 ottobre. A due passi dalle orde di turisti in piazza Navona, il Chiostro del Bramante festeggia i suoi vent'anni di attività portando nella città eterna la favola degli anni '60 di Andy Warhol e Tom Wesselmann.

Pubblicato in Cultura
Lunedì, 15 Giugno 2015 17:18

GIULIA BRUSIO E IL DESIGN DA REGALARE

Da qualche anno a questa parte, una delle idee regalo che va per la maggiore all’interno dei negozi di qualsiasi genere è proprio la “gift box”: quel cofanetto regalo che al suo interno contiene una vasta gamma di prodotti, o di locations nel caso dei  travel gift boxes, inerenti al tema del regalo che si è scelto di acquistare.

Dalla passione per l’arte e per l’arredamento di Giulia Brusio, designer di interni formatasi all’Accademia di Brera con diploma di Master in Interior Design presso il Politecnico di Milano, nasce oggi un nuovo tipo di “gift box”, che renderà felici tutti coloro che desiderano rinnovare, ristrutturare o ri-arredare la propria casa: il GIULIA BRUSIO GIFT BOX, il nuovo concept legato al mondo del Design.

Questa inziativa, promossa con entusiasmo da Crisalide Press, che ha addirittura indetto un concorso tramite newsletter CHI E CHI, lo scorso 23 aprile 2015, offre due tipologie di scelta il Gift Box restyle, per rinnovare e la Gift Box rebuild, per ricostruire. L’idea è quella di una consulenza a 360 gradi, rivolta al cliente sia per quanto riguarda la riorganizzazione e il rinnovo degli spazi, sia per la ricostruzione nel caso di ristrutturazione totale. Inoltre, per tutti coloro che entreranno a far parte di questo nuovo concept artistico, è riservata una vasta gamma di sconti sui mobili di arredo nelle più prestigiose aziende del settore.

Insomma, Giulia Brusio, una professionista dell’Interior Design e Stylist, cercherà di valorizzare al meglio il vostro spazio, realizzando la casa che avete sempre sognato.

Un’idea originale, creata su misura per tutti coloro che desiderano cambiare  o che debbano ristrutturare la propria casa, un regalo utile e innovativo, pensato per chi ama realizzare  sogni o per chi voglia donarli.

È possibile ricevere i cofanetti ad un prezzo lancio, collegandosi direttamente al sito giftbox.giuliabusio.com, e quindi iniziare subito questo viaggio tra gli arredi e i mobili, che renderà la vostra casa come l’avete sempre sognata.

[gallery type="rectangular" ids="44197,44232,44234,44256,44258"]

Pubblicato in Stile

DB Living non è soltanto un negozio, ma soprattutto un team di persone che si impegnano per realizzare il regalo giusto al momento giusto.

Offre infatti oggetti di arredamento, dalla cucina al giardino, decorazioni per la casa, idee regalo originali, dalle borse agli orologi.

Attraverso una curata ricerca e selezione di oggetti per la casa, prodotti dalle migliori aziende italiane ed estere, è nato uno spazio su due piani vicino alla stazione centrale a Milano, dove è possibile soddisfare le proprie esigenze.

In occasione del salone del mobile, DB Living sarà presente, offrendo due diversi progetti.

Il nuovo brand [animedagiardino], dedicato al design sostenibile, che si identifica con la sagoma del nano da giardino colorato, distribuisce prodotti realizzati in Italia utilizzando materiali diversamente intesi dall’ industria come residui di lavorazione.

L’idea è nata dalla designer Sara Pallavicini, che si appoggia alla filosofia del ‘fare senza scarto’, cercando sempre di dar vita a un nuovo prodotto partendo da materiali già utilizzati, come il plexiglass, lavorato attraverso la tecnica del taglio laser.

Ci sono due tipi di prodotti, i nani domestici e i nani da giardino, oltre che lo gnomo portafortuna. Ognuno ha un nome e colore diverso e  anche un diverso intaglio laser al centro.

Per saperne di più visitate il blog http://www.animedagiardino.com/?page_id=151.

Il secondo progetto presentato è Godì, il nuovo modo di vestire il piede, calzando delle babbucce,  realizzate in Italia con una trama tessile innovativa, traspirante, antibatterica, che permette anche il lavaggio. La suola da una sensazione di morbidezza paragonabile ad una camminata sulle nuvole, che dimostra come queste calzature siano di qualità, confortevoli e artigianali.

Se anche voi volete sapere cosa vuol dire camminare sulle nuvole, venite a scoprire e provare questi prodotti all’evento Nerospinto Boderline Design Week, sabato 13 aprile dalle ore 19.00 allo spazio Giulio Romano 8.

 

 

 

Pubblicato in Lifestyle

Il designer-to-consumer è una nuova impostazione produttiva che si avvale tanto delle risorse offerte dalle nuove tecnologie di prototipazione e produzione a controllo numerico quanto di lavorazioni tradizionali e dell'indispensabile supporto delle tecnologie web 2.0.

Questo nuovo modello produttivo, che sta trasformando il mondo della progettazione, della produzione e della distribuzione di beni, prevede che, attraverso la vendita online e il rapporto con i distributori tradizionali, i designer diventino produttori di sé stessi.

SFUSO/small-scale practices/ collettivo di designer , grafici e architetti under 30, attraverso Retrobottega invita designer, architetti, makers, artigiani, graphic designer, studenti e professionisti che si occupano di indagare questo nuovo sistema produttivo a esporre i loro lavori, con lo scopo di fornire loro un'occasione di visibilità, di incontro e di scambio.

Il tema deIl ’incontro tra passato e futuro e della necessità di un dialogo tra i due si rivela anche nella scelta della location, l'esposizione avverrà negli storici locali della Ferramenta Pietro Viganò in via Montevideo a Milano,in zona Tortona, e dell’apertura in occasione della settimana del Salone del Mobile 2013 dal 9 al 14 Aprile.

 

Alla call sono ammessi lavori di designer, studi, architetti, makers, graphic designer che realizzino in maniera indipendente piccole e grandi serie.

Il termine per la presentazione dei progetti scade il 23 marzo. I risultati, scelti da una giuria di esperti, verranno pubblicati su www.sfuso.org il 24 Marzo.

 

Info tecniche:

Le candidature vanno inoltrate a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

La partecipazione alla call e all'esposizione è completamente gratuita. I costi di spedizione e trasporto dei progetti selezionati sono a carico dei singoli progettisti.

La partecipazione è aperta a tutti e si possono presentare quanti progetti si desidera e di qualsiasi tipologia: arredamento, oggetti per la casa, abbigliamento, accessori, dispositivi tecnologici ecc..

 

Per ogni progetto dovranno essere inviati:

-fotografie in alta definizione del prodotto o dei prodotti

-breve descrizione con particolare attenzione alle fasi produttive e alle lavorazioni

-scheda tecnica

-breve biografia dei produttori

-informazioni di contatto

 

I progetti presentati devono essere prodotti in piccole serie o prototipi pensati per la produzione in serie. Non sono ammessi i pezzi unici. Il fatto che il progetto sia già in produzione da un certo lasso di tempo, sia già stato presentato o pubblicato non costituisce impedimento per la partecipazione alla call.

Nella settimana del Salone del Mobile 2013 si susseguiranno inoltre una serie di iniziative volte ad approfondire il tema.

 

Altri Contributi

Al racconto sono chiamati a partecipare anche fotografi, artisti, architetti e designer che vorranno esporre ricerche di carattere teorico, concettuale o narrativo sul tema della relazione con il sistema degli oggetti nella più ampia accezione possibile. I contributi potranno essere di qualsiasi natura scritti, performance, video, produzioni editoriali, installazioni, infografiche ecc e verranno selezionati dagli organizzatori. Le candidature per questi contributi vanno inoltrate a  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Call for sponsors

La call è aperta anche a soggetti che desiderino supportare l'iniziativa mettendo a disposizione le proprie risorse, siano queste di natura materiale o immateriale. Sono benvenuti materiali, grezzi o lavorati, generi di consumo per la parte catering e rinfreschi, mezzi di locomozione (sostenibili!), attrezzature audio video, così come mediapartner per la diffusione dell'iniziativa, videomaker, addetti stampa, volontari per la realizzazione dell'allestimento. Verranno accettate solamente le candidature ritenute in linea con lo spirito dell'iniziativa. Scrivete a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Retrobottega

@Ferramenta Pietro Vigano

Via Montevideo 8, Milano

9-14 Aprile 2013

Pubblicato in Nigthlife
L’utilizzo della plastica per creare complementi di arredo è stata una vera e propria rivoluzione: ha aperto le porte a una concezione più dinamica e innovativa dei materiali, ai materiali che si sottomettono al designer e non il contrario. Proprio per celebrare questa storia fatta di creatività e coraggio è stato scritto un libro “Kartell - The culture of Plastic”, che narra gli eventi che hanno portato la famosa azienda italiana a diventare una vera e propria auctoritas nel campo del design, vera pioniera dell’arredamento in plastica e dell’interior fitting. Fondata nel 1949 da Giulio Castelli, Kartell nata con l’intento di incarnare l’intuizione materica di Fontana, lo spirito innovatore del Futurismo e la voglia di osare. Una storia che è partita da un ingegnere chimico Giulio Castelli e che, anno dopo anno, ha collegato come un filo rosso i nomi di alcuni tra i più grandi designer al mondo, da Joe Colombo a Philippe Starck, da Gae Aulenti a Ettore Sottsass e poi ancora Marco Zanuso, Ron Arad, Antonio Citterio e Vico Magistretti. "Volevo fare qualcosa di nuovo con i nuovi materiali che il mercato stava rendendo disponibili, cercando di generare attraverso i miei prodotti bellezza, innovazione e soprattutto sorpresa”, dice il fondatore. Un libro importante arricchito anche da due saggi introduttivi: “I love Kartell” di Franca Sozzani, direttore di Vogue Italia, e “La cultura della plastica” di Silvana Annichiarico. Il libro è un viaggio nella storia del marchio condotto attraverso il contributo di storici, architetti, designer e responsabili di produzione di uno dei nomi che hanno reso l'Italia celebre nel mondo. Un must have da collezione e un esempio lampante del migliore sogno Made in Italy.
Pubblicato in Cultura
Venerdì, 01 Febbraio 2013 13:22

DoroDesign: Aria

Noi di Nerospinto amiamo il design, l'arredo che si fonda all'arte per creare spazi sempre nuovi in declinazioni underground che ci fanno sentire vicini alle grandi metropoli europee. Amiamo la creatività esplosiva dei giovani, le idee che diventano azioni.

Viafarini ospita, in collaborazione con unconventionalproject, la passione, la sperimentazione e la ricerca di DORODESIGN , studio creativo fondato a Torino nel 2009 dai designer Dario Olivero (1984), e Stefano Ollino (1986). La loro esperienza e il loro dinamismo viene messo in mostra negli spazi di Viafarini DOCVA alla Fabbrica del Vapore. Un esperimento che unisce e interroga i processi creativi che regolano il mondo del design auto prodotto, l'arte e la ricerca.

La selezione di materiali semplici come ferro e acciaio porta alla creazione di prodotti domestici ispirati alla modernità e realizzati per spazi abitabili continuamente in evoluzione, concepiti per esaltare lo spazio e tutto ciò che lo circonda grazie al disegno lineare dei pezzi. Quello di DORODESIGN è un territorio sperimentale dove si svolge un’incessante ricerca di un assetto definitivo e allo stesso tempo all’avanguardia che trae ispirazione da ogni angolo del mondo.

"Questo incontro con lo studio DORODESIGN è dedicato ad a r i a, sua seconda serie di elementi d’arredo, firmata DOROLIFESTYLE; ed è concepito come indagine del processo di ideazione del prodotto e della sua introduzione nell’ambiente domestico. Rovesciando l’idea stessa di esposizione sono qui visibili due fasi della filiera produttiva, progettazione e utilizzazione: due attività, non un prodotto da contemplare. Come una maglia indossata al rovescio: ciò che è dentro è fuori e ciò che fuori è dentro, e l’etichetta compare in vista sul collo. In una cultura ossessionata dagli oggetti, è proprio il vuoto (l’aria), in quanto possibilità di movimento e di relazione, che contribuisce a determinare la qualità di uno spazio. L’elemento a r i a si relaziona al vuoto rivelandone l’ampiezza; ne precisa i confini lo rende manifesto, fruibile, vitale. Ogni elemento è un’unità di misura presso la quale il vuoto si emancipa da antimateria per divenire fondamento creativo della concezione DOROLIFESTYLE. A r i a, arreda, quindi, con il vuoto; con la sua struttura minima, mantiene e crea possibilità di movimento perché i vuoti si moltiplichino e nuovi movimenti siano possibili. E’ fatta per accogliere e restituire centralità alla natura sensibile dell’ambiente e alle persone che in quello si muovono e vivono. Quindi, l’arredamento si vuota per far posto alle persone, alle relazioni e alle idee. Gli elementi DOROLIFESTYLE sono progettati per approssimarsi agli altri oggetti e valorizzare il luogo in cui sono collocati; non per stupire, sedurre o soddisfare l’ego del designer (concentrando su di sé l’attenzione e occupando e richiedendo spazio). La semplicità dell’handmade nella concezione e nella produzione corrisponde ad un approccio attuale e avanzato. La sedia a r i a viene creata da un’unica bacchetta di ferro, tagliata e assemblata per formare il telaio. La seduta è realizzata da un unico foglio di acciaio. Nessuno scarto, nessuna sbavatura; come una quadricromia ben riuscita. Nessuna incongruenza teorica o formale ma corrispondenza netta tra progettazione, prassi costruttiva, forma e funzione. Come una sorta di Socle du monde domestico, a r i a è base vivace per chi desidera operare delle scelte libere per la costruzione del proprio luogo."

7-8 febbraio 2013 7 febbraio 2013, ore 18.30 - 21.00 INAUGURAZIONE con la presenza dei designer Dario Olivero e Stefano Ollino 8 febbraio 2013, ore 11.00 - 21.00 MOSTRA e OPEN DAY PRESS con la presenza dei designer sede: Viafarini DOCVA, via Procaccini 4, Milano progetto curatoriale: Francesca Fiorella e Pietro Spoto allestimento: studioliquido

 

Pubblicato in Cultura

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.