CHIAMACI +39 333 8864490

|||

Tempi nuovi - Cristina Comencini e la sua riflessione sulla modernità in scena al Teatro Manzoni

Tempi nuovi è il nome della commedia ironica e leggera che Cristina Comencini sta portando in tutta Italia. Una grande riflessione sulla modernità, sulle sue contraddizioni e sui cambiamenti in cui tutti, ma proprio tutti, siamo immersi. Fino al 24 febbraio, lo spettacolo va in scena al Teatro Manzoni di Milano. Protagonisti Iaia Forte e Maurizio Micheli.

Tempi nuovi e tempi vecchi. Passato e presente. Ma anche futuro. Nuove generazioni e vecchie generazioni. In mezzo il confronto, l’incontro e l'inevitabile scontro generazionale e il peso della modernità.

Con Tempi nuovi, la scrittrice, regista e sceneggiatrice romana Cristina Comencini indaga infatti la modernità e, in particolar modo, la famiglia moderna,

e lo fa mettendo sulla scena un nucleo familiare completamente investito dai repentini e sorprendenti cambiamenti della nostra epoca, con cui tutti, vecchie e nuove generazioni, prima o poi dobbiamo fare i conti. Tecnologia, mutamento dei mestieri, dei saperi, e dei meccanismi delle relazioni umane.
Un terremoto che arriva a sconvolgere comicamente – facendoci ridere e sorridere, ma spingendoci anche a una profonda riflessione  – la vita dei quattro personaggi protagonisti di questo spettacolo. Che prende spunto dalla realtà, e ad essa pienamente aderisce.

A vivere lo spaesamento dei tempi nuovi è una tipica famiglia borghese contemporanea composta da Sabina (Iaia Forte), giornalista che sente il bisogno di stare al passo coi tempi e che, d’altro canto, sembra essere padrona della realtà 2.0, complice un corso serale che ha dovuto seguire per imparare a dare una notizia in tre righe e non essere sbattuta fuori dal giornale, grazie al quale, come ripete spesso al marito, si sente moderna. E da Giuseppe (interpretato da Maurizio Micheli, che ha sostituito Ennio Fantastichini, venuto a mancare lo scorso dicembre), uno stimato storico che insegna all’università e che vive circondato da migliaia di libri che si susseguono sugli scaffali, l'uno di fianco all’altro, che non può fare a meno delle loro pagine, e che è carico di tutto ciò che ha studiato, letto e scritto.

Al loro fianco ci sono i due figli, Clementina (Sara Lazzaro) e Antonio (Nicola Ravaioli). Antonio è un teenager, non sembra andare molto d’accordo con la storia, e vive leggero nella sua epoca fatta di connessioni rapide e senza alcun legame col passato, tranne quando si trova a dover fare un compito sulla resistenza e ha bisogno di tutto il sapere del padre; Clementina, invece, è la figlia maggiore, vive fuori casa e irrompe sulla scena per dare ai genitori una notizia che metterà in crisi gli equilibri familiari portando a un rovesciamento dei ruoli.

Tutto prende il via da quella stanza colma di libri dove i personaggi si muoveranno per tutto il tempo, quando Giuseppe scopre, andando nel panico, che il file con il testo di una sua importante conferenza è finita nel cestino del computer. E da questo momento, il divario tra antico/tradizionale e moderno/innovativo si insinuerà sempre più nella vita di ogni personaggio.

Tempi nuovi ha il pregio di raffigurare situazioni molto reali, che fanno ridere e contemporaneamente spingono a farsi domande e a fare riflessioni su temi che toccano da vicino l’intera collettività – su cui non intende dare giudizi, ma soltanto lasciare ad ognuno lo spunto di una domanda.

Merito di una prosa scorrevole e coinvolgente, fatta di un linguaggio che riproduce il parlato in maniera leggera ed efficace, e alla vena di umorismo che pervade i dialoghi.

Tempi nuovi
Teatro Manzoni – Milano
Fino al 24 febbraio
Martedì - sabato: ore 20.45
Domenica: ore 15.30
www.teatromanzoni.it

Scritto e diretto da Cristina Comencini
con Iaia Forte, Maurizio Micheli, Sara Lazzaro e Nicola Ravaioli
Scene: Paola Comencini
Costumi: Antonella Berardi
Aiuto alla regia: Paola Rota
Assistente alla regia: Jacopo Angelini

Martina Zito

Lucana di nascita, casertana per 16 anni e milanese d'adozione da 3.
Sono cresciuta a pane e libri, per cui le tre cose a cui proprio non posso rinunciare sono, nell'ordine: mangiare, sguazzare tra le parole, e bivaccare sul divano.
Pignola (sempre), pessimista (quasi sempre), chiacchierona (quando voglio)

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.