CHIAMACI +39 333 8864490

Real Flowers è il terzo singolo estratto dal fortunatissimo album “Light blue” (Layell label) dei Lev, band che dalla Sicilia, a Gennaio toccherà tutte le regioni italiane.

La band che ha ricevuto ottimi feedback e, il videoclip del nuovo singolo, rappresenta la chiusura di un cerchio per l’album pubblicato dalla band marchigiana in collaborazione con Layell label che ha registrato il sold out per la vendita delle copie fisiche.

“I fiori, simbolo di purezza e di fragilità sono nelle strade. I veri fiori sono le persone che ci chiedono aiuto, i loro petali sono come le loro braccia che aspettano di essere salvate.

E allora che importa se perdiamo qualcosa di nostro e lo doniamo agli altri? Sembra un concetto così fanciullesco, ma metterlo in pratica è cosa ardua.”

 La band marchigiana di Matteo Pagnoni (voce e chitarra), Damiano Cherchi (basso e synth) e Mattia Bassetti (batteria) sarà in tour per tutto il 2020 per festeggiare il risultato di “Light Blue” che continua ad essere trasmesso dalle radio di tutto il mondo.

Non mancheranno le sorprese sui palchi del italiani.

Milano non ha più segreti! Con MyMi- Milano Style Decoder, sapere dove andare nella città meneghina non è più un problema.

MyMi segnala gli eventi e i locali più cool della città, con informazioni e approfondimenti utili per trovare il posto adatto per ogni occasione.

MyMi ora è anche disponibile nelle vostre tasche! La nuova versione si chiama MyMi Everywhere ed è un’applicazione per Apple e Android, che con un solo click ti terrà informato sugli eventi, le mostre in corso, i locali più esclusivi e i ristoranti più raffinati.

L’applicazione è una vera e propria agenda virtuale per conoscere e sfogliare percorsi di intrattenimento in città, da Montenapoleone ai Navigli, senza dimenticare il Duomo e il centro storico di Brera.

MyMi Everywhere è stata pensata in una versione ottimizzata, adatta ad un uso limitato della banda e scaricabile con estrema facilità direttamente dal sito www.mymi.it .

[gallery size="large" columns="1" ids="46531"]

 

 

Info:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.mymi.it

Luisa Turuani & Bros all’interno della sua mostra site-specific “SQUARTO – Carne da macello” fino al 31 maggio 2015 allo Studio Museo Francesco Messina.

 

L’associazione cramum e la Fondazione Giorgio Pardi insieme al Museo Francesco Messina continuano il proprio sforzo a favore dei giovani artisti e dell’arte contemporanea a Milano.

All’interno della mostra site-specific di Daniele Salvalai, curata da Sabino Maria Frassà & Andi Kacziba,SQUARTO – Carne da macello” verrà data la possibilità a due giovani artisti, alunni del Maestro, di presentare e allestire temporaneamente una propria opera.

Si innesca un ricco e virtuoso dialogo tra generazioni di artisti: Francesco Messina, Daniele Salvalai e i giovanissimi Bros e Luisa Turuani. La mostra site-specific di Daniele Salvalai è del resto parte integrante del premio cramum, che nasce proprio con l’intento di colmare il gap generazionale e sostenere i migliori giovani artisti in Italia: chi vince il premio cramum ha diritto a due anni dalla sua vittoria di allestire una mostra site-specific allo Studio Museo Francesco Messina.

 

Le opere presentate sono:

 

  • 00:00 (Mente locale) di Luisa Turuani (dal 20 al 24 maggio).
  • David di Bros (dal 27 al 30 maggio).
 

 Il Premio cramum dal 2013 sostiene i migliori giovani artisti in Italia, mettendoli in relazione con artisti di fama internazionale e professionisti del mondo dell’arte.

 

 

Daniele Salvalai presenta due opere di

Luisa Turuani & Bros

All’interno della sua mostra site-specific

SQUARTO – Carne da macello

 

Mostra e allestimenti a cura di Sabino Maria Frassà & Andi Kacziba

 

Studio Museo Francesco Messina Via San Sisto 4/A Milano

 Fino al 31 Maggio 2015: da martedì a domenica dalle 9.00 alle 17.30

 Promotori: Fondazione Giorgio Pardi & Associazione Cramum

 

Partner e patrocini del 3° Premio cramum: Comune di Milano, Città Metropolitana di Milano, Edicola Italiana, Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano, Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, EXPO 2015, Padiglione Italia EXPO 2015, Ministero Armeno della Diaspora, Ambasciata di Danimarca in Italia, Consolato Generale della Repubblica Federale di Germania, Consolato generale di Svizzera a Milano, Consolato generale di Ungheria a Milano, Università degli Studi di Milano, Istituto Europeo di Design, Accademia di Danimarca, British School of Rome, British Council, Goethe-Institut Mailand, amanutricresci.

 

 

[gallery type="rectangular" ids="43106,43107"]

Per gli appassionati d’arte asiatica la Milano Asian Art, l’unica manifestazione italiana dedicata alla cultura millenaria d’oriente ormai alla sua sesta edizione, sarà visitabile fino al 30 maggio 2015 al Museo Poldi Pezzoli.

 

Milano Asian Art è nata nel 2010 in occasione della mostra di Palazzo Reale Giappone. Potere e splendore 1568 – 1868. L’impegno di Dalton-Somaré, Giuseppe Piva Gracis con l’ospite Joost van den Bergh, La Galliavola, David Sorgato, Mirco Cattai e Renzo Freschi, condiviso dopo Palazzo Reale da un’altra realtà istituzionale come il Museo Poldi Pezzoli, vuole essere esempio e contributo allo sviluppo di un sistema espositivo e organizzativo sempre più integrato e sinergico, e un tassello importante nell’identificazione di Milano quale città di cultura internazionale. Nei mesi in cui Milano è protagonista sulla scena internazionale con EXPO 2015, questa iniziativa offrirà ai milanesi e al numerosissimo pubblico internazionale di appassionati d’arte e semplici curiosi, un programma di mostre, eventi e iniziative culturali che si snoda nel cuore della città.

 

In questa occasione il Museo Poldi Pezzoli propone un percorso focalizzato sulle collezioni di arte orientale.

 

Gian Giacomo Poldi Pezzoli acquistò numerose opere orientali, incrementate nel corso del Novecento da importanti donazioni. In occasione di Milano Asian Art, i visitatori possono ammirare preziosi oggetti normalmente non esposti. Tra questi spiccano i 100 netsuke più significativi della Collezione Lanfranchi e la raffinata raccolta di metalli islamici del XV secolo. A questi si aggiunge il celebre Tappeto Persiano “di Caccia”, le porcellane cinesi e giapponesi, e, infine, un raro recipiente cinese da vino a forma di tapiro della dinastia Qing.

 

Gli oggetti del “il percorso orientale” sono segnalati con il simbolo dell’evento e descritti in una scheda distribuita all’entrata. L’ingresso è gratuito per i visitatori che presenteranno il biglietto d’invito di una delle Gallerie partecipanti ad Asian Art

 

Milano Asian Art è il collage affascinante del differente interpretare e vivere il comune trasporto di sette antiquari-collezionisti milanesi verso la millenaria cultura orientale. E’ l’insieme di collezioni che sono compendio, forse più immediato e probabilmente più intimo, alle opere di arte orientale presenti nella collezione creata da Gian Giacomo Poldi Pezzoli. La galleria privata, a differenza del Museo e dalle mostre istituzionali offre l'occasione di innamorarsi di un oggetto, corteggiarlo, toccarlo, sentirlo proprio fino al punto di ambire possederlo... Milano Asian Art spera di unire, come a Londra e New York, la globalità degli appassionati perché è un percorso artistico e culturale rilevante e completo. Le sette mostre, affiancate dalla collezione del Museo Poldi Pezzoli, sono pensate e realizzate con competenza e attenzione critica, offrono una visione composita per matrici culturali perché dal Vicinoall’Estremo Oriente arrivano al sud-est asiatico attraverso il sub-continente indiano, una visione articolata in ordine di tempo spaziando dall’antichità al periodo contemporaneo e completa per tecniche e materiali proponendo bronzimarmi e pietregiade e laccheporcellane e avori, ma anche tappeti, tessuti, dipinti, sculture e la fotografia nella duplice veste di arte e testimonianza storico-sociale. Milano Asian Art è un percorso d’arte che rispecchia l’attualità delle ultime tendenze estetiche che in una matura evoluzione dello spirito minimalista hanno valorizzato la bellezza di queste opere oltre al puro valore intrinseco.

 

Orario: dalle 10,00 alle 18.00

Chiuso il martedì

 

Museo Poldi Pezzoli

Via Manzoni 12 02 79 4889/6334 02 45473811 www.museopoldipezzoli.it Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

[gallery type="rectangular" ids="42723,42722,42720,42719"]

 

Lunedì 25 maggio 2015 alle 17,30: Aborigeni d’Australia poesia + arte + musica per il ciclo EVENTI SPAZIO POLIVALENTE MUDEC a cura del Tavolo Museo delle Culture del Forum Città Mondo.

 

Un close-up sulla cultura indigena d'Australia attraverso diverse modalità espressive quali la poesia, le arti visive e la musica. Con l’intervento degli autori saranno presentati come introduzione storica e letteraria sulla cultura indigena d'Australia i libri “Oodgeroo Noonuccal. Con 'We are Going' ” di Francesca Di Blasio e Margherita Zanoletti (Università degli studi di Trento, 2013) e “Inside Black Australia” a cura di Pericle Camuffo e Nicoletta Buttignon (Bologna: QuDu, 2013), incentrati su due pietre miliari della poesia aborigena del XX secolo, rispettivamente del 1964 e del 1988.

Interverrà poi Alberto Bolzani, esperto di arte aborigena australiana, che illustrerà tre quadri provenienti dalla collezione dell'Aboriginal Art Museum di Utrecht e prodotti presso il Papunya Tula Artists Centre, nel deserto centrale australiano. Il dott. Bolzani spiegherà il significato di ciascun dipinto, illustrando la tecnica, i contenuti, la storia e gli artisti coinvolti. Come conclusione è proposto l’ascolto di alcuni brani eseguiti live da Ilario Vannucchi al didgeridoo, strumento tradizionale e di grande suggestione scenografica e acustica.

 

Evento a cura di Università degli studi di Trento, QuDu Libri, in collaborazione con Galleria Bolzani e con la partecipazione di Survival International Italia. Con il patrocinio dell’Ambasciata d’Australia.

 

Aborigeni d’Australia

poesia + arte + musica

lunedì 25 maggio 2015, ore 17,30

MUDEC - museo delle culture

 

via Tortona 56, Milano Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.www.mudec.it http://tavolomudec.wordpress.com

 

[gallery type="rectangular" ids="42706,42705,42704"]

In occasione di EXPO 2015, il 12 maggio verrà inaugura alla Galleria Bianconi di Milano, “Omaggio a Roberto Paolini”, mostra dedicata alla poliedrica figura dell’artista e chef Roberto Paolini.

Nell'immaginario collettivo internazionale, l’Italia, la sua cultura e la sua identità sono da sempre associate alla cultura del fare e della ricerca del Bello: quella cultura, quella tradizione che videro nel Rinascimento la massima realizzazione, quando nelle loro botteghe, i grandi Maestri affrontavano con lo stesso impegno e la medesima ideazione artistica gli affreschi delle grandi volte delle cattedrali così come le decorazioni degli splendidi cassoni nuziali destinati a principi e rampolli nobiliari, o i volti di quest’ultimi ritratti sulla superficie di fragili e preziose maioliche. È questa tradizione classica, trasfigurata nella contemporaneità, che, in un momento dialettico così importante fra l’Italia e la costellazione delle diverse culture internazionali, si intende celebrare con la mostra “Omaggio a Roberto Paolini”.

Come scrive Adriana Polveroni nel testo di presentazione della mostra: “Roberto Paolini è stato un “artista del fare”, che con le mani creava autentici capolavori. Che fossero piatti ingegnosi, quando ancora non si parlava di food, ma il cibo poteva essere comunque un gesto inventivo […]. E sia che fossero gioielli, più simili a sculture da indossare. Elaborate, imprevedibili, preziose. Opere uniche. […] Ecco, i materiali per Roberto Paolini erano importanti, andavano rispettati ma soprattutto esplorati, fino a tirarne fuori le potenzialità, le soluzioni meno ovvie che trattenevano al loro interno.”

È cosi che nelle opere esposte in mostra la materia, sia essa ferro, vetro o pigmento, riassume in se una sapienza antica che, riletta attraverso quelle domande di senso sulla luce, il colore, la forma o lo spazio, proprie della lezione di artisti come Lucio Fontana, Sol LeWitt e molti altri, diviene icona archetipica di un’identità, di un'appartenenza culturale. Negli spazi della Galleria Bianconi, oltre alle opere esposte per gentile concessione dell’Archivio Paolini, grazie alla cui collaborazione la mostra è realizzata, sarà presentata al pubblico per la prima volta l’installazione di inedite sculture in edizione limitata, realizzate per volontà, disegno e secondo le precise istruzioni del Maestro Roberto Paolini. In queste sculture la forma perfetta dell’uovo primigenio, modellato come un golem dalla terra, diviene, per mezzo di uno squarcio netto eseguito dalla mano dell’uomo, ritratto, volto dell’artista e di ciascuno di noi nella nostra individualità e moltitudine ad un tempo.

La Galleria Bianconi ospiterà la mostra fino al 16 Giugno, le edizioni limitate saranno in vendita presso la Galleria Bianconi. A conclusione del vernissage, nelle suggestive stanze del Palazzo Segreti, seguirà una performance, su invito, della stella emergente della cucina internazionale Roberto Valbuzzi, con la riproduzione di un’opera fedelmente tradotta in creazione culinaria e con la reinterpretazione di selezionati piatti dell’artista e chef Roberto Paolini. Un viaggio attraverso le possibili connessioni tra arte e cucina, discipline molto diverse ma straordinariamente capaci di attingere alle medesime forme e agli stessi linguaggi espressivi.

 

12 maggio - 16 giugno 2015

Omaggio a Roberto Paolini Testo di Adriana Polveroni In collaborazione con Archivio Paolini

Opening martedì 12 maggio ore 19.00

 

Galleria Bianconi via Lecco 20 Milano 02 22228336 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. www.galleriabianconi.com

Orari Lun-Ven: 10.30-13.00, 14.30-19.00 Sabato su appuntamento

 

Archivio Paolini via Cesare Battisti 2, 40123 Bologna 051 266167 - www.archiviopaolini.it

 

 

[gallery type="rectangular" size="full" ids="41708,41707,41706,41705,41704"]

Dal 22 aprile 2015 #FoodPeople: la mostra per chi ha fame di innovazione al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano.

 

Una grande mostra dedicata ai cambiamenti che hanno segnato il nostro modo di mangiare e alla complessità del sistema alimentare.

Protagoniste sono le persone: ciascuno di noi nella sua relazione con il cibo, i professionisti della produzione agroalimentare, ricercatori ed esperti del settore, ragazzi e adulti coinvolti nella progettazione dell’esposizione.

Condivisione, cambiamento, relazione e tecnologia sono le chiavi di lettura attraverso cui il Museo legge il tema di Expo 2015.

 

Mercoledì 22 aprile 2015 Inaugurazione ore 18.00 – Auditorium

 

Introduce e modera

 Fiorenzo Galli Direttore generale Museo Nazionale Scienza e Tecnologia

 Intervengono

Massimo Montanari Professore di Storia dell’Arte Medioevale e di Storia dell’Alimentazione Università di Bologna

Chiara Tonelli Professore di Chimica Università degli Studi di Milano

Salutano

 Gianni Fava Assessore all’Agricoltura, Regione Lombardia

Jozias Van Aartsen Sindaco di L’Aia

Ada Lucia De Cesaris Vice sindaco di Milano

Segue visita alla nuova esposizione e alla Deutch Innovation Zone progettata dal Museon di L’Aia

 

Milano, via san Vittore 21 www.museoscienza.org

 

Aprile è arrivato e il Salone del Mobile è ormai alle porte. Dal 14 al 19 aprile Milano sarà animata dalla tanto attesa Design Week, che anche quest'anno animerà le vie della città con i numerosi eventi del famoso Fuorisalone.

Come sempre le zone coinvolte di Milano sono la tradizionalissima Zona Tortona, le più recenti Ventura e Brera Design District e le new entry Santa Marta District, Sarpi, Porta Venezia e Sant'Ambrogio.

Durante tutti i cinque giorni si susseguiranno mostre, aperitivi, serate e djset.

Ecco allora i migliori appuntamenti selezionati per voi dal nostro Magazine. Buon Fuorisalone!

Eventi e mostre:

Suite 07, nuovo contenitore creativo in Brera che, coniugando design, innovazione e attenzione alle materie prime, saprà come esaltare i prodotti Meggreen, che saranno in esposizione dal 14 al 19 aprile. Attenta alle esigenze di un mercato che si rinnova velocemente, Meggreen è da sempre al fianco di designer ed architetti alla ricerca di pro­dotti di alta qualità. Elementi catalizzatori saranno le installazioni che i designer proporranno all’interno dello spazio per stuz­zicare l’appeal del visitatore.  Suite 07 e Meggreen vi aspettano giovedì 16 a partire dalle 18 per l' opening cocktail più creativo della città. Via Fatebenefratelli 2.

Eat Urban Food Truck Festival, è il festival del cibo di strada in zona Sant'Ambrogio, accompagnato da design e musica. Il giardino interno di S.Vittore 49 si trasforma in un grande ristorante all’aperto dove si sfideranno, dal 14 al 19 aprile, tante realtà della cucina di strada. Il tutto accompagnato dalla mostra DOUTESign 2015, dedicata a giovani designer, makers e innovatori nel campo del Food. Dalle 18.00 alle 23.00 installazioni e musica con live e djset.

Orto Botanico di Brera, ospita la mostra “The Garden of Wonders. A Journey Through Scents”  promossa dalla Fondazione Be Open di Yelena Baturina, che ha come tema il profumo inteso come prodotto che raccoglie in sé i valori delle piccole imprese artigiane. La mostra sarà allestita dal 13 aprile al 30 maggio. Via Brera, 28.

Origami restaurant & lounge, l'esclusivo ristorante nipponico di via Monte Grappa, 20 ospita “Origami Evolution”, la mostra di origami in marmo carrese di SA.GE.VAN Marmi, realizzati da Corinna Natalia Balloni e dal progettista Carlo Alberto Gasparini. L'esposizione sarà visibile durante tutta la settimana del Fuorisalone. Per i più festaioli invece, venerdì 17 si terrà un favoloso party con musica lounge & deep house, dove si potranno degustare i cocktail ideati per l'occasione dal barman Fabio Cesareni.

Brera design district accoglie tantissime mostre quest'anno: da Lavieri, con le sue creazioni di sartoria maschile a Vittorio Hodara, che dal 14 al 19 aprile, dalle 09.00 alle 19.00 sarà in via Morone, 8 con le sue nuovissime creazioni.

Fuorisalmone, il network dei designer e delle aziende che nuotano controcorrente, rete sinergica tra la creatività dei designer, il know-how delle aziende, le potenzialità dei prodotti e le risorse dei mercati. Dal 14 al 19 aprile, in via Massimiano 25, in Ventura design district, il Loft FuoriSalmone ospita le creazion dei designer e delle aziende controcorrente, in un ambiente che favorisce l'incotro tra aziende, progettisti e operatori del network FuoriSalmone. Per maggiori info: www.fuorisalmone.it

Fornasetti: in esclusiva per l'edizione 2015 del Fuorisalone di Milano, lo store di Corso Matteotti ospiterà le nuovissime creazioni di Barnaba Fornasetti e del designer Nigel Coates. Il tavolo "Grande Pesce", ideato dalla figlia del noto designer Piero Fornasetti, e il pouf "Baciapiede", disegnato da Coates, saranno in mostra esclusivamente dal 13 al 18 aprile, dalle 10.00 alle 20.00 e il 19 aprile dalle 11.00 alle 20.00. Vi invitiamo a visitare il sito www.fornasetti.com

10 Corso Como ospita "WE DON'T NEED NO DESIGN CONTROL", la mostra ideata da Gufram, invita il proprio pubblico a ribellarsi, ad abbandonare il feticismo degli oggetti, trasformando forme canoniche e icone del design in un gioco romantico di pura poesia. In occasione del Salone del Mobile di quest'anno, il concept-store più eclettico di Milano ospiterà due installazioni dove i protagonisti sarete voi, tra melodie stilistiche e sonorità estetiche, oggetti e personaggi tra i più rivoluzionari e visionari della scena internazionale del design. Dal 14 al 19 aprile in 10 Corso Como. Per maggiori info: www.gufram.it

Vanilla Bakery nelle giornate della Design Week lancia un cupcake American style al gusto di caramello e bacon. Una ricetta golosa e originale che arriva con successo dagli States. In più, mercoledì sera dalle 18.30 alle 21.30 Vanilla Bakery colora il cocktail Vogue da Biffi per la presentazione della Home Collection di Alessandro Enriquez. Biffi Boutique: Corso Genova 6.

AtelierForte in collaborazione con La NAVE DEI FOLLI, VIK – Associazione Culturale Nordica, The YESchool presenta lo spettacolo Baltic Odissey- Ursi Albi. Alle 20.00 performance dei Black Wojtyla. Domenica 19 aprile dalle 13.00 alle 19.00 in via Corelli, 34. Si ricorda che per partecipare è necessario essere iscritti a VIK per il 2015, compilando il modulo di iscrizione online. Per info: http://www.atelierforte.com/blog/2015/04/02/baltic-odyssey-ursi-albi/

Eventi notturni:

Elita design Festival, ormai giunto alla sua decima edizione, è l'unico vero festival di musica elettronica, che durante la settimana del Salone del Mobile ospiterà le esibizioni di moltissimi artisti del calibro di Benny Benassi e Cerrone. Ogni sera ospiti diversi. Per la line up completa visitare: www.designweekfestival.com.

Futurami 2015, spettacolo audio-visivo-emozionale giunto ormai alla quinta edizione, che quest'anno ha scelto l'Alcatraz per farvi vivere un closing party degno di una strabiliante Design Week. Djs internazionali, visual arts & amp, videos e show performances andranno avanti fino a notte inoltrata. Per info: http://www.alcatrazmilano.it/events/futurami-official-closing-party-design-week-2015/

Dude club, noto club meneghino, il 17-18-19 aprile ospiterà le performances di Marcel Dettman, Rødhåd, Delroy Edwards e molti altri. Info: www.dude-club.net/events/design-week-ben-klock-all-night-long/

Blanco Milano, il cocktail bar di via Morgagni, dal 15 al 18 aprile vanta una programmazione ricca di music guest ad hoc per l'occasione. Come se non bastasse verranno presentati nuovi cocktail futuruisti a cura di Fabio Tarroni, noto bartender. Serate con djset e favolosi cocktail per un preparty coi fiocchi.

Home Festival, il festival italiano più atteso dell'estate: un evento unico, inedito e originale che si ispira ai grandi raduni culturali e di divertimento internazionali come Sziget, Tomorrowland, Primavera Sound e  Coachella. Dal 14 al 19 aprile presenterà la sua sesta edizione, con performances live e djset.  Via tortona 10-12, dal 14 al 19 aprile, dalle ore 10.00 alle 00.00. Per l'intera programmazione clicca qui.

Le Cannibale, con il suo Block Party, celebra la settimana del design con un evento destinato a scuotere tutto il quartiere di zona Tortona, al Tempio di via Forcella 7. Un'intera serata da trascorrere tra arte, musica, video e performances. L'evento è programmato per il 15 aprile, dalle 19.30 alle 03.30, free entry.

Souvenir di Milano, che anche per questa edizione ritorna con una cinque giornate di arte e musica all'aperto. L'anno scorso ha riempito piazza Affari con 10.000 persone e anche quest'anno non deluderà: musica e arte animeranno la piazza per celebrare "L.O.V.E", l'insolente opera di Cattelan. Per l'occasione si potrenno acquistare souvenirs dell'opera, degustare originali cocktails e specialità culinarie, il tutto piacevolmente accompagnato da buona musica. L'inizio è previsto per il 14 aprile dalle ore 20.00 ma la festa di inaugurazione si terrà mercoledì 15 con uno speciale showcooking di Carlo Cracco.

L'Hotel Enterprise di Corso Sempione 91, giovedì 16 aprile ospita l'inaugurazione della mostra "Pop Series" by Miky Degni, artista/designer che per la prima volta presenta la nuova linea artistica disegnata per Tileskin. Vernissage ore 19.30.

Eppol Milano: il consolidato appuntamento Black Friday Milan si sdoppia in occasione del Fuorisalone. Venerdì 17 aprile dalle 22.00 ospite il produttore e manager Pierpaolo Peroni, accompagnato da Nicola Savino, conduttore televisivo, radiofonico e disc jockey, con il quale dividerà la console e che proporrà uno speciale e personale set su vinile. Sabato 18 aprile invece, per chiudere la settimana celebrando la femminilità, ospite d'eccezione alla console sarà la cantante Syria, che per l’occasione verrà accompagnata da Malika Ayane in qualità di special guest. Sempre dalle ore 22.00. Porta Venezia, via Marcello Malpighi 7.

Dopo anni di attesa, venerdì 27 marzo 2015 inaugura MUDEC, il Museo delle Culture di Milano.

 

Progettato da David Chipperfield, incaricato del progetto in seguito al  concorso di progettazione bandito nel lontano 2000, il museo è stato ricavato negli spazi della ex area industriale dell’ Ansaldo in zona Tortona e reinterpreta gli spazi in cui si inserisce con corpi dalle forme squadrate, rivestite in zinco e con una struttura in cristallo illuminata 24 ore su 24. Il nuovo museo sarà un luogo dedicato all’interculturalità, dove si confronteranno le culture planetarie e locali. All’interno dell’edificio si sviluppano diversi spazi che offrono al visitatore e alla città una molteplicità di proposte culturali e di servizi, distribuiti su 17mila metri quadri: sale della collezione museale e delle esposizioni temporanee, auditorium; Mudec Bistrot, Mudec Design Store, ristorante Mudec Club; aule didattiche, Mudec  Junior.

 

MUDEC inoltre è innovativo anche per la formula gestionale; è, infatti, il primo museo italiano con una governance in partnership tra pubblico e privato: Comune di Milano e 24 ORE Cultura – Gruppo 24 Ore. Da marzo la collezione permanente sarà in larga parte accessibile nei depositi con visite guidate mentre al termine di Expo Milano 2015 inaugurerà il percorso museale allestito nella sale espositive con le collezioni etnografiche del Comune di Milano. Il programma espositivo sarà arricchito da una programmazione di eventi collaterali che completerà la proposta culturale. Negli spazi adiacenti al MUDEC avrà infine sede la Mudec Academy che offrirà Master Full Time e Part Time a moduli, laboratori interattivi, corsi serali ed Eventi, con particolare riferimento ai settori delle eccellenza del Made in Italy quali Arte & Turismo, Design, Digital, Food & Wine e Fashion.

 

La vocazione interculturale che lo ha ispirato trova oggi la sua espressione in un progetto capace di rispondere alla chiamata, negli anni sempre più partecipata, del pubblico culturale in un panorama in continua trasformazione per le istituzioni museali, la loro sostenibilità e la loro identità tra ricerca scientifica, testimonianza storica, interpretazione della contemporaneità e visione sul futuro. Il visitatore del Museo delle Culture potrà visitare grandi mostre internazionali declinate attraverso i diversi linguaggi artistici, conoscere il patrimonio etno-antropologico delle collezioni del Comune di Milano composte da oltre 7000 opere d’arte, oggetti d'uso, tessuti e strumenti musicali provenienti da tutti i continenti, partecipare a una programmazione di eventi e iniziative a cura delle comunità internazionali presenti sul territorio.

 

Le prime due mostre, che occupano tutti gli spazi espositivi del Museo, sono state ideate in relazione all’eccezionale occasione di Expo Milano 2015.

AFRICA - La terra degli spiriti 27 marzo / 30 agosto 2015

Le 270 opere che compongono questa grande e raffinata mostra, curata da Claudia Zevi, intendono dare conto dei diversi sguardi con i quali la cultura occidentale si è posta dinnanzi alle espressioni plastiche dell’Africa

 

MONDI A MILANO. Culture ed esposizioni, 1874 - 1940 27 marzo / 19 luglio 2015

L’esposizione illustrerà come la città di Milano abbia accolto e divulgato al grande pubblico le diverse culture non europee nel corso dei suoi più rilevanti eventi espositivi.

 

MUDEC Museo delle Culture via Tortona 56 - Milano 02 54917 www.mudec.it Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

[gallery type="rectangular" ids="40355,40354,40353"]

Il 12 marzo verrà inaugurata a Palazzo Reale la mostra "Arte Lombarda dai Visconti agli Sforza - Milano al centro dell'Europa", che mira a celebrare una delle pagine più gloriose della storia della città, che a partire dall'avvento della signoria dei Visconti prima e degli Sforza poi, si affermò come una delle città più importanti d'Europa, cui la città rende omaggio in coincidenza con l'evento di EXPO 2015, durante il quale il capoluogo lombardo diventerà per cinque mesi il centro del mondo.

Sulle orme della rassegna del 1958 curata da Roberto Longhi, che riscosse un grande successo di critica e pubblico, la mostra analizza lo sviluppo della società e della cultura milanese e lombarda, sottolineando il ruolo che la dinastia dei Visconti e quella degli Sforza ebbero nella crescita del ducato e nel mecenatismo delle arti, che raggiunsero vertici altissimi in tutti campi, dalla miniatura all'oreficeria, dalla vetrata alla pittura, dalla scultura all'architettura. L'evoluzione di Milano come grande centro manifatturiero e commerciale e la progressiva espansione territoriale, ebbero positive ripercussioni sullo sviluppo economico e culturale della città, tanto che dal XIV secolo fino alla prima metà del XVI, Milano e la sua corte diventarono luogo di incontro di artisti, scienziati e letterati. Fu proprio durante i governi dei Visconti e degli Sforza che sorsero i più importanti monumenti della città, come il Castello Sforzesco, il Duomo e la chiesa di Santa Maria delle Grazie.

L'esposizione prevederà un'ampia e ricca selezione di dipinti, importanti documenti storici provenienti dagli archivi di Stato, codici miniati, piante e monete antiche, opere di artisti del calibro di Giovanni di Balduccio, il Maestro di Viboldone, Bonino da Campione, Giovanni da Milano, Giusto de’ Menabuoi, Giovannino de’ Grassi, Michelino da Besozzo, il Maestro Paroto, Francesco Zavattari, Bonifacio Bembo, Pisanello, Gentile da Fabriano, Vincenzo Foppa, Zanetto Bugatto, il Maestro di Chiartavalle, Gottardo Scotti, Giovanni Antonio Amadeo, Bernardino Butinone, Bergognone sino ai leonardeschi Boltraffio, de Predis e Zenale. Questa mostra vuole raccontarci l'antica e sempre attuale vocazione internazionale di Milano, dove, grazie all'azione illuminata di personaggi come Azzone Visconti e Ludovico Sforza, le maestranze locali poterono entrare in contatto con artisti del calibro di Giotto e Leonardo, cui saranno dedicate altre due eccezionali rassegne, sempre nella sede espositiva di Palazzo Reale.

“Oggi l’arte lombarda della fine del Medioevo e del Rinascimento - affermano i due curatori Mauro Natale e Serena Romano - appare come una realtà storica di grande rilievo internazionale, che estende le proprie diramazioni ai maggiori paesi europei”. Fortemente promossa dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Milano, co-prodotta da Palazzo Reale e Skira Editore, a più di cinquant'anni dall'esposizione di Palazzo Reale, questa nuova splendida mostra propone una rilettura della storia artistica lombarda, riconoscendo nelle aperture e nelle relazioni con gli altri territori una parte sostanziale della sua identità.

 

12 marzo 2015 - 28 giugno 2015

Arte Lombarda dai Visconti agli Sforza Milano al centro dell'Europa

 

Palazzo Reale Piazza del Duomo  12 - Milano

 

Orari Lunedì: 14.30 - 19.30 Martedì, mercoledì, venerdì e domenica: 9.30 - 19.30 Giovedì e sabato: 9.30 - 22.30

 

Biglietti Intero: 11,50 €

 

[gallery type="rectangular" size="full" ids="38714,38713,38712,38711,38715,38716"]

Pagina 1 di 3

SANREMO LIVE

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.