CHIAMACI +39 333 8864490

In un angolo verde, a due passi dallo stadio San Siro, la famiglia Mazzeo nel 2014 ha rilevato una bancarella che vendeva pane e mortadella trasformandola in un concept di ristorazione che ha chiamato Ortobello.

Pubblicato in Food
Domenica, 02 Marzo 2014 18:37

Invasione teatrale in Isola

Il quartiere più hipster di Milano, la zona più dinamica della città si sta per animare e ospitare un’invasione teatrale.

Dal 4 al 9 Marzo il Teatro Verdi ospiterà le giovani e talentuose compagnie Odemà e Eco di Fondo che presenteranno ogni sera due spettacoli (uno alle 19.30 e uno alle 21.00): Sogni di Eco di Fondo, in debutto nazionale, Binario Mare, un altro debutto nazionale e Mea Culpa di Odemà.

Binario Mare è un racconto tra realtà, mito e fantasia per chi pensa che non sia mai troppo tardi per partire, viaggiare, realizzare un sogno. Non solo racconti ma anche canzoni spalancano le acque di quella necessità recondita e nascosta di ognuno di noi, di voler sapere cosa c’è dietro l’angolo dell’ignoto: “… fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza”. I testi e le canzoni sono di Enrico Ballardini, lo spettacolo è diretto e interpretato da Enrico Ballardini e Giulia d’Imperio.

Sogni da Sogno di una notte di mezza estate di William Shakespeare, altro debutto nazionale, ha come regia Giacomo Ferraù. Sul palcoscenico un cast davvero talentuoso formato da con Andrea Pinna, Valentina Scuderi, Giulia Viana. Lo spettacolo prova a leggere l’Opera in questo modo: e se invece si fosse veramente svegli, vivi soltanto quando si è innamorati? Se fosse vero invece che il resto della nostra vita la passiamo come immersi in un livello onirico inconscio di routine e quotidianità?

Il terzo spettacolo Mea Culpa è un progetto drammaturgico di Enrico Ballardini diretto e interpretato da Enrico Ballardini, Giulia D’Imperio, Davide Gorla. Nato dalle riflessioni sorte dalla lettura dell’opera di Josè Saramago.

Gli spettacoli sono proposti all’interno del più ampio e articolato progetto R–esistir, atti per una cultura comunitaria, una residenza teatrale o laboratorio permanente nel quartiere Isola con l’obiettivo di risvegliare, nel singolo cittadino e nella comunità, la necessità di chiedere al proprio quartiere “una cultura condivisa” e sperimentabile. Il progetto R-existir nasce dalla fusione di due parole esistere e resistere, per dare l’idea di un elisir di sopravvivenza per il teatro. Dopo il prologo di Novembre, in cui le realtà promotrici e i cittadini di quartiere si sono incontrati e confrontati ora prende forma il Teatro Verdi, il primo atto di questo progetto pluriennale di residenza per innalzare l’attivismo culturale e la partecipazione del quartiere Isola. Il primo passo è l’attivazione di alcune Social Street di quartiere, facendo leva sulle compagnie teatrali coinvolte.

Le due compagnie metteranno a disposizione le proprie competenze per facilitare l’attivazione delle Social Street animando gli incontri e promuovendo il Teatro Verdi come luogo aperto e disponibile al quartiere. Il gruppo di FB “R-existir / social street isola” è stato attivato per l’occasione.

Non perderti questa novità di Milano, questa invasione teatrale in Isola! Scopri anche le iniziative per “Il lilla che avanza” su www.teatrodelburatto.it.

 

 

Il Programma FUORI PROGRAMMA: in occasione dell’inaugurazione della METRO LINEA 5 e della fermata Isola sabato 1 marzo 19.00 concerto C.A.(I.)N.I. – Odemà:  nella tensostruttura di piazza Gae Aulenti

martedì 4 marzo 19.30 -  Odemà, Binario Mare  | debutto nazionale 21.00  - Eco di fondo, Sogni | debutto nazionale mercoledì 5 marzo 19.30 - Eco di fondo, Sogni 21.00 - Odemà, Binario Mare

giovedì 6 marzo 19.30  - Odemà, Mea Culpa 21.00  - Eco di fondo, Sogni

venerdì 7 marzo 19.30 - Eco di fondo, Sogni 21.00 - Odemà, Mea Culpa

sabato 8 marzo 19.30 - Odemà, Mea Culpa 21.00 - Eco di fondo, Sogni

domenica 9 marzo 16.00 - Eco di fondo, Sogni 17.30 - Odemà, Mea Culpa

 

Teatro Verdi

Via Pastrengo 16, Milano – Tel. 02 688003802 6880038 

Biglietti:   intero 20€ - convenzionati 14€ ridotto over 65/under 25 10€ cumulativo (2 spettacoli) 28€ mercoledì posto unico 10€ 

500 biglietti a 5€ per Social Street Isola

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI: 

02 2700247602 27002476 - www.teatrodelburatto.it - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Prenotazioni : orario da lunedì a venerdì 10.00/13.00 -14.00/18.00

La Biglietteria presso il Teatro Verdi  è aperta solo nei giorni di spettacolo

 

Call
Send SMS
Add to Skype
You'll need Skype CreditFree via Skype

Pubblicato in Cultura

Non è un romanzo, non è un saggio, non è un manuale: L’odore del legno e la fatica dei passi, la prima fatica di Alberto Oliva, è il racconto di una vita, delle esperienze, delle gioie e dei dolori di un giovane che, a soli 28 anni, ha già un bagaglio notevole di cose da raccontare e di insegnamenti da offrire.

Laureato in Scienze dei Beni culturali all’Università degli Studi di Milano, e si è diplomato in regia alla Scuola d’arte drammatica Paolo Grassi. Nonostante la sua giovane età, può vantare numerose regie teatrali, sia nell’ambito della drammaturgia contemporanea che nella rivisitazione in chiave moderna dei grandi classici, e il prestigioso “Premio Internazionale Luigi Pirandello” del 2012 come miglior regista emergente.

Non un “bamboccione”, non lo specchio della gioventù svogliata e nullafacente che ci viene spesso presentata, ma un ragazzo che ha sempre tenuto vivi i suoi interessi, che si è rimboccato le maniche per realizzare i propri sogni.

Con sguardo ironico e lucido Oliva racconta il suo percorso: le fortune e le sventure, i compagni di viaggio, i buoni consiglieri e i cattivi maestri sono i protagonisti di un racconto che esprime lo spirito del nostro tempo. Un percorso di formazione che con passo leggero attraversa le aule universitarie, i corridoi dei teatri, le sale prova, gli studi medici e perfino la sala di aspetto di uno stralunato Vittorio Sgarbi, protagonista involontario di uno degli episodi più divertenti del libro.

Attraverso il percorso di Alberto, si racconta l’Italia di oggi, le sue problematiche, la difficoltà di essere giovani con un futuro ancora da costruire, ma anche le sue bellezze, la voglia di una rinascita che serpeggia e la possibilità di realizzarsi anche qui, nel paese più bello del mondo.

 

dal 15 novembre in libreria

L’odore del legno e la fatica dei passi Resto in Italia e faccio teatro di Alberto Oliva ATì Editore introduzione di Giorgio Galli

Pubblicato in Nigthlife

Noi di Nerospinto amiamo i sentimenti forti, l'essere esteti della parola che si trasforma in dramma, ci spingeremo al Teatro Manzoni, e voi?

Dopo il successo ottenuto dal debutto nazionale a Chieti, e dalla tappa nella splendida cornice della Capitale, il Vate arriva a Milano.

In occasione del 150° anniversario della nascita del Vate, avvenuta a Pescara nel 1863, l’Italia celebra uno dei maggiori poeti e personaggi della cultura del 900. Prendendo spunto dall’approfondita biografia del poeta abruzzese, scritta da Giordano Bruno Guerri, storico prestigioso e presidente del Vittoriale degli Italiani, Edoardo Sylos Labini interpreta e scrive insieme a Francesco Sala “Gabriele d’Annunzio, tra amori e battaglie”: una pièce assolutamente innovativa che ripercorre la vita di un artista straordinario, che ha saputo imporre i propri sogni e le proprie idee in un susseguirsi di amori, passioni, infedeltà, avventure mondane e politiche, oltre che autentiche provocazioni poetiche vissute sempre con vittorioso clamore. Lo spettacolo, prodotto da RG Produzioni, ha debuttato il 9 febbraio a Chieti al Teatro Marrucino e sarà in scena a Milano dal 20 al 24 marzo nella prestigiosa cornice del Teatro Manzoni. Lo spettacolo rientra tra le iniziative de Il Vittoriale degli Italiani in programma nel 2013 per le celebrazioni ufficiali del 150° anniversario della nascita di Gabriele d’Annunzio e intende restituire al pubblico l’affascinante figura del Vate. Diretto dal regista Francesco Sala, è un tributo ad una delle personalità più controverse della scena culturale italiana del Novecento, un artista che ha saputo imporre i propri sogni, facendo “della propria vita come si fa un’opera d’arte”.

IL DISCO TEATRO

Edoardo Sylos Labini presenta lo spettacolo utilizzando un nuovo format teatrale unconventional: il “Disco Teatro”. Così ribattezzato da un critico, questo genere vede in scena una consolle dj ed è proprio sulle sonorità mixate e suonate dal vivo che gli attori interagiscono, arrampicandosi sui crepacci dei suoni e giocando con i ritmi dei piatti.

LO SPETTACOLO

Ispirato alla straordinaria biografia dell’eroe di Fiume, lo spettacolo “Gabriele d’Annunzio, tra amori e battaglie”, scritto da Edoardo Sylos Labini e Francesco Sala con la consulenza di Giordano Bruno Guerri, traccia la vita dell’artista scandita dal succedersi di amori, passioni, infedeltà, avventure politiche e mondane, autentiche provocazioni poetiche vissute sempre con vittorioso clamore. “Bisogna fare della propria vita come si fa un’opera d’arte. Bisogna che la vita d’un uomo d’intelletto sia opera di lui. La superiorità vera è tutta qui.”  (Gabriele d’Annunzio) D’Annunzio, amante instancabile, dalla sua stanza del Vittoriale rende omaggio alle sue donne: da Eleonora Duse alla moglie Maria Hardouin d’Altemps, dalla pianista Luisa Baccara, passando per la governante Amélie Mazoyer attraverso i versi de “Il Piacere”, de “Il Fuoco” e rivivendo un’insolita versione elettronica de “La pioggia nel pineto” mixata con le grandi arie di Wagner. In scena con Edoardo Sylos Labini, Giorgia Sinicorni nei panni della governante Amelie Mazoyer e Silvia Siravo in quelli di Luisa Baccara, mentre Alice Viglioglia interpreta la moglie Maria Hardouin e con la partecipazione di Viola Pornaro nel ruolo di Eleonora Duse. Nel cast anche l'inseparabile dj Antonello Aprea, con il quale l'attore da dieci anni sperimenta la formula del Disco Teatro. Le scene e i costumi sono affidati all'estro di Marta Crisolini Malatesta. Il maestro d’armi è Renzo Musumeci Greco. Il disegno luci è a cura di Sandro Manca. Le coreografie sono a cura di Marco Vesica mentre le fotografie sono realizzate da Pino Le Pera.

UNA MOSTRA PER ENTRARE IN “CASA D’ANNUNZIO” Dal 20 al 24 marzo 2013 presso il Teatro Manzoni di Milano In occasione dello spettacolo, RG Produzioni in collaborazione con DNArt organizzano presso il Teatro Manzoni di Milano l’omonima mostra, curata dallo storico Giordano Bruno Guerri.

IL FUMETTO DI GABRIELE D’ANNUNZIO In occasione delle celebrazioni ufficiali del 150° anniversario della nascita di Gabriele d’Annunzio, dal 7 febbraio 2013, in allegato con il quotidiano “Il Giornale”, sono disponibili 40.000 copie de il Fumetto “Gabriele d’Annunzio, tra amori e battaglie", che ricalca lo spettacolo. La prefazione, a cura di Giordano Bruno Guerri, delinea al meglio il Vate come uomo quotidiano e segreto, mentre le chine e le matite di Marco Sciame ci regalano un’insolita rappresentazione del poeta.

Al Teatro Manzoni dal 20 al 24 marzo Biglietto:  poltronissima € 30,00  -  poltrona € 20,00 Orari:  feriali ore 20,45  -  domenica ore 15,30

Uno spettacolo di Edoardo Sylos Labini In collaborazione con Giordano Bruno Guerri, Presidente del Vittoriale

Pubblicato in Foyer

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.