CHIAMACI +39 333 8864490

Nerospinto vi invita a trascorrere un nuovo ed intrigante weekend al Toilet Club, dove vi aspettano serate improbabili, incontri impossibili e un divertimento fuori dagli schemi.

Per l'occasione vogliamo ricordarvi che d'ora in poi la serata The Bang Bang Bar, che prima animava i vostri lunedì sera, d'ora in poi si terrà il giovedì.

Ecco il programma aggiornato:

 

 

Giovedì 25 aprile dalle 22.00 *The Bang Bang Bar*

 

Un luogo dove il flashback s'impadronisce del presente, dove tornare indietro nel tempo ma con una meta ben precisa. Un viaggio nella musica underground dei primi 90's per riscoprire il presente attraverso la ricerca. Un club dove la musica avvolge come una nebbia e cela le identità, mescolandole con il beat.

 

Djs:

Alex Carrara

Enrico Bernes

 

Link dell'evento:

https://www.facebook.com/events/164984046995244/

 

 

Venerdì 26 aprile dalle 23.30 *CKCD Fotoromanza + Live Anna Rock*

 

In occasione del concerto di Gianna Nannini al Forum di Assago, il Toilet è felice di ospitare la sua "Gianna" per l'after party Fake.

A vestire i suoi panni e ad interpretare le sue canzoni sarà Anna Rock!

https://www.facebook.com/AnnaRock.music

 

DRESS CODE: bandana, giacca di pelle, meravigliosa creatura.

(il Dress Code NON è obbligatorio ma indispensabile per vincere il contest per miglior outfit con in palio 3 FREE DRINKS)

 

In consolle:

JAPI QUEER & LaEMI dj show

 

FREE CHUPITO (entro l'1:00)

 

CINEFORUM nella sala al piano di sotto

 

Pics by Mercutio Chocolat

Graphic by Simone Pismo

 

In collaborazione con:

Yeep – Tutti gli eventi della tua città in un click!

(per iPhone e presto per Android Completamente Gratuita)

www.yeep.it

 

Link dell'evento:

https://www.facebook.com/events/148716365311367/

 

 

Sabato 27 aprile dalle 23.30 *Toilette presenta SQUAT: vinci Lana Del Rey al Forum*

 

Fra poco Lana viene in città e il Toilet vuole portarvi al Forum per farvi urlare a squarciagola sotto il palco quando volteggia come in lanadelreydancing.tumblr.com .

Perché questo sabato al Toilet puoi vincere 2 biglietti del concerto di Lana Del Rey del 7 maggio al Forum di Assago (sezione parterre).

Come partecipare? Semplice: ad ogni cocktail acquistato è associato un biglietto con un numero e 2 di questi verranno estratti nel corso della serata e decreteranno i fortunati vincitori.

Per il resto è la solita lagna di SQUAT! Con Rovyna, Nancy Posh, la Zelma, Erik Deep ma anche la Rachele, la Crocefixa, la Negra e Dan.

Link dell'evento:

https://www.facebook.com/events/251728928304025/

 

 

INGRESSO GRATUITO

con tessera Arci, Arcigay, Arcilesbica, Uisp

Non hai la tessera? Richiedila qui: www.circolotoilet.it/tessera

 

Toilet Club

via Ludovico il Moro, 171

Milano

Stasera, 22 aprile, Cristiano De André presenta il suo nuovo album ‘Come in cielo così in guerra’, che esce a dodici anni dall’ultimo disco.

 

Questa tappa del tour del celebre cantautore italiano sarà al Teatro Dal Verme e si aprirà con il singolo ‘Non è una favola’, attualmente in rotazione radiofonica, dedicando una prima parte del concerto a tutte le nuove canzoni, per poi passare a brani come, ‘Nella mia ora di libertà’, ‘Smisurata preghiera’, ‘Verranno a chiederti del nostro amore’, ‘La collina’, ‘Crêuza de mä’, ‘Amico fragile’, ‘Sidùn’, ‘Quello che non ho’, ‘Fiume Sand Creek’,‘Il Pescatore’, in omaggio al padre Fabrizio, mettendo in campo la sua sensibilità e le sue doti di polistrumentista, regalando grandi emozioni a se stesso e al pubblico.

 

Cristiano sul palco teatrale sarò accompagnato da storici tecnici quali Emiliano Morgia che si occupa della regia luci e dalla band composta da Osvaldo Di Dio alle chitarre, Davide Devito alla batteria e Daniele Dupuis alle tastiere e sequence.

Il tour è prodotto da International Music and Arts.

 

Biglietti: da 28,75 € a 51,75 € prevendita inclusa

http://www.ticketone.it/

 

Lunedì 22 aprile

Ore 21.00

 

Teatro Dal Verme

Via San Giovanni sul Muro, 2, Milano

 

http://dalverme.org/index.php

Con i suoi 50.000 pezzi, apre i battenti Fermo Immagine – Museo del Manifesto Cinematografico di Milano.

L'Associazione Atelier Gluck Arte gestisce lo spazio recuperato all'interno di un ex stabile industriale, che ha permesso di ricavare, oltre all'area espositiva, anche un punto ristoro (Il Caffè degli Ignoranti, dedicato ad Adriano Celentano, che ha reso famosa la via sede del museo) e una biblioteca tematica.

Ospiterà eventi, mostre, rassegne e convegni.

 

Ad inaugurare l'apertura, l'esposizione Impareggiabile Liz. Oltre cento pezzi tra manifesti, foto di scena, memorabilia, riviste, riproduzioni di abiti e gioielli che celebrano Elizabeth Taylor. La diva dagli occhi viola, vincitrice di due Oscar come migliore attrice per Venere in visone (1960) e Chi ha paura di Virginia Woolf? (1966), fu consacrata dal film Cleopatra (1963).

 

Il colossal necessitò di due anni di lavorazione e costò alla 20th Century Fox 44 milioni di dollari (cifra stratosferica per l'epoca e mandò quasi in rovina la casa di produzione). Ma tutto questo sforzo fu ripagato dalla vittoria di ben 4 premi Oscar per la migliore scenografia, migliore fotografia, migliori costumi e migliori effetti speciali.

Galeotta fu la pellicola: sul set si conobbero Liz e il suo (futuro) due volte marito Richard Burton.

 

Il museo si pone l'obiettivo di diventare il nuovo punto di riferimento per gli appassionati di cinema.

 

Fermo Immagine – Museo del Manifesto Cinematografico di Milano

Via Gluck 45, Milano

Dal martedì alla domenica dalle 14.00 alle 19.00. Lunedì chiuso. Ingresso libero.

Info: 02.36505760

www.museofermoimmagine.it

 

Il 17 Aprile 2012 usciva Padania, l’ultimo prodotto discografico made in Afterhours. Esattamente un anno dopo siamo quasi giunti alla fine del secondo tour promozionale, quello invernale, il Club Tour.  Dopo il grandissimo successo delle date estive infatti, tenutesi perlopiù in giro per palasport e arene all’aperto, il gruppo ha deciso di regalarsi e regalare una dimensione diversa, più contenuta ed intima, se vogliamo più underground. Una sorta di ritorno alle origini, si può dire.

 

A Milano, città che ha dato i natali a cinque dei sei componenti della band,  tornano per due date al Factory, il 18 e il 19 Aprile, entrambe sold out ormai da una settimana. Ieri la prima serata, cominciata con Padania, traccia n°6 dell’omonimo disco, ha decisamente raggiunto le aspettative del pubblico.  Il locale era in effetti piccolo e l’acustica non delle migliori, soprattutto per una band che sul palco non risparmia rumori e distorsioni. Poco male però, la performance è stata grandiosa in ogni caso, specialmente per un motivo: sciolti, sorridenti e coinvolti, gli Afterhours hanno regalato la sensazione più bella che si possa dare ad un pubblico: la gioia che deriva dal suonare.

 

Dopo un anno di promozione di Padania lo spazio dedicato ai nuovi pezzi è più ampio, costringendo la scaletta a privarsi di capolavori del vecchio repertorio che emozionano sempre molto i fan, da Dentro Marilyn a Quello Che Non C’è o Ballata Per Mia Piccola Iena. Tuttavia, mettendo da parte l’affetto per le canzoni più datate, le chicche che regala la sperimentazione canora e strumentale di Padania hanno probabilmente innalzato la performance ad un livello superiore. In Io So Chi sono il polistrumentista D’Erasmo si destreggia tra il pianoforte, il crash in prestito a Prette e il suo amato violino, muovendosi da una parte all’altra del palco come se nulla fosse;  Ci Sarà Una Bella Luce, con tutte le sue variazioni interne, è sempre molto suggestiva, e la voce di Agnelli, in questo pezzo spesso a cappella, si può cogliere in tutta la sua estensione graffiata, le cui potenzialità sono sempre più espresse ogni album che passa.

 

In seguito a Bunjee Jumping, tra i brani più ricorrenti nei live per l’intensità emotiva che riesce a creare, Manuel prende il microfono e decide di fare luce su una questione su cui si sono interrogati molti fan dalla prima data del Club Tour: la mise total white. “Volevamo fare un omaggio a Papa Ciccio!”, dice. Qualche risata, un paio di battute, e si ricomincia a suonare.

 

Dopo la prima pausa, la seconda parte comincia con Punto G, pezzo estratto da Hai Paura Del Buio?, secondo album della band, largamente considerato uno dei loro capolavori. E’ qui che cominciano le sorprese; un Roberto Dell’Era molto divertito che in falsetto canta Tutti Gli Uomini Del Presidente, e La Sinfonia Dei Topi, ultima traccia dell’album live uscito nel 2001, quasi mai proposta in concerto. Momento accendini per Il Mio Ruolo, alla fine del quale i membri abbandonano il palco uno alla volta, lasciando D’Erasmo e il suo violino agli applausi del pubblico, in un emozionante assolo al centro di un cerchio di luce su un palco buio. In pieno stile Afterhours, i saluti sono ovviamente una finta. Rientrati in scena Dell’Era introduce il pezzo successivo dichiarando di averlo composto nel pomeriggio, in ascensore. La curiosità è palpabile tra il pubblico, almeno fino al momento in cui non parte il riff che rende subito riconoscibile Cold Turkey, di John Lennon.

 

A seguire le due ormai immancabili ballate di Padania, Nostro Anche Se Ci Fa Male e La Terra Promessa Si Scioglie Di Colpo, un meraviglioso intro strumentale su Bye Bye Bombay; da pelle d’oca. Verso la fine del pezzo la scena si ripete; il primo ad abbandonare il palco è come sempre Agnelli, poi Prette, Ciccarelli, Dell’era, Iriondo, D’erasmo. A questo punto sembra davvero finita, ma le luci non si alzano e la tensione resta in sala, palpabile. Saggio chi ha urlato a chi stava già levando le tende “Dove andate? Non hanno ancora finito!” perché infatti, dopo qualche minuto, eccoli li, di nuovo, a suonare Voglio Una Pelle Splendida, perfetta conclusione della performance.

 

Scaletta 18/04/2013 - Factory, Milano Padania Terra di nessuno Il sangue di giuda Spreca una vita Rapace Ci sarà una bella luce Messaggio promozionale n1 La sottile linea bianca Bunjee jumping 1996 Varanasi baby Elymania Questo pazzo pazzo mondo di tasse Male di miele Veleno

Punto G Io so chi sono Tutti gli uomini del presidente La sinfonia dei topi Il mio ruolo

Cold Turkey, John Lennon cover Vedova bianca Nostro anche se ci fa male La terra promessa si scioglie di colpo Bye bye bombay

Voglio una pelle splendida Date mancanti 19/04, Milano, Factory 24/04, Torino, Audiodrome club 27/04, Rimini, Velvet 30/04, Perugia, Urban Club

 

 

Finalmente è uscito! La notizia è di ieri notte, direttamente su Rolling Stone dopo la diretta radio di un'emittente olandese. Get Lucky, finalmente!

Dopo i tutti gli arrangiamenti e i fake, tra cui ricordiamo il più famoso, che ha tratto in inganno anche me, di Fabio Nirta, dj e promoter calabrese, il singolo più atteso degli ultimi dieci anni è online.

Non nascondo l'emozione provata nell'ascoltarla, immagino sia un poco come vedere il crollo del muro di Berlino, la morte di un papa o la vittoria dei mondiali. Vivere consapevolmente un momento di storia. L'attesa. La soddisfazione.

 

Buon ascolto.

Get Lucky - Daft Punk

Random Access Memories

Voce di Pharrell Williams e chitarra di Nile Rogers

 

Inaugurata il 16 maggio, alla Galleria Il Castello è possibile visitare una mostra che raccoglie 19 opere per "Go Through", ovvero passare attraverso la vita e le sue fasi seguendo un percorso di bianchi e neri, di luci e ombre.

 

Teschi, polvere di diamante, medicinali, farfalle: ci sono tutti gli elementi tipici della poetica di Damien Hirst. Nello spazio milanese, il celebre artista, noto per i suoi lavori provocatori e controversi, espone sculture, acqueforti, acquetinte, e serigrafie in un percorso sviluppato per ricreare i momenti di introspezione e di azione vitale che scandiscono la nostra esistenza.

Una sorta di contesto teatrale e concettuale, capace di coinvolgere lo spettatore intellettualmente ed emotivamente.

 

La mostra, la cui dislocazione negli spazi è stata curata dal fotografo e designer Francesco Vitali, si snoda seguendo 5 temi fondamentali: i passaggi, evocati dai teschi (cifra stilistica dell'artista); le soste, che si ritrovano negli spot paintings; le seduzioni, nascoste tra la polvere di diamanti; le illusioni, racchiuse negli armadietti di medicinali; le trasformazioni, incarnate dalle farfalle.

 

Questa selezione di opere risparmia le più crude e contestate per riproporre quelle più enigmatiche, suscitando interrogativi e dubbi che spesso il lavoro di Hirst stimola provocando un senso di disagio che permea tutti gli esseri viventi che, volenti o nolenti, sono condannati a fare i conti con la morte.

 

La mostra rimarrà aperta sino al 18 luglio e Nerospinto invita caldamente a visitarla, per porsi a confronto con un grande artista, per affrontare e interrogarsi su dubbi e angosce della propria esistenza.

 

Info su costi e orari:

Da martedì a sabato dalle 11 alle 13.30 e dalle 15 alle 19

Lunedì dalle 15 alle 19

 

Ingresso Libero

 

 

Galleria d'arte moderna Il Castello

via Brera, 16

Milano

I protagonisti noir anni Sessanta tornano per una rassegna dedicata agli albi per adulti pubblicati in Italia dal 1964 al 1970, da Fantax a Genius fino a Spetterus e Zakimort, attraverso un itinerario di 12 cartelloni dedicati ognuno a un diverso personaggio, con teche contenenti volumi originali correlati da descrizioni dettagliate dei materiali esposti.

La mostra dal titolo ‘Avventure noir’ si terrà dal 13 aprile al 12 maggio al piano terra dello Wow Spazio Fumetto, museo del fumetto, dell’illustrazione e dell’immagine animata di Milano.

E’ una rassegna che ripercorre tutta la produzione nata sulla scia del successo di Diabolik ed è ispirata all’ omonimo saggio di Luca Mencaroni, curatore anche dell’esposizione, che ha voluto rendere omaggio agli anni ’60 e ’70 catalogando tutte le testate pubblicate nel periodo e valorizzando gli autori e gli editori di tali storie.

I pannelli sono dedicati a Fantax, Mister-x, Demoniak, Sadik, Spettrus, Jnfernal, Zakimort, Dany Coler, Dennis Cobb, Joe Sub, Genius e Killing, storie che contengono sesso e violenza, che sono tematiche basilari di questo tipo di narrazione.

Il noir infatti è conosciuto anche come romanzo nero, ed è un genere letterario poliziesco, il cui scopo però non è soltanto di raccontare e risolvere un crimine, ma deve portare il lettore a riflettere sulla realtà che lo circonda in base alle informazioni che ha raccolto durante la lettura, attraverso il percorso affrontato dal protagonista, che spesso è un antieroe mascherato.

Se siete volete rivivere una parte della storia dell'editoria italiana e se semplicemente siete curiosi, visitate questa originale esposizione!

Ingresso gratuito

WOW SPAZIO FUMETTO

Museo del Fumetto, dell’Illustrazione e dell’Immagine animata di Milano Viale Campania 12, Milano.

Orario mostra: da martedì a venerdì, ore 15.00-19.00; sabato e domenica, ore 15.00-20.00.

 

Info: 02 49524744/45

 

www.museowow.it

 

|||

Zoom Bar annuncia la fine della stagione 2012/2013 e quale miglior modo per farlo se non festeggiando insieme?

 

Giovedì 16 maggio dalle ore 22.30 andrà in scena l’ultimo Razzputin.

 

Non sarà diverso dagli altri: musica, ballo, chiacchiere, alcol, sorrisi e un sacco di squarci metropolitani.

 

Creature di Nerospinto come al solito indossate il vostro abito migliore, lo Zoom vi attende numerosi all’ultima serata della stagione… o forse di sempre?

 

 

RAZZPUTIN SOUNDSYSTEM SPACCACRANI:

 

DEEJAY DAVE

 

DJ DONUT

 

Con la partecipazione di :

 

† THE BAD & THE UGLY

http://www.facebook.com/BadAndUglyDJ

 

 

† MARY K. & SHENER DJ

http://www.facebook.com/MaryKShenerDj

 

 

 

ZOOM BAR - VIA PANFILO CASTALDI, 26 – MILANO

Free entry

 

Per informazioni:

338/5710197

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

http://www.facebook.com/ZoomBarMilano

http://www.facebook.com/razzputin

http://razzputincrew.blogspot.it/

 

 

 

 

Il Danae Festival è un progetto che cerca di dare risalto a esperienze artistiche nuove della scena contemporanea, proponendo artisti nazionali e internazionali che si esprimono attraverso differenti linguaggi dal teatro alla danza, dalla performing art alla musica, dalla videoarte al cinema.

 Giunto alla sua quindicesima edizione sarà aperto dalla compagnia Teatropersona che presenterà lo spettacolo ‘A U R E’ dal 17 aprile al 2 maggio al Teatro Out Off di Milano.

 A U R E è l’ultimo capitolo della trilogia del silenzio e della memoria, ispirato all’ opera ‘Alla ricerca del tempo perduto’ di Marcel Proust, nella quale tutto si agita, si muove  e si sposta in un mondo reale che però appartiene anche all’ altra sfera, quella dei sogni, che trae dalla realtà nutrimento, rubandone le immagini, e creando delle aure, ossia aloni di vita che avvolgono ogni cosa.

 Regia, drammaturgia, scena, luci e suoni sono curati da Alessandro Serra, mentre l’autore dello spazio e delle figure è Vilhelm Hammershoi, pittore danese del silenzio, capace di permeare la scena di tempo. Nei suoi interni il tempo fluisce come fatto luminoso, tutto è al contempo immobile e vibrante, nella camera oscura interiore si accende una speciale luce, ossia il corpo dell’attore che non si vede, ma fa vedere.

 Regia, drammaturgia, scena, luci, suoni: Alessandro Serra con Chiara Michelini, Francesco Pennacchia, Valentina Salerno

Produzione: Teatropersona, Regione Lazio, Bassano Operaestate Festival, Teatro Fondamenta Nuove Venezia, Rete teatrale aretina, Teatro Comunale Castiglion Fiorentino, Fondazione Ca.Ri.Civ.

 Mercoledì 17 aprile ore 21.00

Durata 55’

DANAE FESTIVAL XV edizione

a cura di Teatro delle Moire

intero 10 euro, ridotto 8 euro

Teatro Out Off

via Mac Mahon, 16

20155 Milano

tel. 0234532140

www.teatrooutoff.it

Chi non ha desiderato almeno una volta nella vita di tornare bambino? Noi di Nerospinto un po’ ci sentiamo affetti dalla Sindrome del famigerato Peter Pan e proprio perchè ci rifiutiamo di essere adulti tristi e disillusi, vi proponiamo questa mostra che solo per pochi giorni vi farà rivivere la spensieratezza dell’infanzia attraverso i film d’animazione d’autore.

Da venerdì 19 a domenica 21 aprile il MIC – Museo Interattivo del Cinema (Viale Fulvio Testi 121, Milano) ospiterà la rassegna “I Geniali. Il cinema d'animazione d'autore” che vedrà tra i tanti film i capolavori di Simone Massi, Sylvain Chomet, Luigi Toccafondo e molti altri.

La mostra dedicata ai più piccoli ma che appassionerà di sicuro anche gli adulti, è volta a far scoprire la genialità, la poesia e la passione che contraddistinguono il cinema d’animazione d’autore. Tra le molte opere proposte, segnaliamo l’edizione restaurata dalla Cineteca delle Opere d’arte in movimento di Simone Massi.

Simone, vincitore nel 2012 del David di Donatello per il migliore cortometraggio, con "Dell'ammazzare il maiale", è oggi considerato uno dei principali autori di cortometraggi di animazione italiani: disegna personalmente a mano ogni singola tavola del film e non si appoggia a nessun tipo di tecnologia, restituendo così al disegno animato la sua originaria espressività.

Opere d’arte in movimento (Italia, ’75) verrà proiettato venerdì 19 aprile alle 21.00 e sabato 20 aprile alle 19.00

La brochure pdf col programma completo della rassegna è disponibile al link

DOVE | QUANDO MIC – Museo Interattivo del Cinema, Viale Fulvio Testi 121, Milano | Da venerdì 19 a domenica 21 aprile 2013

COSTI Biglietto d’ingresso intero: 5€ Biglietto d’ingresso ridotto: 3€ Biglietto d’ingresso adulto + bambino: 6€

INFO Website: http://mic.cinetecamilano.it/ Infotel: 02-87242114 Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pagina 129 di 138

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.