CHIAMACI +39 333 8864490

|||

Dall’8 al 17 marzo il PAC ospita la quinta edizione della mostra di fotografia sociale ideata dalla Onlus “RISCATTI” e promossa dal Comune di Milano con il supporto di Tod’s.

Giovedì 20 novembre arriva al Circolo Magnolia di Segrate Paolo Benvegnù. Il fondatore degli Scisma è in tour nelle maggiori città italiane per presentare live il suo nuovo disco Earth Hotel, uscito ad ottobre.

 

Nei dodici brani della sua ultima fatica, Benvegnù esplora l’amore in ogni sua declinazione e forma. Dai luoghi in cui esso nasce e si consuma ai viaggi che ne scandiscono i ritmi o contribuiscono ad affievolirlo. I testi lasciano trasparire un grande attaccamento alla vita, frutto di riflessioni di un uomo che conduce la sua vita sentimentale affidandosi all’istinto e alla luminosità delle stelle che appaiono sul suo cammino.

 

Dopo lo scioglimento degli Scisma, band che sul finire dello scorso millennio ha riscosso grande successo sia in Italia che in Europa, Paolo Benvegnù si è trasferito a Firenze, dove si è legato alla scena artistica contemporanea cittadina e ha pubblicato nel 2004 il suo primo disco solista, Piccoli Fragilissimi Film.

I due successivi album, 14-19 e Le Labbra, hanno consolidato il suo successo e dato vita a un lungo tour che si è concluso nel 2010 con l’uscita del live Dissolution. L’anno successivo ha dato alle stampe Hermann, disco che è valso il Premio Italiano Musica Indipendente 2011 come Miglior Solista dell’anno.

 

L’ingresso è consentito solo con tessera ARCI. I biglietti per l’evento sono acquistabili sui circuiti Ticketone e Mailticket

 

INFO

 

Paolo Benvegnù live

Giovedì 20 novembre

Circolo Magnolia

Segrate (MI) – Via Circonvallazione Idroscalo, 41

 

Ingresso: 10,00 euro + tessera ARCI

Apertura cancelli: 21.00

Inizio spettacoli: 22.00

Arriva in Italia The Experimental Tropic Blues Band, complesso belga che presenta il suo nuovo disco “The  Belgians” con un mini-tour di dieci date in partenza mercoledì 19 novembre da Trento.

 

“The Belgians” è un concept album sul loro paese di provenienza, frutto della voglia di esplorare, attraverso i suoni e i testi, la singolarità e l’assurdo di un paese così minuscolo ma così vivo.

Si tratta di un buon disco di una band che riesce a essere graffiante sia con le chitarre che con l’ironia, che per questo progetto si è servita della produzione di Jon Spencer, icona dell’omonima Blues Explosion, che con il suo tocco ha dato un’impronta forte al nuovo lavoro della band di Liegi.

 

Il tour italiano tocca il nord e il centro Italia, da Verona a Roma a L’Aquila, con in mezzo alcune puntate in provincia, per chiudere poi il viaggio con tre tappe in Sardegna.

 

INFO

The Experimental Tropic Blues Band Tour italiano

Mercoledì 19 novembre - Trento @ L'Angolo dei 33 Giovedì 20 novembre - L'Aquila @ Irish Cafè Venerdì 21 novembre – Roncà (VR) @ Jack The Ripper Sabato 22 novembre - Roma @ 30 Formiche Domenica 23 novembre - Vogogna (VB) @ La Loggia del Leopardo Lunedì 24 novembre - Bergamo @ Joe Koala Martedì 25 novembre - Terranuova Bracciolini (AR) @ W.I.P. Giovedì 27 novembre - Cagliari @ Bohémien Venerdì 28 novembre - Oristano @ Life Music Club Sabato 29 novembre - Sassari @ The Hore

Ha un cognome difficile da pronunciare ma che ormai non si può non ricordare, così come quell’esile figura contornata da un volto pallido e dai tratti rinascimentali, ora antico nei riccioli d’oro ora improvvisamente trasformato dalla dura intensità di uno sguardo, di un colore e un taglio di capelli dettati dal personaggio di turno. Sono tantissime le donne vissute dentro il corpo di Alba Rohrwacher, rapita subito dai migliori registi italiani dopo una prima formazione teatrale e il diploma in recitazione al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, per il quale ha lasciato la natìa Firenze forse senza sapere fin dove il suo talento l’avrebbe portata, quale impegno totalizzante sarebbe diventato il mestiere di attrice. La scelta dell’impegno è evidente nell’amore e nella dedizione al ruolo dimostrata film dopo film, senza concedere spazio alla frivola vanità e all’autocompiacimento: passa dal criptico “Io sono l’amore” di Luca Guadagnino al surreale dramma soldiniano  “Il comandante e la cicogna” con la leggerezza di uno sguardo sottilmente colmo di varietà espressive, prestato a racconti mai banali e lontani dal vissuto. Partecipa alla storia con tutto il peso della sofferenza, della malattia, della mancanza di certezze quando entra nella vicenda di Eluana Englaro raccontata da Marco Bellocchio in “Bella addormentata” o nella disturbata figlia de “Il papà di Giovanna” di Pupi Avati, concedendosi poca leggerezza, lasciando ancora in larga parte inesplorata la vena comica. Non è un percorso mentale ma profondamente carnale, fisico, quello che passa attraverso lo schermo dando alla finzione un carico di verità sempre più netto negli ultimi “Via Castellana Bandiera” e “Con il fiato sospeso”, presentati al Festival di Venezia, percorsi di libertà creativa di una Sicilia piena di contraddizioni, stanca dell’immobilità esistenziale. Alba si tuffa con trasporto da protagonista ancora una volta cogliendo una nuova sfida con se stessa e con il suo lavoro, continuando a costruire una dimensione interpretativa molto più ampia del legame con un set e con una sceneggiatura da eseguire: la forza della ricerca di senso, della motivazione racchiusa tra parole e gesto, penetra e rimane nello spettatore affascinato dalla verosimiglianza, perché un personaggio interiorizzato diventa con naturalezza un altro sé, un modo per parlare delle proprie emozioni senza ricorrere al gossip. Non è l’ultimo fidanzato o la vacanza a Formentera a ricordarci di questa leggiadra e potentissima attrice della nuova generazione cinematografica, è la scelta di incarnare la qualità e l’impegno artistico per crescere consapevolmente nella strada intrapresa.

 

Originari di Porto Alegre, formatisi a Barcellona nel 2005 e adottati ormai da diversi anni dalla capitale lombarda, i Selton tornano a regalarci il loro immaginario di storie ed esperienze esotiche con il loro ultimo album: “Saudade”, in uscita per il prossimo 26 Marzo.

 

Sono trascorsi ben sei anni da quando i quattro amici brasiliani, che risiedevano nella capitale spagnola e suonavano per le strade di Parco Guell, erano stati notati in un programma italo-spagnolo di MTV, e da lì molte cose sono cambiate.

 

Il gruppo nel 2006 aveva deciso di trasferirsi a Milano per incidere il loro primo album: “Banana à milanesa”, pubblicato nel 2008 e del quale forse molti di voi si ricordano anche per le importanti collaborazioni con Enzo Jannacci e Cochi e Renato.

 

A poco più di due anni dal secondo disco, (“Selton”, 2010), la band si lascia alle spalle un intenso periodo di live in giro per l'Italia e collaborazioni con importanti artisti nazionali come Daniele Silvestri.

 

L'ultimo album, che è stato registrato grazie al contributo dei fan attraverso il crowdfunding su Indiegogo.com, propone una serie di canzoni scritte in portoghese, inglese ed italiano, tre lingue che rappresentano bene i trascorsi personali di questi giovani artisti divisi tra le storie e i ricordi di diverse città.

Le tracks dell'album fanno emergere il mix di lingue, culture, stili di vita e storie che li rappresentano.

 

Il disco è stato anticipato il 12 marzo scorso dalla pubblicazione su youtube del singolo “Piccola sbronza”, realizzato in collaborazione con Giuseppe Peveri, (in arte Dente), che ha curato inoltre la revisione dei testi dell'album scritti in italiano.

 

L'album, edito per Ghost records e distribuito da Self, sarà in vendita dal prossimo 26 Marzo; per il momento vi consigliamo l'ascolto..”Saudade, o meu remédio é cantar!”

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.