CHIAMACI +39 333 8864490

Nuovo stile e nuovi temi nell'ultimo EP dei The Wheels, uscito l’8 dicembre: con "Self Portrait" i The Wheels adottano uno stile leggermente diverso, meno malinconico e introspettivo rispetto a quello del precedente album. L'argomento principale delle canzoni di questo nuovo EP è la vita quotidiana e le sue varie sfaccettature, raccontate con semplicità e immediatezza, e il filo conduttore è un senso di rivincita e di rinascita pervaso di ottimismo. Il sound si mantiene quello tipico del britpop, elegante e con melodie orecchiabili. "Self Portrait" è stato anticipato dal singolo "The best is yet to come", canzone che è un invito a mettere in atto i propri piani senza paura.

Il nucleo dei The Wheels è formato da Francesco Tocco (voce, chitarra, tastiera e batteria), Mauro Ramon (chitarre) e Roberto Farci (Basso). Da subito il gruppo adotta strumenti e strutture britpop, a cui affianca cori, organi e sintetizzatori. Il loro primo album, "Here and nowhere", uscito nel 2013 per l’etichetta My Place Records, è stato recensito molto positivamente sia in Italia sia all'estero. www.youtube.com/watch?v=HwKLqJ0M3j0 facebook.com/thewheels1 twitter.com/TheWheels1

My Place Records www.myplacerecords.com www.facebook.com/pages/My-Place-records/229360879176

 

[gallery type="rectangular" ids="34468,34469,34470,34471"]

 

 

Pubblicato in Musica

Prosegue il tour del cantautore Vasco Brondi, in arte "Le Luci della Centrale Elettrica", che porterà in tutta la penisola il terzo album in studio "Costellazioni".

Dopo la pubblicazione del disco, avvenuta a marzo 2014 e la prima ondata di concerti con "Costellazioni in tour" seguito da “Costellazioni a Sud”, versione in acustico del precedente,Vasco Brondi e band annunciano la nuova scia di live per l’anno nuovo, prima data 4 febbraio 2015. "Firmamento tour" è il nome del prossimo viaggio che vede come prima tappa lo Studio Foce di Lugano e si concluderà il 26 marzo al Magnolia di Milano. I 12 concerti toccheranno tutta la penisola e tireranno fuori il lato più ritmico e distorto di "Costellazioni" e degli altri dischi, grazie alle sonorità disco-punk. Uno spettacolo decisamente più elettrico ed elettronico dei precedenti. Sul palco ad accompagnarlo ci saranno delle interessanti novità vista l’inedita formazione che vede tra gli ospiti i nomi di Federico Dragogna (I ministri) alla chitarra elettrica, Matteo Bennici al basso elettrico e Paolo Mongardi (Zeus) alla batteria.

Costellazioni, (marzo 2014), edito per La Tempesta Dischi, ha debuttato raggiungendo la seconda posizione nella classifica FIMI degli album più venduti d'Italia. Anticipato dal singolo "I destini generali", ha un suono ricco ed energico, fatto da chitarre acustiche ed elettriche, piano, archi, fiati, batteria, sintetizzatori e drum machine.

Indira Fassioni

"Firmamento tour":

4 febbraio Lugano - Studio Foce

6 febbraio Roncade (Tv)- New Age

7 febbraio TORINO - Hiroshima Mon Amour

13 febbraio BRESCIA - Latteria Molloy

19 febbraio ROMA - Circolo degli Artisti

21 febbraio BOLOGNA - TPO

28 febbraio CATANIA - Tba

6 marzo PESCARA - Tipografia

7 marzo LECCE - Officine Cantelmo

13 marzo TANETO DI GATTATICO - Fuori Orario

14 marzo PERUGIA - Urban

20 marzo TRIESTE - Etnoblog

21 marzo FIRENZE - Flog

26 marzo MILANO – Magnolia

 

[gallery type="rectangular" ids="34756,34757,34759,34755,34752"]

Pubblicato in Musica
Giovedì, 20 Novembre 2014 22:51

Intervista a Federico Pagani, in arte An Harbor

Federico Pagani, in arte An Harbor è un ragazzo piacentino di 30 anni, fino a pochissimo tempo fa sconosciuto ai più. Grazie alla sua partecipazione agli ultimi provini di Xfactor, Federico ha raggiunto una notevole notorietà, dovuta anche al suo mancato ingresso nella squadra di Mika: questo fatto, gli ha comunque dato la possibilità di esibirsi subito dal vivo, portando in giro la sua bellissima voce e facendo ascoltare i suoi pezzi, degni di un artista internazionale. An Harbor è un artista di notevole bravura, un musicista che forse mancava nella scena italiana, e merita decisamente di essere conosciuto e apprezzato.

Chi è An Harbor?

È Federico Pagani, un ragazzo qualunque che scrive delle canzoni semplici, tutte uguali ma tutte diverse tra loro, forse che parlano tutte delle stesse cose, e gli piacciono più di tutto il rock’n’roll e il soul.

Un pregio e un difetto?

Un mio pregio è la sincerità, un difetto invece è che sono testardo come un mulo, che però potrebbe essere anche un pregio, a volte.

Perché hai scelto “Il Porto” come nome d’arte?

L’immaginario marittimo mi è sempre piaciuto, fin da bambino ero appassionato di libri e modellini di navi, e avere avuto dei parenti in Liguria che spesso andavo a trovare, ha alimentato questa mio amore per il mare.

Chi è il tuo artista di riferimento?

Il primo in assoluto è Bruce Springsteen, ma ce ne sono tanti altri, come Greg Dulli degli Afghan Whigs, ma anche Prince, Sam Cook, Marvin Gaye, James Brown per citarne alcuni della Black music.

Con chi ti piacerebbe collaborare?

Artisti internazionali con cui mi piacerebbe collaborare sono Kanye West, Frank Ocean e la cantautrici americane Sharon Van Etten e Maggie Rogers. Per quanto riguarda gli artisti italiani, sono molto interessato alla musica elettronica, quindi mi piacerebbe lavorare con La Casa del Mirto e Go Dugong, comunque creare qualcosa orientata verso quel genere.

Il tuo luogo di origine ti ha ispirato o ti ha spinto a cercare qualcosa di nuovo?

Sono molto legato alla mia terra, alle colline, alla campagna, ma allo stesso tempo spesso vorrei scappare da quei luoghi. La campagna piacentina mi ha ispirato inevitabilmente perché la mia musica deriva da quell’immaginario, tutti i miei nonni erano contadini e questo ha influenzato i miei testi. Sento lo spirito Rock’n’Roll che dice di andarsene per cercare un posto migliore, ma con la voglia comunque di tornare alle origini.

Ora sei molto più conosciuto: ti piace o la notorietà ti spaventa?

Mi piace e mi spaventa allo stesso tempo. Ovviamente sono contento, perché vorrei che il maggior numero di persone possibile ascolti la mia musica, ma mi fa anche un po’ paura per il modo in cui è arrivata questa improvvisa notorietà: è successo tutto attraverso questo canale lontano da me e dal mio mondo, che mi ha portato a una botta di visibilità incredibile ma è stata comunque un’esperienza durata pochissimo, che mi ha lasciato stupito.

Essere stato eliminato ti ha dato molta notorietà: sei comunque dispiaciuto per non essere stato scelto da Mika?

Mi avrebbe incuriosito provare a lavorare con un artista internazionale come Mika, ma penso sia giusto che siano andate avanti persone più adatte a quel tipo di percorso. Non posso lamentarmi di come alla fine sia andata, anzi: è andata molto meglio di come mi aspettassi. Progetti futuri?

È in lavorazione il mio primo singolo, siamo alle fasi finali e poi finalmente uscirà. Sono in tour fino a fine gennaio e poi prevedo una pausa per registrare finalmente il mio primo album.

Se non facessi il cantautore, cosa faresti?

Lavorerei a tempo pieno nel mondo della creazione video, in particolare facendo il direttore della fotografia, o sempre nel mondo della musica. Oppure potrei fare il pescatore, rimanendo in ambito marittimo.

Un disco, un libro, un film

Disco preferito in assoluto è “Born To Run” di Bruce Springsteen, ma anche “Gentleman” degli Afghan Whigs. Un libro “On the road” di John Keruak, letto e riletto. Un film “Heat” di Michael Mann, ma sono anche un grande estimatore di Terrence Malick

Sei fidanzato?

Al momento no.

 

Carlotta Tosoni

Pubblicato in Musica
Venerdì, 31 Ottobre 2014 13:28

The Raveonettes live al Circolo Magnolia

Sabato 1 novembre The Raveonettes sbarcano al Circolo Magnolia di Segrate. Il duo danese shoegaze torna in Italia per presentare nel migliore dei modi il nuovo disco “Pe’ahi”, pubblicato a luglio 2014.

 

Nati all’inizio del millennio in Danimarca dall’incontro tra il chitarrista Sune Rose Wagner e la bassista/cantante Sharin Foo, The Raveonettes offrono un rock moderno, derivato dal sound tipico di gruppi come Jesus and Mary Chain e dagli elementi melodici di stampo rock ’n’ roll anni Cinquanta.

Ufficialmente, la band fu scoperta allo SPOT Festival da David Fricke, redattore di Rolling Stone, che recensì molto positivamente la band, dando un contributo decisivo per uscire dall’anonimato. In realtà, fu la coppia a scoprire che David Fricke era presente allo SPOT Festival, così assemblarono alla meglio un gruppo e corsero alla kermesse, nella speranza di essere notati.

 

Il primo disco dei due musicisti è frutto di un folle quanto ingegnoso progetto. L’album è stato registrato interamente in Si bemolle minore, chiuso da soli tre accordi e ogni canzone dura meno di tre minuti. Il risultato è “Whip It On” del 2002, nominato “Disco rock dell’anno” agli Awards musicali danesi.

Seguono altri quattro dischi che hanno riscosso un buon successo sia di pubblico che di critica. L’ultima fatica si chiama “Pe’ahi”, pubblicato a sorpresa – senza alcun preavviso o battage pubblicitario – nel luglio 2014.

 

Aprono il concerto i toscani Abiku, che al cantautorato pop italiano miscelano con nonchalance jangle e shoegaze, post-punk e vaghi sentori retrò anni Sessanta. Hanno appena pubblicato il loro secondo LP, intitolato “La Vita Segreta”. Aftershow affidato alle mani di Dekid, Veronal, Busy Rocker Boys e Naizen, che faranno ballare i sopravvissuti con La Nuit Electroswing.

 

I cancelli del Circolo Magnolia aprono alle 21.30, mezz’ora prima dell’inizio della serata. L’ingresso costa 15 euro con tessera ARCI in cassa, mentre le prevendite disponibili sui circuiti online sono andate esaurite.

Dopo mezzanotte l’entrata è gratuita.

 

 

 

INFO

 

Sabato 1 novembre

Circolo Magnolia Via Circonvallazione Idroscalo, 41 – Segrate (MI) Ingresso: 15,00 + tessera ARCI in cassa 12,00 euro in prevendita (esaurite) Dopo le 00:00 ingresso gratuito

 

Apertura cancelli: 21.30 Inizio spettacoli: 22.00 Evento Facebook qui

 

 

 

Pubblicato in Musica
Domenica, 19 Ottobre 2014 16:33

Liars live al Tunnel Club

 

I Liars sbarcano a Milano per l’ultima data italiana del loro tour. Il trio di Brooklyn farà risuonare le sue note all’interno del Tunnel Club domenica 19 ottobre, dalle ore 21.00 in poi.

 

I Liars sono un raro esempio di band americana che ricorda complessi anglosassoni, come gli A Certain Ratio, protagonisti della Mad-chester di fine anni Ottanta. Nonostante ciò, sono un gruppo di difficile definizione musicale, perché sono continua evoluzione fin dagli esordi.

I Liars hanno percorso infatti un sentiero musicale molto personale. Il punto di partenza è il primo amore, il punk. In seguito si sono fatti avvolgere dalle nebbie oscure della musica dark, introducendo così sintetizzatori e vocoder all’interno delle loro composizioni. La meta finale – per ora – è il sound costituito da elementi rock ed elettronici che contraddistingue Mess, settimo album in quasi quindici anni di attività, uscito a marzo di quest’anno.

Come molte band degli anni Duemila, riservano grande attenzione allo stile e agli artwork dei dischi, che risultano sempre molto particolari e originali.

 

I Liars sono famosi anche per le performance live esplosive, imprevedibili e anche – parola del frontman Angus Andrew – schizofreniche. D’altronde non ci si può aspettare di meno da un gruppo che ha dedicato un concept-disc sperimentale alla caccia alle streghe.

 

Il Tunnel Club si preannuncia bollente. I biglietti disponibili online sono andati esauriti, mentre alla cassa sarà ancora possibile trovarli, a patto di fare in fretta.

 

INFO

Liars Live

@Tunnel Club

Tel. 331 809 9952

Via Sammartini, 30, 20125 Milano

 

 

 

Pubblicato in Musica
Martedì, 07 Ottobre 2014 17:24

Gli Amanti in tour per l’Italia

Scatta il 10 ottobre a Torino il primo tour nei club de Gli Amanti, giovane band che ha attirato l’attenzione del pubblico in pochi mesi. Dopo alcune date estive, il gruppo presenta live il loro primo album, Strade e Santi.

 

Gli Amanti nascono nel 2011 a Milano con l’incontro di Domi Tinelli e Piero D’Aprile, due musicisti pugliesi, che completano in un secondo momento la band con Fabio Sanna e Peppe Nisticò. Nel 2012 hanno inciso il loro primo EP, dal titolo Gli Amanti, accolto positivamente dalla critica musicale e che gli ha permesso di esibirsi su alcuni dei palchi più importanti d’Italia.

Gli Amanti cantano in italiano e il loro stile mescola rock, pop e richiami di musica popolare di estrazione americana.

Nel 2013 hanno composto e registrato l’album d’esordio, uscito nel maggio 2014. Da questo lavoro sono stati estratti due singoli. Il primo video, Cane, è stato nominato video della settimana su MTV New Generation e ha totalizzato più di 20.000 news solo durante la prima settimana.

 

Il tour de Gli Amanti prevede otto date fino a dicembre. Esordiranno il 10 ottobre in uno dei templi italiani della musica live indoor, l’Hiroshima Mon Amour di Torino. Il 16 ottobre saranno all’Honky Tonky di Seregno. Successivamente giungeranno a Milano il 30 ottobre al Biko.

 

INFO

Tour Gli Amanti 2014, date confermate:

10/10 - TORINO - Hiroshima Mon Amour (c/ Il Triangolo) 16/10 - SEREGNO - Honky Tonky 30/10 - MILANO - Biko (c/ Il Triangolo) 07/11 - PIACENZA - Sound Bonico 14/11 – PIANO DI SORRENTO (NA) – Marianiello Jazz Cafè 15/11 - ROMA - Le Mura 29/11 - BRA (CN) - Chiamata alle Arti Festival 04/12 - PAVIA - Spaziomusica

 

Gli Amanti

www.gliamantiband.com facebook.com/gliamantiband twitter.com/GliAmantiBand

 

 

 

Pubblicato in Musica

 

Dalla Turchia all’Italia per portare il rock ‘n’ roll. È questo il viaggio intrapreso dai Ringo Jets che presenteranno lunedì 3 novembre il loro primo album “The Ringo Jets” al 75 Beat di Milano.

 

Disco che arriva dopo due EP pubblicati rispettivamente nel 2011 e 2012. La band è formata da tre ragazzi di Istanbul che suonano rock, ispirato ai grandi artisti rock ‘n’ roll, blues e con un tocco di punk. Non esattamente qualcosa di scontato per la Turchia di questi tempi.

Milano è una città importante per i Ringo Jets. Hanno infatti registrato e prodotto l’album nel capoluogo lombardo, nelle storiche Officine Meccaniche. Il disco vanta la collaborazione di Enrico Gabrielli e Mauro Refosco, che ha lavorato tra gli altri con Red Hot Chili Peppers e Radiohead.

 

Le esibizioni live dei Ringo Jets sono trascinanti. Sul palco la band trasmette un’incredibile carica adrenalinica. Si tratta di uno spettacolo di voci e suoni furiosi, energia ed entusiasmo, e testi forti e diretti come il primo singolo estratto dall’ultimo disco ispirato alla resistenza Gezi e accompagnato dalle immagini degli scontri.

 

Hanno suonato in alcuni tra i migliori festival indie d’Europa, come il Primavera Sound di Barcellona e il Waves di Vienna, e sbarcano ora a Milano, per un appuntamento che si preannuncia imperdibile. Le prevendite salta-fila dell’evento sono disponibili sul circuito online Mailticket a partire da 8 euro.

 

 

INFO The Ringo Jets Lunedì 3 novembre 2014

75 Beat Via Privata Tirso, 3 20141, Milano

 

Biglietti

Evento Facebook

 

 

Pubblicato in Musica

Dopo Padova e Roma, finalmente Billy Idol torna a Milano per un’unica data il 23 novembre a Le Fabrique di Milano.

 

Lo vedremo sul palco insieme al suo chitarrista, con lui dal 1982. Billy Idol presenterà numerosi pezzi tratti dal loro ultimo album, “Kings & Queens of the Underground“, il primo dal 2006 per l’artista punk inglese, star internazionale negli anni Ottanta e caduto poi ingiustamente nel dimenticatoio fino all’inizio del nuovo millennio.

Un tuffo nel passato tra punk, rock e qualche novità assolutamente da scoprire!

 

Biglietti a partire da 39,90 euro.

 

 

Pubblicato in Musica
Martedì, 23 Settembre 2014 14:49

Buon Compleanno, Bruce

Nerospinto augura buon compleanno al Boss indiscusso del rock, il grande Bruce Springsteen, che oggi spegne 65 candeline.
Pubblicato in Musica

La compagine siciliana, capitanata da Giovanni Gulino e Carmelo Pipitone, è pronta ad infiammare il palco del Carroponte martedì 2 settembre.

L’avventura musicale dei MST inizia nel 2002, con la creazione del nucleo fondatore e il trasferimento a Bologna, dove il gruppo si esibisce in pubs e localini proponendo un repertorio di cover selezionate.

Il 2003 vede la pubblicazione del loro primo EP “Muscoli e Dei”, che porta la band a vincere, l’anno dopo, il premio del Meeting Etichette Indipendenti come miglior gruppo underground italiano.

Dopo il secondo album (C’è gente che deve dormire,2005), il gruppo fonda la propria etichetta discografica (Tamburi Usati), con la quale produce l’album “Sushi & Coca” (2008); dopo innumerevoli concerti e festival (uno su tutti il MITO), i Marta sui Tubi partecipano al Festival di Sanremo 2013 ed in contemporanea pubblicano l’album “Cinque, la luna e le spine”, che segue di due anni il precedente “Carne con gli occhi”.

Nel luglio 2013 partecipano alla ristampa del capolavoro degli Afterhours, "Hai paura del buio" e il 2 maggio pubblicano il nuovo singolo "Salva Gente", al quale ha partecipato nientemeno che il Maestro Franco Battiato; ad agosto i Marta Sui Tubi sono infine ospiti della prestigiosa manifestazione "Meraviglioso Modugno", organizzata a Polignano a Mare per ricordare il Mimmo nazionale.

Un grande appuntamento con il meglio dell’indie rock italiano, quello di martedì 2 settembre al Carroponte! Da non perdere assolutamente!

 

 

Marta sui Tubi in concerto

martedì 2 settembre

start h 21.30

ingresso 10 euro

 

Carroponte via Granelli 1, Sesto San Giovanni (Mi)

Per maggiori informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. www.carroponte.org

Pubblicato in Musica
Pagina 3 di 8

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.