CHIAMACI +39 333 8864490

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa Cookie Policy

Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro.

Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo inviati dal sito al terminale dell’interessato (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi al sito alla successiva visita del medesimo utente. Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell’utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell’utente. Alcune delle funzioni dei cookie possono essere demandate ad altre tecnologie. Nel presente documento con il termine ‘cookie’ si vuol far riferimento sia ai cookie, propriamente detti, sia a tutte le tecnologie similari.

Tipologia dei cookie

I cookie possono essere di prima o di terza parte, dove per "prima parte" si intendono i cookie che riportano come dominio il sito, mentre per "terza parte" si intendono i cookie che sono relativi a domini esterni. I cookie di terza parte sono necessariamente installati da un soggetto esterno, sempre definito come "terza parte", non gestito dal sito. Tali soggetti possono eventualmente installare anche cookie di prima parte, salvando sul dominio del sito i propri cookie.

Natura dei cookie

Relativamente alla natura dei cookie, ne esistono di diversi tipi:

Cookie tecnici

I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di "effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio" (cfr. art. 122, comma 1, del Codice). Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in: • cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di autenticarsi per accedere ad aree riservate); essi sono di fatto necessari per il corretto funzionamento del sito; • cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso, al fine di migliorare le performance del sito; • cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all'utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell'ambito della navigazione in rete. Per l'utilizzo dei cookie di profilazione è richiesto il consenso dell'interessato. L’utente può autorizzare o negare il consenso all'installazione dei cookie attraverso le opzioni fornite nella sezione "Gestione dei cookie". In caso di cookie di terze parti, il sito non ha un controllo diretto dei singoli cookie e non può controllarli (non può né installarli direttamente né cancellarli). Puoi comunque gestire questi cookie attraverso le impostazioni del browser (segui le istruzioni riportate più avanti), o i siti indicati nella sezione "Gestione dei cookie".

Cookie installati su questo sito

Ecco l'elenco dei cookie presenti su questo sito. I cookie di terze parti presentano il collegamento all'informativa della privacy del relativo fornitore esterno, dove è possibile trovare una dettagliata descrizione dei singoli cookie e del trattamento che ne viene fatto.

Elenco dei cookie presenti sul sito NEROSPINTO

Cookie di sistema Il sito NEROSPINTO utilizza cookie per garantire all'utente una migliore esperienza di navigazione; tali cookie sono indispensabili per la fruizione corretta del sito. Puoi disabilitare questi cookie dal browser seguendo le indicazioni nel paragrafo dedicato, ma comprometterai la tua esperienza sul sito e non potremo rispondere dei malfunzionamenti. Facebook Facebook utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione e di “like” sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina https://www.facebook.com/about/privacy Twitter Twitter utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare le pagine: https://support.twitter.com/articles/20170519-uso-dei-cookie-e-di-altre-tecnologie-simili-da-parte-di-twitter e https://twitter.com/privacy?lang=it Google+ Google+ utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina http://www.google.com/policies/technologies/cookies/ Pinterest Pinterest utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina https://about.pinterest.com/it/privacy-policy Durata dei cookie I cookie hanno una durata dettata dalla data di scadenza (o da un'azione specifica come la chiusura del browser) impostata al momento dell'installazione. I cookie possono essere: • temporanei o di sessione (session cookie): sono utilizzati per archiviare informazioni temporanee, consentono di collegare le azioni eseguite durante una sessione specifica e vengono rimossi dal computer alla chiusura del browser; • permanenti (persistent cookie): sono utilizzati per archiviare informazioni, ad esempio il nome e la password di accesso, in modo da evitare che l'utente debba digitarli nuovamente ogni volta che visita un sito specifico. Questi rimangono memorizzati nel computer anche dopo aver chiuso il browser. NEROSPINTO terrà opportuna traccia del/dei consenso/i dell’Utente attraverso un apposito cookie tecnico, considerato dal Garante Privacy uno strumento “non particolarmente invasivo”. L’Utente può negare il suo consenso e/o modificare in ogni momento le proprie opzioni relative all’uso dei cookie da parte del presente Sito Web, tramite accesso alla presente Informativa Privacy che è “linkabile” da ogni pagina del presente Sito. L’Utente ha la facoltá in qualsiasi momento di esercitare i diritti riconosciuti dall'art. 7 del D.Lgs. 196/2003 ed, in particolare, tra gli altri, di ottenere copia dei dati trattati, il loro aggiornamento, la loro origine, la finalità e la modalità del trattamento, la loro rettifica o integrazione, la loro cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco per i trattamenti in violazione di legge e di opporsi per motivi legittimi al trattamento. Per esercitare tali diritti, scrivere a NEROSPINTO . Se è già stato dato il consenso ma si vogliono cambiare le autorizzazioni dei cookie, bisogna cancellarli attraverso il browser, come indicato sotto, perché altrimenti quelli già installati non verranno rimossi. In particolare, si tenga presente che non è possibile in alcun modo controllare i cookie di terze parti, quindi se è già stato dato precedentemente il consenso, è necessario procedere alla cancellazione dei cookie attraverso il browser oppure chiedendo l'opt-out direttamente alle terze parti o tramite il sito http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte Se vuoi saperne di più, puoi consultare i seguenti siti: • http://www.youronlinechoices.com/ • http://www.allaboutcookies.org/ • https://www.cookiechoices.org/ • http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

Come disabilitare/cancellare i cookie mediante configurazione del browser

Chrome 1. Eseguire il Browser Chrome 2. Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione 3. Selezionare Impostazioni 4. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate 5. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti“ 6. Nella sezione “Cookie” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie: • Consentire il salvataggio dei dati in locale • Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser • Impedire ai siti di impostare i cookie • Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti • Gestire le eccezioni per alcuni siti internet • Eliminare uno o tutti i cookie Mozilla Firefox 1. Eseguire il Browser Mozilla Firefox 2. Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione 3. Selezionare Opzioni 4. Selezionare il pannello Privacy 5. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate 6. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti“ 7. Nella sezione “Tracciamento” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie: • Richiedi ai siti di non effettuare alcun tracciamento • Comunica ai siti la disponibilità ad essere tracciato • Non comunicare alcuna preferenza relativa al tracciamento dei dati personali 8. Dalla sezione “Cronologia” è possibile: • Abilitando “Utilizza impostazioni personalizzate” selezionare di accettare i cookie di terze parti (sempre, dai siti più visitato o mai) e di conservarli per un periodo determinato (fino alla loro scadenza, alla chiusura di Firefox o di chiedere ogni volta) • Rimuovere i singoli cookie immagazzinati. Internet Explorer 1. Eseguire il Browser Internet Explorer 2. Fare click sul pulsante Strumenti e scegliere Opzioni Internet 3. Fare click sulla scheda Privacy e, nella sezione Impostazioni, modificare il dispositivo di scorrimento in funzione dell’azione desiderata per i cookie: • Bloccare tutti i cookie • Consentire tutti i cookie • Selezionare i siti da cui ottenere cookie: spostare il cursore in una posizione intermedia in modo da non bloccare o consentire tutti i cookie, premere quindi su Siti, nella casella Indirizzo Sito Web inserire un sito internet e quindi premere su Blocca o Consenti. Safari 1. Eseguire il Browser Safari 2. Fare click su Safari, selezionare Preferenze e premere su Privacy 3. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet. 4. Per visionare quali siti hanno immagazzinato i cookie cliccare su Dettagli Safari iOS (dispositivi mobile) 1. Eseguire il Browser Safari iOS 2. Tocca su Impostazioni e poi Safari 3. Tocca su Blocca Cookie e scegli tra le varie opzioni: “Mai”, “Di terze parti e inserzionisti” o “Sempre” 4. Per cancellare tutti i cookie immagazzinati da Safari, tocca su Impostazioni, poi su Safari e infine su Cancella Cookie e dati Opera 1. Eseguire il Browser Opera 2. Fare click sul Preferenze poi su Avanzate e infine su Cookie 3. Selezionare una delle seguenti opzioni: • Accetta tutti i cookie • Accetta i cookie solo dal sito che si visita: i cookie di terze parti e quelli che vengono inviati da un dominio diverso da quello che si sta visitando verranno rifiutati • Non accettare mai i cookie: tutti i cookie non verranno mai salvati.

|||

 

Buone notizie per chi nel 2013 ha riempito gli armadi di vestiti, maglie e leggings a stampa floreale: nel 2014 si riconferma la moda dei fiori. Gli stilisti sembrano essersi affezionati alla fantasia più primaverile che ci sia e ce la ripropongono, con poche varianti. Le sfilate di Matthew Williamson, Marni e Mary Katrantzou avevano suggerito qualche eccentricità in più, con fiori tridimensionali per un effetto di luce e movimento. Ma, tutto sommato, nelle vetrine dei negozi same old story.

Serenità, leggerezza e femminilità: sono questi i motivi per cui il floreale non passa di moda. A periodi di crisi, cambiamenti e incertezze, la moda oppone il suo lato più frivolo e spontaneo, e si riconferma scacciapensieri necessario nella nostra vita quotidiana. In controtendenza al grigiume del mondo del denaro, la moda torna a paesaggi bucolici e al colore. Inoltre, in mezzo a tante polemiche sul tema del sessismo, la donna riconferma il suo lato femminile, prezioso come un fiore, ma anche forte e solido come una quercia. Ma non sancisce un ritorno a ruoli preconfezionati: la moda floreale è adatta alla donna che non ha paura degli stereotipi e, per questo, ci gioca.

Non solo abiti: anche le nuove fragranze primaverili sono giardini profumati. Da Dolce di Dolce&Gabbana a Miss Dior Blooming Bouquet, la primavera è la stagione dei profumi fioriti. Ma la vera flower revolution arriva dal mondo dei gioelli: Morellato presenta la sua nuova collezione "FioreMio", un’inno alla femminilità e all’eleganza dei fiori a primavera. Sarà la modella portoghese Sara Sampaio ad indossarli nella nuova campagna pubblicitaria, che verrà trasmessa a partire da fine marzo. E poi ci sono gli accessori: borse e scarpe sono ricoperte di fiori di ogni genere.

Se una rondine non fa primavera, sembra invece che basti un fiore per risvegliarsi dal letargo dell’inverno. Basta un profumo al mughetto e un vestitino colorato per fuggire dallo smog di Milano. E basta un po’ di fantasia e positività, per sbocciare al primo raggio di sole.

 

 

 

La bellissima Keira Knightley si riconferma testimonial di Chanel per l’intramontabile Coco Mademoiselle. La fragranza è ben nota alle esperte: orientale fresca, adatta a vestire una donna elegante e determinata, a tratti provocatoria e impertinente. L’eau de parfume è caratterizzata dalle note agrumate di arancia di Sicilia e bergamotto, un cuore fiorito di rose, gelsomino e iris, e, infine, un fondo complesso e ricco, formato da note muschiate, vetiver di Haiti, vaniglia e patchouli.

La collaborazione tra la Maison Chanel e Keira Knightley, iniziata nel 2007, continua con un nuovo film pubblicitario, diretto nuovamente da Joe Wright. Nel nuovo capitolo l’attrice si trova ad una festa dove indossa l’abito da sposa Chanel Haute Couture collezione 2013/14 e decide di puntare sull’ultimo affascinante arrivato. Si fa notare, lasciando il segno indimenticabile del suo profumo, poi scompare. Come negli spot precedenti, quindi, Keira seduce e fugge, questa volta in motoscafo. Sullo sfondo, Parigi al tramonto.

Il finale però lascia allo spettatore un piacevole dubbio: dopo l’ultimo scambio di sguardi, la capricciosa musa Chanel deciderà di fermarsi o continuerà la sua fuga? Anche un’anima così indomabile si può arrendere all’amore?

Uno spot che fa sognare sia le più romantiche, sia le più "irrequiete": come suggerisce la colonna sonora "She’s not there", una donna che rimane sempre indelebile, almeno nel ricordo di chi ne viene sedotto e, probabilmente, abbandonato.

Indira Fassioni

|||

Vintage, fatto a mano e la riscoperta del tempo attraverso capi dismessi e recuperati: questi sono i punti cardine del progetto “Sine Modus”, nato dalla mente (e dal cuore), ma soprattutto dalle mani di due giovani ragazze campane, Chiara e Manuela, cultrici di un gusto per la riscoperta artigianale del passato, raro da trovare di questi tempi.

Leggendo i testi che accompagnano le splendide creazioni di Chiara e Manuela, non si può fare altro che sentire la passione che anima il progetto, il concetto del capo vintage che si fa portatore di valori, fattura, gusto estetico proprio sia di chi lo ha indossato ma, soprattutto, dell’epoca in cui esso è stato creato.

Sine Modus ricerca, tramite le sue personali creazioni, quello spirito del tempo che fatica a sopravvivere oggi, tra mille mode passeggere e massificazione, tra produzioni in serie e capi usa e getta, dove un capo fatto a mano risulta essere una chimera per i più.

Il fulcro del progetto sta, invece, nell’offrire ai clienti uno scrigno colmo di capi vintage e ri-usati, la cui classicità si fa contemporaneità e il cui gusto personale sa andare aldilà delle mode del tempo, in una sorta di continuum emozionale tra passato e presente.

La volontà di slegarsi dalle mode del presente, si coglie anche nel nome stesso del progetto: “Sine Modus” è infatti un latinismo volontariamente errato, che affascina e incuriosisce chi si avvicina alle sue preziose creazioni.

Ogni capo ha una storia da raccontare, mille aneddoti ed emozioni non sopite, che aspettano solo di poter tornare a nuova vita, per parlare alle donne e agli uomini di oggi.

Un progetto ambizioso e affascinante, quello di Chiara ed Emanuela: la prima cresciuta tra Lettere, giornalismo di moda e visual merchandising, la seconda formatasi tra Storia dell’Arte, il “mercatino delle pezze” di Santa Maria Capua a Vetere e Londra, ineguagliabile bacino di creatività.

Due giovani professioniste animate da una passione comune, quella del vintage, che non mancheranno di emozionarvi attraverso le mille storie che si celano dietro un tessuto, un vestito, un accessorio.

Per conoscere il mondo di Sine Modus, Nerospinto vi consiglia i seguenti link :

 

http://www.sinemodus.it/

https://it-it.facebook.com/SineModus

http://www.pinterest.com/sinemodusused/

https://twitter.com/SineModus

http://instagram.com/sinemodus

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

New Girls , il collettivo tutto al femminile che interpreta e racconta i nuovi trend attraverso  blog, organizzazione di eventi e la consulenza per progetti di comunicazione, e l’ufficio stampa Rosaspinto, brand eclittico che unisce arte e comunicazione, collaborano per dare origine a BIZARRE BAZAAR.

Domenica 23 Marzo, dalle ore 12 fino alle 22, apre il nuovo market place della domenica milanese: dal brunch fino a cena, non perdetevi una giornata da trascorrere tra shopping, food, musica, workshop, mostre e divertimento.

Un evento dedicato alla promozione di nuovi brand emergenti, Bird Retrò, Fragile fashion conceptGioie Lillipuziane, LaPatty Gelosa Bijoux, Madame Claus e il Dottor Pistone,Maddebijoux, Ohmydolls Milano, Sine Modus, Sweet Papillon, Telma Lima Vintage, che esporranno le loro ultime creazioni in un contesto raffinato e di design come quello offerto da The Room Milano, la nuova  esclusiva location di ispirazione newyorkese a pochi passi da Porta Romana, che ospita al suo interno un bellissimo giardino d’inverno ed un esclusivo ristorante di street food internazionale.

Non una semplice giornata di shopping, ma un vero e proprio Bazaar, dove si uniscono moda, arte e cucina: le esibizioni a cura di Valentina Sedda, “Attraverso lo specchio”, e Virginia Micagni, “SexIsNotTheEnemy”, intratterranno i visitatori, accompagnate dai dj sets di Dario Savoy, Cherry Bomb e Play Eva e dall’imperdibile workshop “I dolci di Alice”, di Alice Contessa Balossi.

Per chi vorrà assaporare la nuova cucina street-food moderna di The Room, il brunch e la cena saranno serviti su prenotazione da Chef Rodriguez.

L’occasione per dare un benvenuto speciale alla primavera, per vivere una domenica completamente diversa dal solito, che ci trasporti, con i suoi colori e i suoi sapori, lontano da Milano.

 

Special media partner: Nerospinto

Press office: Rosaspinto

Per info:

www.rosaspinto.it

www.theroomilano.com

Uno scambio di mail, quattro chiacchiere ed ecco un mondo che mi si apre dinanzi agli occhi. L'eroina di questo universo scintillante è Veronika Vesper, performer, cantante, musicista, modella inglese, giunta da un pianeta lontano.

È lei la protagonista di questo incontro, nel quale si parla di moda, musica ma anche di felicità, malattia e di un lungo e tortuoso viaggio, chiamato vita.

 

N-Ciao Veronika, Presentati ai lettori di Nerospinto!

V-Mi chiamo Veronika Vesper e sono una strana creatura creativa giunta dallo spazio. Canto, scrivo canzoni, suono il flauto, amo esibirmi, anche come modella e adoro tutto ciò che ha a che fare con la moda. Credo nell’importanza di seguire i propri sogni, vivere la propria vita senza paura, essere autentici ed avere in mano le redini del proprio destino.

 

N-Dalla tua biografia: “Una bellissima creatura giunta da un altro pianeta. Quale pianeta?Hai una missione qui sulla terra?

V- A dire il vero, anche tu sei una creatura molto particolare :)  Si, la mia missione è ispirare le persone o meglio, incoraggiarle a credere in loro stesse, ad usare il loro potere e a “sguinzagliare” il loro genio. Mi piacerebbe vedere un mondo pieno di gente felice che vive in accordo con il proprio essere. Mi trovo qui anche per divertire e per rendere questo nostro mondo più bello. Che casualità :)

 

N-Hai definito la tua musica “pop spaziale”. In cosa si differenzia dal pop tradizionale, quello che di solito ascoltiamo in radio o su MTV?

V- Ha un sapore più “spaziale” :) Penso che la mia musica abbia sia un qualcosa che appartiene ad un’altra dimensione, sia una qualità cinematografica, e che sia dunque in grado di avvolgere completamente l’ascoltatore, trasportandolo altrove.

 

N-Le tue influenze musicali sono molto eterogenee, giusto per citarne alcune:David Bowie e Nirvana, ma anche Depeche Mode e Bjork. Cosa hai preso da ciascun artista e come hai usato questi “prestiti” nella tua musica?

V- Bjork è la mia più grande fonte di ispirazione. Onestà, il non aver paura di sperimentale musicalmente e la combinazione di suoni sinfonici e musica elettronica; I Depeche Mode mi trasmettono una certa eleganza dark, unita a splendide armonie; I Nirvana per me sono il sentimento, la passione, la sensuale trascuratezza con cui Kurt canta, è qualcosa difficile da descrivere; David Bowie: stile impavido e coraggioso.

 

N-Parliamo della tua immagine: ti descrivi come un incrocio tra Lara Croft e la protagonista del film “Il Quinto Elemento”. Come sei arrivata a creare questo look? Quale messaggio vuoi trasmettere al tuo pubblico?

V-Non si tratta di una scelta pianificata. Sono appassionata di sci-fi e super eroi. Mi piace indossare cose che mi facciano sentire imbattibile. Il mio messaggio è: sii te stesso, non avere paura e fregatene di ciò che la gente dice di te.

 

N-Passiamo allo stile: nella tua bio leggo tre parole chiave, “punk”, “cyber” e “alternativo”. Potresti definirle? In più ti chiedo se sia davvero possibile essere alternativi in questo mondo, dove praticamente tutti si adattano ad un’idea comune di moda e dove l’individualità è quasi una rarità.

V-Penso che sia possibile essere alternativi e con questo intendo dire che è possibile essere creativi e cercare nuovi modi per esprimere sé stessi attraverso la moda. Se non lo facessimo, smetteremmo di sperimentare e di crescere artisticamente. Dal punk ho preso alcuni elementi che adoro, come le teste rasate, le catene, le spille da balia, i vestiti strappati … e l’attitudine all’indifferenza. Il cyber è ciò che mi contraddistingue, tanto argento, vestiti olografici,zeppe, rasta (penso dunque di rientrare in questa categoria), tutine,stampe futuristiche e forme.

 

N-Eccoci al mondo della moda. Nomina almeno tre stilisti che ami.

V- Alexander McQueen, Iris Van Herpen, Hussein Chalayan, Gareth Pugh… tutti super creativi e innovativi.

 

N-Musica contemporanea: cita almeno tre cantanti/band/progetti che ti affascinano e perché.

V- Lana Del Rey: mi piace la complessità della sua musica e il modo in cui si esprime attraverso l’immagine; Grimes: diverso,creativo, bello… in un certo modo mi ricorda Bjork; Angel Haze:una rapper fantastica, è autentica ed è un vero talento.

 

N- Come descriveresti il tuo mondo di icona fashion e cantante?

V- Intenso, eccitante, bello e veloce.

 

N- Il concept del tuo album è “dall’oscurità alla luce”. Penso che esso nasconda anche un messaggio di speranza?

V- Questo è proprio il punto focale del mio album. Ho deciso di raccontare la mia storia attraverso la musica, sperando di ispirare la gente attraverso di essa. Ho voluto sottolineare il fatto che è possibile superare anche le situazioni più difficili e rinascere come uno splendido fiore, come un bocciolo di loto che nasce dal fango.

 

N- Le tue canzoni parlando degli anni bui della tua adolescenza. Pensi che la musica sia un modo per elaborare il passato e per superare un’adolescenza difficile? Parli anche di una malattia mortale. Ti senti una donna più forte? Hai un messaggio che vorresti portare alle donne che stanno vivendo la situazione che tu hai affrontato in passato?

V- La musica può davvero essere terapeutica. Inoltre, più è connessa con le emozioni autentiche dell’artista, più la gente sarà in grado di relazionarsi ad essa. Penso che le difficoltà che incontriamo durante la vita, ci rendano più forti. Se le prendi dal lato giusto, possono insegnarti qualcosa e farti crescere. Si, mi sento più forte e apprezzo di più la mia vita e il tempo che ho a disposizione. Se ho un messaggio da condividere?  Credete in voi stessi e non abbiate paura di vivere e seguire i vostri sogni, date voce alle vostre idee e lottate per esse. Non vi fate carico dei problemi degli altri.

 

N- Scoperte spirituali: ne sono molto affascinata. Penso che gli uomini necessitano di qualcosa o di qualcuno a cui fare riferimento, durante i momenti di difficoltà. Che tipo ci consapevolezza spirituale hai raggiunto?

V-  Ho capito che la mente è tutto, che noi costruiamo le realtà e il sogno attorno a noi stessi e che essi sono connessi all’intero universo. Mi piacerebbe imparare a vivere maggiormente  il momento. È un viaggio lungo una vita intera... o anche di più :)

 

N-La felicità: questa è una grande parola. Mi piacerebbe che mi parlassi della tua idea di felicità. Esiste o si tratta di qualcosa che noi inventiamo per vivere meglio ed affrontare le difficoltà quotidiane?

V- Stiamo andando sul filosofico :) Certamente, la felicità esiste, e ne hai una prova anche dalle reazioni chimiche del nostro corpo. La mia idea di felicità è cioccolato puro  e tanto sesso :)

 

N-Hai in programma una visita a Milano? Cosa sai a proposito di Milano e dell’Italia in generale?

V-È per caso un invito? J Complimenti agli Italiani per aver inventato il pianoforte, il violino e la musica classica. Per aver dato i natali all’Opera! Mio Dio, che musica avremmo senza gli Italiani? Anche le due più grandi popstars hanno sangue italiano. In più, l’essere stati dei pionieri nel mondo della moda e, per finire, il buonissimo gelato e gli uomini passionali. Sono stata a Milano solo una volta, avevo appena preso la patente e devo dire che è stato PAZZESCO :)

 

N-Se ti dico “Nerospinto”, cosa ti viene in mente?

V-Creativo, stimolante, oscuro

Grazie per avermi intervistata, è stato un onore.

 

Per maggiori informazioni:

https://www.facebook.com/veronikavesperofficial

http://veronikavesper.com/

http://www.youtube.com/user/veronikavesper

https://twitter.com/VeronikaVesper

http://instagram.com/veronikavesper

https://soundcloud.com/veronikavesper

 

 

Testo originale e traduzione a cura di Letizia Carriero

 

Porta un nome che ricorda il paradiso terrestre, ma il suo fascino è tutt’altro che angelico. Lei è la bellissima Eva Green, attrice e modella parigina, classe 1980. Ce la ricordiamo tutti come la musa trasgressiva e ammaliatrice di Bertolucci, la controversa Isabelle di The Dreamers. I ruoli da femme fatale le calzano a pennello: nel 2006 è la Bond Girl di Daniel Craig in Casinò Royale e, per questo film, la rivista Maxim la nomina la ventesima donna più sexy del mondo. Ma la Green è anche strega cattiva in Dark Shadows di Tim Burton e, in sala dal 6 marzo, combattente assetata di vendetta in 300: L’alba di un impero. Qui il fascino letale di Eva-Artemisia, la sua devozione alla guerra e alla Persia, rubano la scena anche al valoroso Temistocle, comandante dell’esercito greco. La sua forza è irresistibile.

L’attrice francese è stata testimonial di Breil, Armani, Lancôme. Nel 2007, Dior l’ha scelta per interpretare la fragranza Midnight Poison, variante ambrata orientale del Poison. E chi meglio di Eva può rappresentare un profumo tanto seducente, il cui flacone ricorda il frutto proibito? Nello spot, questa Cenerentola  moderna e sicura di sé, più simile a un vampiro, non deve scappare allo scoccare della mezzanotte. Al contrario: fa il suo ingresso  trionfale alla festa, incantando la folla con il suo sorriso e la sua bellezza. Ve la ricordate, mentre sale le scale con il suo vaporoso e luccicante abito blu, sulle note dei Muse?

Eva Green è un’icona dark. Bionda naturale, si tinge i capelli di nero da quando ha 15 anni. In fatto di make-up, solitamente gioca con ombretti scuri e metallici, per creare l’effetto smokey. Anche con un trucco più sobrio, non dimantica mai una passata di mascara ultrablack.Le sue labbra sono spesso dipente di rosso, scelta che risalta la sua pelle chiarissima. In genere, anche nella scelta degli outfit, Eva punta sul total black: il nero e il blu scuro sono i colori che più la rappresentano. I suoi marchi preferiti sono Tom Ford, Alexander McQueen e Dior. Il colore? Raramente cede al rosso e a nuance più delicate. Ma non ingannatevi, Eva è così: una dark lady di carattere, che fa subito tendenza.

 

Così ci parla Karl Lagerfeld della sua donna dell'inverno 2015. Scarpe da tennis e tuta come Cara Delavigne, che sfila col designer. La donna moderna fa la spesa, e la fa in un supermercato chic creato dalla maison all'interno del Grand Palais di Parigi. Cestini della spesa, biscotti Chanel e piccole chicche che rendono l'ambientazione reale e surreale allo stesso tempo. Si tratta di una donna che come per Jeremy Scott, é più vicina alla realtà. Chanel ci manda a fare la spesa in tuta ma con un cappotto in pieno stile, in tweed, con pantaloni laminati e giacché di pelo, con borsette chic a forma di cestino. Si perché la nuova donna, é elegante e lussuosa anche quando non le interessa, quando al supermercato sceglie distrattamente tra gli scaffali, e soprattutto sono molteplici le sfaccettature della donna che vi troviamo, dalla sportiva della domenica, alla donna in carriera post ufficio. Non ci sono altro che lusso e comodità, streetwear e classicismi in puro stile Coco convivono in una collezione che sicuramente va capita, ma che ribalta i canoni tipici del brand, in pieno stile Karl.
|||

La notte più importante per il mondo del cinema è arrivata senza delusioni per "La grande bellezza" di Paolo Sorrentino, che si aggiudica il premio come miglior film straniero. Ma se un occhio è puntato ai premi e al talento, l’altro è rivolto agli abiti da sogno delle attrici. Vediamo insieme i loro look e proviamo a stilare una classifica in fatto di stile, per capire chi si meriterebbe l’Oscar per l’eleganza.

Nel 2013 è rimasto indelebile il vaporoso abito Dior di Jennifer Lawrence, che si è aggiudicata il premio di miglior attrice in "Il lato positivo", sbaragliando Jessica Chastain, Naomi Watts, Emmanuelle Riva e Quvenzhane Wallis. Senza dubbio, la Lawrence avrebbe vinto anche se ci fosse stato un Oscar per la bellezza: il suo aspetto era quello di una giovane sposa emozionata.

Ma veniamo al presente: la notte del 2 marzo 2014, a vincere il titolo di miglior attrice non protagonista è stata Lupita Nyong’o per la sua interpretazione in "12 anni schiavo". Celebra la sua vittoria con uno svolazzante abito by Prada: da favola. Jennifer Lawrence, altra candidata per la statuetta, non stupisce come l’anno scorso: rimane fedele a Dior, ma sceglie un abito stretto rosso, che ci fa un po’ rimpiangere la nuvola bianca che la circondava un anno fa. Elegante e semplice, Julia Roberts opta per il nero, come nella notte degli Oscar del suo anno più fortunato: il 2001.

Si sono contese, invece, la statuetta di miglior attrice Amy Adams, Sandra Bullock, Judi Dench, Melyl Streep e Cate Blanchett. È quest’ultima, come da pronostico, che si aggiudica il titolo per il ruolo da protagonista in "Blue Jasmine". Indubbiamente è una stagione d’oro per Cate, che, testimonial della fragranza "Sì", non può che scegliere un luccicante abito firmato Giorgio Armani. Portato da una persona qualunque sarebbe potuto sembrare un po’ pacchiano. Ma la Blanchett non è una persona qualunque: per merito del suo charme innato, l’attrice australiana era semplicemente impeccabile. Degne di nota anche le due donne in blu: Amy Adams, in Gucci Couture, e (soprattutto) Sandra Bullock, che ha scelto un abito di Alexander McQueen.

Tra le non candidate, vogliamo far vincere Kate Hudson, che sembrava appena uscita dall’Olimpo degli dei, precisamente un Olimpo firmato Versace. Seguono Angelina Jolie e Emma Watson. La prima, che piaccia o meno, non è passata inosservata (e come potrebbe?) con il suo abito Elie Saab Couture. Ma anche la giovane Emma, in Vera Wang,  ha mostrato un’eleganza invidiabile. In attesa che concorra agli Oscar come attrice, per il momento ci accontentiamo di metterla nella lista delle vincitrici di stile.

Indira Fassioni

|||

Giorgio Armani chiude la settimana della moda a Milano con una collezione autunno-inverno 2014-2015 giocata su tre colori: grigio, nero e verde lime. Protagonista della passerella è stato soprattutto il grigio, complementare a se stesso e a volte ingannevole, perché a seconda della luce può essere percepito come un colore diverso. "Il grigio non è definito", dice Armani. "È chiaro e scuro, e ha tante sfumature che che si sposano benissimo fra di loro. Tutti i grigi sono belli, e sono belli anche messi insieme". Meno discreto è il lime, usato con parsimonia per sottolineare i dettagli. Spesso lo utilizza in tono grigiato: ancora una volta, grey wins.

Il grigio richiama serietà e concretezza, forse rigore. Nel consueto incontro con la stampa post-sfilata, Re Giorgio coglie l’occasione per volgere uno sguardo all’Italia e alla crisi. "Il mio stile serve per fuggire dalla moda. Io non inseguo la fantasia e la creatività facili: il mio sentiero è più silenzioso e difficile. Cerco da sempre di innovare il classico e questo lavoro è durissimo, sottile, fatto di sfumature. In questo show ho introdotto il verde lime, colore che spesso si usa nei concerti rock dal vivo per dare un'idea di modernità, di stranezza. Ma è solo la punta dell'iceberg: trovo che oggi si debba tornare a essere seri e a presentare anche in sfilata capi che le persone indossino davvero e non solo sogni deliranti che poi vengono indossati soltanto dagli addetti ai lavori".

In tempi grigi da troppo tempo per l’economia italiana, lo stilista fa un appello finale a Matteo Renzi e al nuovo governo. La moda in Italia ha un’importanza vitale e chi governa non deve dimenticarselo: "Noi stilisti abbiamo bisogno di una mano e con le istituzioni possiamo far davvero molto".

|||
Arriva l'ora del debutto di Jeremy Scott a capo del design della Maison Moschino dopo Rossella Jardin. 45 minuti di ritardo che non deludono però le attese.
Sulle note di "From disco to disco" si aprono le danze, ed è un tripudio di consumismo, junk food e pop. La maison comincia con abiti ispirati a Mc Donald's, la catena per eccellenza del junk food mondiale: occhiali con le M iconiche del fast food, borse a forma di bibita o del mitico "Happy meal", accappatoi che diventano cappotto, divise che si trasformano in abito. Per poi passare al trionfo del hip hop, abiti in pelle, loghi a gogo, oro e catene, la parola moschino si ripete su collane, cinture, bracciali, anelli, scarpe e quant'altro, a profusione su tutto il corpo.

Quando poi ti aspetti che sia finita, e ancora devi capire quanto questa collezione ti possa piacere, è il turno di Spongebob, su maglioni, pantaloni, gonne e accessori.

Il gran finale è preso da abiti da sera che riportano confezioni di patatine, pop corn, e cioccolata americana.

Una collezione che si ama o si odia, fedele al genio di Jeremy Scott, e che nel bene e nel male fa parlare di sè dal momento dell'uscita della prima modella.

Pagina 4 di 11

Instagram

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.