CHIAMACI +39 333 8864490

Giovedì, 12 Marzo 2015 12:58

Al San Babila commedia degli amanti

Dal 12 al 15 marzo al Teatro San Babila va in scena "Alla stessa ora il prossimo anno", commedia del 1975 di Bernard Slade, rappresentata per ben quattro anni consecutivi a Broadway. È diventata un film di successo e resta una delle commedie più prodotte nella storia dello spettacolo. In Italia la prima edizione è stata prodotta da Garinei e Giovannini nel 1978. Nel 2001 la coppia Marco Columbro e Maria Amelia Monti registra ovunque il tutto esaurito.

George è fuori casa per lavoro. Doris è fuori casa per un ritiro spirituale. Sono al ristorante, lui la nota e le manda una bistecca. I due finiscono in quella camera di motel californiano come per caso. Entrambi sposati con figli, entrambi benpensanti. La mattina dopo, nonostante i sensi di colpa, decidono di rivedersi, e così l'anno dopo, lo stesso giorno, la stessa ora, stesso motel, stessa camera. E poi l’anno dopo, e poi l’anno dopo ancora. Come due amanti che quando si incontrano chiudono la porta e dimenticano il mondo che han chiuso fuori.

 

Tiesseteatro – Enzo Sanny Produzioni presentano

MARCO COLUMBRO  GAIA DE LAURENTIIS

ALLA STESSA ORA IL PROSSIMO ANNO

di Bernard Slade

regia di

GIOVANNI DE FEUDIS

TEATRO SAN BABILA – MILANO

DAL 12 AL 15 MARZO 2015

Giovedì - Venerdì - Sabato ore 20.30 / Domenica ore 15.30

Biglietti: da € 22,00 a € 27,50

 

[gallery type="rectangular" ids="39128,39129,39130,39131,39132,39136,39135"]

Pubblicato in Cultura
Giovedì, 12 Marzo 2015 12:01

"Signori...le paté de la maison"

Dal 12 al 29 marzo al teatro Manzoni di Milano andrà in scena "Signori...le paté de la maison", una commedia per tutti i gusti che, con ironia, ricalca comportamenti e situazioni tipici di una comune famiglia italiana.

Un adattamento teatrale ad opera di Carlo Buccirosso e della stessa Ferilli di "Le prenom", opera scritta da Matthieu Delaporle e Alexandre de La Patelliére.

Sul palco Sabrina Ferilli , Maurizio Micheli - regista della messa in scena - e Pino Quartullo. Sono i protagonisti di una cena in famiglia in cui il cibo è accompagnato dalla voglia di raccontarsi, di trascorrere una piacevole serata insieme e dall'annuncio di un imminente lieto evento.

Un'atmosfera unica nel suo genere, che solo una cena in famiglia può dare. Del resto si sa, la famiglia è lo specchio della nostra società e, come in questa, si nascondono tutto il bene e tutto il male del mondo.

Le sorprese quindi non mancheranno tanto che uno scherzo innocente e goliardico rivelerà realtà inaspettate ed imbarazzanti; allora anche la più gustosa delle pietanze come il paté, da cui prende il titolo la rappresentazione, può cambiare sapore e diventare indigesto.

Una commedia divertente, dai velati tratti malinconici.

ORARI

Martedì - sabato: ore 20.45 Domenica: ore 15.30

PREZZI

poltronissima €45 / poltronissima over 60 € 39

poltrona € 40 / poltrona over 60 € 34

INFO

tel. 02 00634555

http://www.teatromanzoni.it/manzoni/

[gallery type="rectangular" ids="39034,39036,39035,39039,39040,39037"]

Pubblicato in Cultura
Lunedì, 23 Febbraio 2015 18:38

Confidenze ed equivoci al Litta

Dopo il grande successo della scorsa stagione, torna sul palcoscenico del Litta dal 3 al 15 marzo la commedia francese Confidenze troppo intime, per la regia di Antonio Syxty, scritta da Jérôme Tonnerre per il film omonimo del 2004, diretto da Patrice Leconte. La vicenda nasce da un equivoco di partenza: Anna sta andando dal suo psicanalista, ma bussa alla porta sbagliata e al posto del dottore le aprirà William, consulente finanziario. Anna però crede di trovarsi di fronte al suo analista e inizia a raccontargli i suoi segreti più intimi, mentre William, non avendo il coraggio di rivelarle la sua identità, ascolta quelle confessioni.

Jérôme Tonnerre è uno scrittore francese, anche regista di cinema negli anni ‘70. François Truffaut, suo amico, lo spinge a scrivere sempre più per il cinema. Seguendo il consiglio di Truffaut, Tonnerre ha scritto film per Claude Sautet Un cuore in inverno e per Patrice Leconte (Il mio migliore amico, Confidenze troppo intime). Ha scritto anche diversi libri, tra cui Le Petit Voisin, dedicato proprio al suo rapporto con François Truffaut.

 

3-15 marzo 2015

CONFIDENZE TROPPO INTIME

di Jèrôme Tonnerre - traduzione David Conati - regia Antonio Syxty - con Caterina Bajetta, Gaetano Callegaro, Valentina Capone, Ettore Distasio, - scene Guido Buganza - costumi Valentina Poggi

Repliche: da martedì a sabato ore 20:30 - domenica ore 16:30 - lunedì riposo - Durata: 105' - Biglietti: intero €21, ridotto €11/15 - Abbonamenti: Lunatica, Invito a Teatro

ABBONAMENTO LUNATICA Carta non nominale, libera, a scalare, valida per tutti gli spettacoli in cartellone della stagione serale (escluse recite straordinarie, festa di Capodanno, festival, teatro ragazzi, rassegne e linea Apache). Convenzioni www.teatrolitta.it

BIGLIETTERIA C.so Magenta 24, Milano - ritiro biglietti lunedì/sabato - 18:00/20:00 - informazioni e prenotazioni telefoniche lunedì/sabato – 15:00/19:30 - 02.86.45.45.45 - prenotazione mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

- prevendita online biglietti e abbonamenti sono acquistabili sul sito e nei punti vendita Vivaticket

 

[gallery type="rectangular" ids="37798,37799,37802,37803,37808,37809"]

 

 

Pubblicato in Cultura
Domenica, 22 Febbraio 2015 20:52

Essere genitori, ridendo, con Claudio Batta

L'attore e comico Claudio Batta torna dal 23 febbraio all'1 marzo Teatro della Cooperativa con il suo nuovo spettacolo, per indagare, con risate e sorrisi, il mestiere di genitore. “Da quando ho famiglia sono single”, scritto con Riccardo Piferi, che ne cura anche la regia, racconta il punto di vista genitoriale di quella generazione che è ancora in bilico tra l'essere figlio e diventare genitore. Tra educazione da dare ai figli, dialogo da instaurare con loro e soggett di vario tipo che gravitano intorno ai figli (scuola, amici, nonni tv), si capisce come il mestiere dei genitori sia difficile e come lo si possa imparare solo sul campo.

 

DA QUANDO HO FAMIGLIA, SONO SINGLE!

di Riccardo Piferi, Claudio Batta

con Claudio Batta

regia Riccardo Piferi

da lunedì 23 febbraio a domenica 1 marzo 2015

Teatro della Cooperativa di Milano

Via Hermada 8, Milano tel 0264749997  www.teatrodellacooperativa.it

ORARI: da lunedì a sabato h. 20.45 - domenica ore 16 – giovedì riposo

PREZZI: intero 18 € - ridotti 15/9 €

 

[gallery type="rectangular" ids="37765,37766,37769,37767,37768"]

Pubblicato in Cultura

Da metà febbraio al Teatro Elfo Puccini andranno in scena due nuovi e attesissimi debutti: Comedians e Io provo a volare.

Comedians è uno spettacolo teatrale originariamente scritto nel 1975 dal drammaturgo britannico Trevor Griffiths. La versione che dal 16 al 22 febbraio verrà messa in scena nella sala Shakespeare del Teatro Elfo Puccini è un libero adattamento del regista Renato Sarti. Una storia divertente che si basa, però, su una riflessione molto seria e attuale: restare fedeli ai propri ideali o tradirli per ottenere successo? Un quesito che viene posto dagli attori, che inscenano un gruppo di di aspiranti comici, allievi di un ex attore impegnato politicamente, alle prese con il provino che potrebbe cambiar loro la vita. Ad esaminarli un pezzo grosso dello show business. Due figure, quella dell'esaminatore e del' ex attore-tutor, che rappresentano due realtà contrapposte: la prima, quella più pragmatica, della comicità intesa come puro svago che non deve impensierire il pubblico; la seconda idealista, invece, portavoce di una comicità graffiante che vuole incidere sulla realtà.

Già nel 1985 Comedians venne messo in scena all'Elfo, nella storica versione di Gabriele Salvatores. Uno straordinario successo con un gruppo di attori giovanissimi e ancora semi sconosciuti come Paolo Rossi, Claudio Bisio, Silvio Orlando, Antonio Catania, Gigio Alberti… Questo nuovo adattamento di Renato Sarti è nato dall'idea di innovare la messa in scena dello spettacolo, rendendolo più attuale e quindi incisivo. Una comicità di quelle che fa pensare a fondo, quella messa in scena da Renato Sarti dal 16 al 22 febbraio al Teatro Elfo.

con Margherita Antonelli, Alessandra Faiella, Rita Pelusio, Claudia Penoni, Nicoletta Ramorino e Rossana Mola

scene Carlo Sala

musiche Carlo Boccadoro

produzione Teatro della Cooperativa

Teatro Elfo Puccini,

Corso Buenos Aires 33, Milano

Sala Shakespeare

Lunedì/Sabato ore 20.30

Domenica ore 16.30

Durata: 120' con intervallo

Prezzi:

Intero: 30.50€   Ridotto giovani/anziani: 16€  Martedì: 20€

Info e prenotazioni:

tel: 0200660606

[gallery type="rectangular" ids="37225,37222,37219,37220"]

Io provo a volare è uno spettacolo omaggio a Domenico Modugno di Gianfranco Berardi, attore pugliese non vedente considerato uno degli astri nascenti del teatro italiano. In collaborazione con la regia di Gabriella Casolari, l'opera teatrale racconta la vita di uno dei tanti giovani cresciuti in provincia che sull'onda del mito è pronto ad affrontare ogni ostacolo pur di realizzare il sogno di diventare un artista. Basato sulla biografia di Domenico Modugno, Io provo a volare è un vero e proprio viaggio tra divertenti episodi della realtà provinciale e alienanti esperienze metropolitane: i sogni, gli incontri, le prove, la fuga, la scuola, il lavoro, l'amaro rientro al paesino al quale il protagonista è costretto a tornare. La figura di Modugno diventa un simulacro per rendere omaggio, tra poesia e comicità, agli sforzi e al coraggio di tanti che spinti dalla passione, si lanciano all'avventura costantemente.

Dal 17 al 22 febbraio.

di e con Gianfranco Berardi

regia e luci Gabriella Casolari

e la partecipazione di

Davide Berardi voce solista e chitarra, Bruno Galeone fisarmonica

costumi Pasqualina Ignomeriello

Compagnia Berardi Casolari

con il sostegno di Festival Internazionale Castel dei Mondi

Teatro Elfo Puccini,

Corso Buenos Aires 33, Milano

Sala Fassbinder

Martedì/Sabato ore 21.00

Domenica ore 16.00

Durata:70' senza intervallo

Intero: 30.50€   Ridotto giovani/anziani: 16€  Martedì: 20€

Info e prenotazioni:

tel: 0200660606

[gallery type="rectangular" ids="37224,37218,37217,37228,37233"]
Pubblicato in Cultura

Dal 2 al 15 febbraio al Teatro della Cooperativa di Milano va in scena la commedia brillante "Il neurone innamorato": l'amore è qualcosa di romantico e impalpabile, o è solo una reazione chimica del cervello umano? Ecco il grande dilemma dell'uomo moderno. E per risolvere questo dilemma, perché scegliere tra uno spettacolo umoristico sull'amore, una lectio magistralis sulla chimica dei sentimenti e una commedia irresistibile sulla coppia e le tecniche di corteggiamento, quando si può avere tutto insieme? Il "variegato gruppo" di comici e attrici, già protagonisti de "La cantatrice calva" campione di incassi nella scorsa stagione, sempre sotto la guida di Marco Rampoldi, vi aiuterà ad affrontare con leggerezza la dura realtà. 

Si sono scritti romanzi, saggi, poesie, canzoni, qualcuno ha dato la vita per amore, altri invece hanno dato molto… sotto la vita. Ma i professori Manera e Parassole vi racconteranno cosa accade veramente quando incontrate la donna o l'uomo della vostra vita, e nel vostro cervello si attiva il circuito del piacere, che agisce come una droga (però, è legale, non c'è il limite della modica quantità, e se ti fermano i carabinieri, non ti ritirano la patente per guida in stato di innamoramento); vi faranno capire perché scegliete proprio il vostro partner (è scientificamente provato che se un uomo vede una gnocca si può innamorare, se vede una cozza è più difficile); vi dimostreranno che nel terzo millennio la crisi del settimo anno arriva al terzo (se la coppia arriva al settimo anno vuol dire che, da quattro anni, tutti e due stanno con un altro). Claudio Batta, Stefania Pepe e Roberta Petrozzi daranno vita a tutti i 'lui', le 'lei', gli amici che offrono consigli, in cui non potrete fare a meno di identificarvi, in un crescendo di divertimento. Alla fine sarà evidente a tutti che l’innamoramento non ha niente a che fare con il cuore! Dispiace per Petrarca, Shakespeare, Prévert e per tutti coloro che lo hanno esaltato all’inverosimile, ma l’amore è solo questione di testa… o meglio dei processi chimici del cervello.

Non è molto romantico, ma qualcuno doveva pur dirlo.

 

2 - 15 febbraio

Il neurone innamorato L’amore è un apostrofo rosa fra l’ipotalamo e la corteccia prefrontale

di Riccardo Piferi e Diego Parassole con Claudio Batta, Leonardo Manera, Diego Parassole, Stefania Pepe, Roberta Petrozzi regia Marco Rampoldi assistente alla regia Paola Ornati scene Mattia Bordoni

Orari: Lunedì - sabato h. 20.45 Domenica h 16.00 Giovedì riposo

Prezzi: Intero 18 € Ridotti 15/9 €

Teatro della Cooperativa Via Hermada 8, Milano tel. 02.64749997 www.teatrodellacooperativa.it

[gallery type="rectangular" size="full" ids="36384,36382,36380,36385,36387"]

Pubblicato in Cultura
Mercoledì, 21 Gennaio 2015 00:56

Comicità e sentimento al Manzoni

Va in scena al Teatro Manzoni dal 22 gennaio all'8 febbraio "Lei è ricca, la sposo e l'ammazzo", commedia liberamente ispirata al celebre film del 1971 di Elaine May con Walter Matthau, e al racconto di Jack Richtie. Un ricco scapolo ha sperperato i soldi lasciatigli in eredità dal padre e, arrivato alla bancarotta, si fa prestare del denaro da un mafioso, per riuscire a far innamorare di sé una donna che sia ricca e sola. Lo scopo è quello di sposare la donna in questione, ucciderla, ereditare e ricominciare a godersi la vita come aveva fatto fino ad allora. Nasce così una anomala e divertente storia d’amore tra l’ex milionario spiantato ed una ricca, ma goffa ereditiera appassionata di insetti…Sul palco una inedita coppia di attori per una commedia all'insegna del buonumore

 

Dal 22 gennaio 2015 all'8 febbraio 2015

"Lei è ricca, la sposo e l'ammazzo"

di Mario Scaletta

con: Gianfranco Jannuzzo, Debora Caprioglio, Antonella Piccolo, Claudia Bazzani

Regia di Patrick Rossi Gastaldi

Orari

Martedì - sabato: ore 20.45 Domenica: ore 15.30

Prezzi Poltronissima: 32,00 + 3,00

Poltrona: 21,00 + 2,00

Poltronissima over 60: 28,00 + 3,00

Poltrona over 60 : 18,00 + 2,00

Poltronissima under 26: 15,00 + 1,50

Teatro Manzoni

Via Alessandro Manzoni 42

20121 Milano

027636901

 

[gallery type="rectangular" ids="35866,35867,35862,35864,35863"]

Pubblicato in Cultura

Dal 13 al 25 gennaio al Teatro Litta andrà in scena una versione molto particolare della commedia goldoniana "La Locandiera", allestimento della Compagnia Teatro Libero, diretta ed interpretata da Corrado d'Elia, noto attore e regista, fondatore del progetto Teatri Possibili (Compagnia, Scuola, Circuito ed Ente di produzione ed organizzazione teatrale), e dal 1998 direttore del Teatro Libero di Milano.

Una "Locandiera" travolgente, irresistibile, dai colori sgargianti e dai ritmi scoppiettanti. Una commedia ambientata in un mondo di plastica, simbolo moderno dell'artificio, coloratissimo e smaccatamente finto. Mirandolina sinuosa, affascinante, ironica, donna emancipata e moderna, vestita di rosa shocking e dai capelli biondo platino fa letteralmente impazzire d'amore tutti gli avventori della sua locanda. Da una parte è archetipo e modello indiscusso di femminilità, dall'altra pratica e calcolatrice donna d'affari che conduce il suo gioco, un orologio di precisione, così come lo aveva scritto Goldoni, ma in versione moderna. È una "Locandiera" finalmente comica, ricca di energia, d'emozione e ritmo, di atmosfere e scambi vivaci, un prezioso e aspettato incontro tra un grande testo e un regista dal personalissimo e incisivo punto di vista.

 

Dal 13 al 25 gennaio

LA LOCANDIERA di Carlo Goldoni

Regia: Corrado d'Elia Con: Monica Faggiani, Corrado d'Elia, Alessandro Castellucci, Gustavo La Volpe, Andrea Tibaldi, Marco Brambilla, Tino Danesi Scene e costumi: Corrado d’Elia Luci: Alessandro Tinelli Produzione Teatro Libero

Teatro Litta corso Magenta 24 - Milano Tel 02 8055882/ 02 86454546 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Orari Spettacoli: da martedì al sabato: ore 20,30 domenica: ore 16:30 lunedì riposo

Costo Biglietti: intero: € 21,00 ridotto: € 11,00/15,00

Lo spettacolo è compreso negli abbonamenti Lunatica, Invito a Teatro e Cartalibera.

 

[gallery type="rectangular" ids="35247,35251,35243,35244,35069,35248,35242,35246"]

Pubblicato in Cultura

Fino all'11 gennaio al Teatro Franco Parenti di Milano andrà in scena "Peperoni Difficili - La verità chiede di essere conosciuta", l'imperdibile commedia di Rosario Lisma ambientata nel piccolo mondo della provincia italiana dei nostri giorni, che racconta come le brave persone siano comunque capaci di piccole crudeltà quotidiane.

Giovanni, giovane parroco di provincia, riceve la visita inaspettata della sorella Maria (Anna Della Rosa) , volontaria in Africa ma costretta a fuggire per le persecuzioni dei guerriglieri locali. Sarà organizzata per il suo arrivo una cena di benvenuto anche con Filippo, bidello e allenatore della squadretta parrocchiale cacciato di casa dalla moglie crudele di cui è ancora innamorato, e Pietro, fratello di Filippo, bancario, colto, brillante e spastico, ma stranamente inconsapevole della propria malattia e anzi molto sicuro di sé. Alla cena Pietro, che ha evidenti disfunzioni motorie, rovescia a terra tutti i “peperoni difficili”, ricetta africana molto laboriosa preparata da Maria, ma la serata si svolge comunque serenamente fino a un’accesa discussione di stampo teologico tra Giovanni e Pietro a cui metterà fine l'intervento di Maria sulla priorità del concetto di Verità. Giovanni, in grave crisi di autostima e invidioso del carisma della sorella, riceve il giorno dopo la visita di Padre Gabriele e Padre Michele, confratelli maggiori dei tempi del seminario, che lo istruiscono sulle nuove ciniche tecniche per irretire i fedeli. La sera stessa Pietro uscirà con Maria, di cui si è innamorato perdutamente mentre Giovanni e Filippo aspetteranno fino a tarda notte il loro rientro per sapere com'è andata. Pietro confiderà con grande stupore a Giovanni che Maria lo ha respinto perché spastico e, non riuscendo a capacitarsene, chiederà all'amico: "Ma perché? Si vede?"

La commedia si svolge in una cucina abitabile. Sei personaggi, tre porte, qualche segreto e molti equivoci, una donna. Si ispira volutamente alla grande commedia umoristica del Novecento, cercando di raccontare i personaggi con il realismo che si avvera nelle parole, nelle relazioni e negli accadimenti, divisa tra il comico e il dolore. L’intento è quello di incarnare in una vicenda piccola e apparentemente banale i grandi dilemmi dell’animo umano che sono sempre gli stessi: cos'è giusto e cosa sbagliato? Cosa è la verità? Possiamo essere realmente autentici nella nostra vita quotidiana e cosa vuol dire essere autentici? E, soprattutto, in nome di quale principio? Qual è il senso del nostro agire a questo mondo? A domande di questo tipo ha cercato di rispondere il teologo Vito Mancuso, che ha fortemente ispirato l'autore nella stesura del testo, nel saggio ”La vita autentica” (Raffaello Cortina 2009), dove il tema della verità viene proiettato verso il “fine” a cui l’uomo è chiamato, ovvero la Verità intesa come amore tra gli uomini.

Indira Fassioni

INFO:

28 dicembre 2014 – 11 gennaio 2015

Teatro Franco Parenti  - via Pier Lombardo, 14 Milano

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. tel : 02 59 99 52 06 Fb : http://www.facebook.com/teatrofrancoparenti Tw: http://www.twitter.com/teatrofparenti Sito : http://www.teatrofrancoparenti.it

BIGLIETTI:

intero €32 / over 60 €18 / under 25 €15 / convenzionati €22,50

ORARI:

lunedì 29 dicembre h 20.00;

lunedì 5 gennaio h 20.00; martedì h 21.00; mercoledì h 20.00; giovedì h 18.30; venerdì h 21.00; sabato h 20.00; domenica h 16.00

 

 

[gallery type="rectangular" ids="34863,34862,34859,34861"]

Pubblicato in Cultura

Grande omaggio a Franca Rame venerdì 19 dicembre: la rassegna serale "Lissone a teatro" propone al suo primo appuntamento col pubblico la commedia comica "Coppia aperta, quasi spalancata", scritta da Dario Fo e Franca Rame nel 1982, e ora inscenata dalla compagnia Teatro della Cooperativa di Milano, per la regia di Renato Sarti.

Lo spettacolo vuole rendere onore alla grande attrice Franca Rame, donna intelligente e talentuosa che ha sempre dato tanto al pubblico. Il compito di ricordarla è affidato ad Alessandra Faiella, attrice dalle notevoli capacità comiche, abile nel "far ridere facendo pensare", e, accanto a lei, a Valerio Bongiorno, attore d'esperienza, che riesce a dare il giusto spessore al ruolo del marito. Alla regia Renato Sarti, che con questa trasposizione si propone di far percepire l'attualità e la forza del testo nel denunciare l'arretratezza culturale, nonché nel valorizzare la sensibilità e l'ironia della protagonista Antonia.

Coppia aperta, quasi spalancata

di Dario Fo e Franca Rame

regia di Renato Sarti

con Alessandra Faiella e Valerio Bongiorno

per la rassegna "Lissone a teatro" organizzata dal Comune di Lissone in collaborazione con il Teatro dell'elica- Palazzo Terragni, piazza Libertà, Lissone

ore 21.00

costo: abbonamenti: a 5 spettacoli 50 euro

biglietti: intero 14 euro

                 ridotto (under 25, over 65) 12 euro

prevendita e prenotazioni (consigliata)

Teatro dell'elica

Via San Martino 34

Lissone

0392458296

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.teatrodellelica.it

informazioni:

Comune di Lissone-ufficio cultura-via Gramsci, 21

0397397271-202

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.comune.lissone.mb.it

 

[gallery type="rectangular" ids="34523,34522,34520,34519,34518,34503"]

Pubblicato in Cultura
Pagina 2 di 4

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.