CHIAMACI +39 333 8864490

Sabato 25 maggio 2013 alle ore 21 allo Spazio Teatro Idra ci sarà il terzo appuntamento con il Premio per le arti in memoria di Lidia Petroni.

L' iniziativa che promuove il lavoro di ricerca degli artisti lombardi dando loro un'occasione di di visibilità e confronto al fine di supportare i giovani emergenti nella produzione e nella circuitazione di nuove opere.

In gara i tre studi delle compagnie Coop.AttivaMente - Residenza Teatrale Torre Rotonda di Como, Chronos3 di Milano e Compagnia Officina di Brescia.

Durante la serata una giuria di esperti, insieme agli organizzatori di Residenza Idra e al pubblico presente in sala, esprimerà un giudizio con un voto sugli spettacoli visti.

E' possibile anche vedere le compagnie in gara tramite il canale youtube e il profilo facebook di Teatro Inverso.

La Coop. AttivaMente andrà in scena con lo spettacolo Lost in limbo, con Stefano Dragone e Alessia Melfi e la regia di Jacopo Boschini. Una Stanza all’ultimo piano di un elegante e moderno palazzo, in una zona appena fuori dal centro città, ma che ancora non è periferia. La Stanza è scarsamente arredata. Al centro della parete di fondo, proprio di fronte all’ingresso, una porta si apre su altri ambienti. Davanti a questa porta, tracciata per terra, una linea bianca. Nella Stanza ci lavora una giovane psicologa. Il suo compito è di assistere i tossicodipendenti, senza mai oltrepassare la linea bianca per terra, che giungono lì per iniettarsi, legalmente, la droga. Poi un giorno nella Stanza entra un uomo... Lost in limbo indaga gli abissi della mente umana. La protagonista, infatti, viene attratta in un mondo oscuro, fatto di segreti, inganni, mezze verità. Un mondo che corrompe e che divora, dentro al quale, una volta che ci si è entrati, difficilmente se ne può uscire.

I Chronos3 presentano Funziona meglio l'odio di Emanuele Aldrovandi, con Isabella Picchioni e Marcello Mocchi e con la regia di Vittorio Borsari. Si può fare del male a fin di bene? Funziona meglio l’odio, testo di Emanuele Aldrovandi, segnalato al Premio Hystrio 2012, mette in scena le storie di Batman e Lucy: lui, un ragazzo di trent’anni a cui uno stupratore ha ucciso la fidanzata, intraprende una personale crociata con l’obiettivo di far calare radicalmente le violenze sulle donne. Lei è una venticinquenne che non ha denunciato uno stupro e aspetta l’occasione per vendicarsi. Entrambi hanno un piano, ed entrambi i piani prevedono la violenza. L’urgenza di affrontare un tema purtroppo così attuale come la violenza sulle donne nasce dall’intento civile di far parlare, in modo inaspettato e inusuale, di un problema troppo spesso giudicato “naturale” e quindi non-risolvibile. Questo attraverso un testo che parte da una tematica contingente per affrontare, con un linguaggio in cui il dramma si mescola all’ironia, la domanda atavica che è alla base della contraddittorietà di molte leggi su cui è fondata la nostra società: è possibile fare del male a fin di bene?

La Compagnia Officina si esibirà nello spettacolo Peter…Echi dall'isola che non c'è, con Irene Tiriani, Antonio Panice e Elisabetta Bettera e con la regia di Fabio Boverio. Il progetto prende il via da una serie di improvvisazioni e di lavori sul testo di Barry, che hanno portato gli attori a trovare propri percorsi, parole e immagini per raccontare, non solo la storia del bambino che non voleva crescere, ma anche un percorso all'interno della loro isola che non c'è. Partendo quindi dal gioco, dall'allusione e dalla metafora si è cercato di giungere a una proposta che si discosta ora di molte leghe dal testo originale, che non racconta più neppure una storia, ma si limita a spaccati di un mondo tanto fantastico da sembrare reale e tanto reale da farci credere a un orizzonte di fantasia. Del resto Peter Pan è forse questo: un volo a capofitto tra foglie e sirene, tra pirati e indiani, tra realtà e sogno, dove i piani si frantumano in specchi, che sì riflettono vicendevolmente, e dove tutti inseguono tutti e nessuno sa più perché stia correndo. "I bimbi sperduti inseguono Peter Pan, i pirati inseguono i bimbi sperduti,  gli indiani inseguono i pirati e le sirene stanno ferme", questo dice il testo, e questa giravolta di corse e di inseguimenti è lo stesso percorso che noi cerchiamo di fare in questo lavoro col pubblico, tutti intenti a inseguire un senso che segnerà il traguardo della corsa. Ma intanto, stiamo ancora correndo. Tutti sì perdono nell'Isola che non c'è, e noi con loro.

Biglietto intero: 2 euro (valido per l'intera serata) Tessera Associativa Obbligatoria: 2 euro - 5 euro - 10 euro

Sabato 25 maggio 2013 Ore 21.00 Spazio Teatro Idra Vicolo delle Vidazze 15, Brescia

Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 0303701163 3392968449

Un tuffo negli anni ’30 e ’40. La città di Como fa un salto all’indietro…con l’ottava edizione dello Swing Crash Festival, il più grande evento di musica Jazz e Swing in Italia, che dal 19 al 23 giugno, animerà le vie della città.

 Piazza Cavour, principale piazza di Como vista lago, accoglierà i più grandi professionisti e ballerini di tutto il mondo.

 Un vero culto dello spirito swing degli anni ’30 e ’40. Un festival unico ed apprezzato in tutto il mondo ideato dai ballerini di fama internazionale: Vincenzo Fesi e Isabella Gregorio.

 Per questa ottava edizione, un programma ricco di feste, concerti e gare di danza dalle ore 21:00 fino alle 23:45 nella splendida piazza Cavour.

A seguire le serate proseguiranno in alcuni locali della città per il classico“dopo festival”.

 Durante il Festival sono previste delle lezioni pomeridiane dove chiunque potrà cimentarsi nelle danze assieme a ballerini professionisti, conoscere i segreti del trucco e parrucco anni ’30 e ’40 e condividere una magica atmosfera d’altri tempi.

Per maggiori informazioni sul programma:

www.swingcrashfestival.com

|||

Sentendo la parola inglese ‘lace’ ci viene in mente la sua traduzione italiana, ossia ‘pizzo’.

Ma a Como usando questo termine ci si riferisce prima di tutto al marchio creato nell’ottobre del 2002 da Silvia Roncoroni, che riunisce diversi stili, accomunati da un tocco di classe.

 

In poco tempo questo nome è diventato sinonimo di qualità, sempre più conosciuto tra la clientela comasca, grazie alle fantastiche creazioni originali e agli altri brand scelti personalmente da Silvia.

 

Il marchio è nato quasi per caso, grazie all’ inventiva di Silvia, sempre creativa e in movimento,  madre di quattro figli, infatti il nome ‘lace’ deriva dall’ insieme delle iniziali dei loro nomi, ossia Laura, Alice, Carlo, Elena.

 

Inizialmente la produzione  e la vendita si concentravano molto sulla maglieria, ma ora si possono trovare anche camicie, t-shirt, pantaloni, cappotti, giacche e tanti altri capi adatti a qualsiasi esigenza, oltre che sciarpe e pashmine.

Insieme alle sue creazioni firmate Lace e realizzate in cashmere e merinos per l’inverno, seta e cotone per l’estate, Silvia vende altri marchi di aziende conosciute per la loro precisione nella produzione, quali Purotatto, Almeria, Silkandsoie, Alpha di Massimo Rebecchi, Terre Alte, Bagutta, Aglini, 077, Circolo easy jacket, Piatto pantaloni, Kimberly e Bully pelle.

 

Particolari sono le t-shirts della Purotatto, realizzate in fibra di latte, un tessuto completamente naturale e leggero, soffice e trasparente come la seta. Ha proprietà antibatteriche e stimola la circolazione sanguinea, grazie all’ottima capacità di traspirazione e assorbimento dell’umidità.

 

Lo show room si trova a Como in Viale Varese 39, vicino al centro della città. Non è solo un negozio nel quale acquistare abiti, grazie anche agli utili consigli di Silvia che segue con precisione tutti i suoi clienti, ma è anche un luogo di ritrovo per chiacchierare e bere un caffè o un tè, per concedersi qualche ora per sé stessi e per il proprio guardaroba.

 

Info:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

031 300279

 

 

 

 

La splendida cornice del Lago di Como accoglie la sezione primaverile dell’8° edizione del  LakeComo Festival, uno delle rassegne musicali più attesi della stagione.

Le atmosfere e i paesaggi  incantati del territorio comasco daranno spazio a otto concerti primaverili dedicati sia al repertorio della musica classica che alla nuova musica. Rinomati ed apprezzati artisti italiani e internazionali si esibiranno in favolose location: ville e dimore storiche saranno il palcoscenico di concerti di spessore.

Nerospinto ama la musica in tutte le sue sfumature e vi presenta il programma ricco e variegato  di questa ottava edizione.

30 aprile, 18:00. TURKISH VIOLIN: Hakan Sensoy Villa Cipressi, Varenna +cena

4 maggio, 18:00. ROMANTIC HARP: Floraleda Sacchi Ascension Church, Cadenabbia-Griante

18 maggio, 18:30. BEETHOVEN /BACALOV: Trio Broz Villa Melzi, Bellagio

25 maggio, 18:00. CLARINET & PIANO: Massimo Santaniello, Carlo Benatti Villa Vigoni, Menaggio +visita guidata

1 giugno, 21:00. JAZZY GUITAR DUO: Andrea Candeli, Alessandro Menconi Villa Giamminola, Albavilla

2 giugno, 18:00. ELECTRO-ACOUSTIC: Floraleda Sacchi Villa Cipressi, Varenna +cena

7 giugno, 21:00. SOLO PIANO: Alessandro Marangoni Villa Vigoni, Menaggio +visita guidata

22 giugno, 21:00. PRALINES: Sara Calvanelli Villa Amalia, Erba +visita guidata

Per maggiori informazioni: www.lakecomofestival.com

Poesia è una parola dai mille volti, un verso che scuote le corde dell'anima e la fa vibrare,  rime che dettano una danza sincopata o frasi libere che abbracciano i sensi e li aprono a nuove interpretazioni.

 

La città di Como si apre a tutto questo con la terza edizione de Festival di Poesia “Europa in versi”, che si terrà venerdì 12 e sabato 13 aprile sulle splendide rive del lago.

 

Location d’eccezione per questa occasione, che richiama ogni anno curiosi ed appassionati di letteratura e poesia, sono la sede dell’Associazione G. Carducci nel cuore di Como e Villa del Grumello, meravigliosa dimora storica.

 

L’edizione 2013 del Festival di Poesia verterà sul "TRA POESIA E CONOSCENZA: un viaggio alla ricerca dei “saperi”".

L'evento "allargherà i confini della poesia e offrirà al pubblico la possibilità di spaziare in ambiti della conoscenza apparentemente lontani ma in realtà strettamente legati alla ricerca da una profonda ansia di sapere, da sempre insita nella natura umana".

 

Molti i nomi che interverranno in questi due giorni per parlare di poesia e di scienza, di versi e di saperi…

Dalle poetesse Piera Mattei e Laura Garavaglia, ai poeti Maurizio Cucchi e Lorenzo Morandotti.

Ampio spazio verrà inoltre dedicato ai giovani poeti, promesse della poesia italiana: Luca Minola e Fabrizio Prestifilippo.

Non mancheranno infine ospiti internazionali  di prestigio, quali Roberta Dapunt e Germain Droogenbtoodt, ad arricchire il dialogo.

 

"Europa in versi" si propone come un interessante confronto tra i più illustri personaggi nel panorama della poesia contemporanea attuale, un'opportunità per calarsi nella letteratura in versi sotto la guida di maestri autorevoli e ispirati.

 

La poesia è un'arte che va preservata.

 

“Così la poesia, […] è quella che migliora e rigenera l'umanità…” - Giovanni Pascoli

 

Hidden Kitchen, la cucina nascosta, fa capolino a Como.

Il fenomeno, di origine americana, muove i suoi primi passi in Italia: Nerospinto ve ne propone un esempio.

 

La Hidden Kitchen  è la cucina di una casa privata che apre le sue porte ad un numero limitato di persone. La peculiarità dell'evento che vi proponiamo risiede nel fatto che si conosce il menù della serata, ma non i commensali che siederanno allo stesso tavolo. Amici e perfetti sconosciuti condivideranno  il pasto, insieme ai proprietari-chef della Hidden Kitchen, che si configura come un nuovo modo di vivere l'uscita a cena e i valori della convivialità.

 

Nel cuore di Como, ELLE CUISINE di Elle e Luca, ogni sabato sera, apre la sua cucina a chi vuole trascorrere una serata diversa all'insegna di nuovi sapori e di una cucina etnica. In scena piatti cucinati con passione e creatività che si ispirano alla cucina del sud est asiatico. In particolare, Elle e Luca propongono piatti della cucina Thai.

 

Questo tipo di cucina offre la possibilità di fare nuove conoscenze e di assaggiare nuovi piatti in un ambiente intimo e familiare dove potersi sentire veramente a casa...come da Elle e Luca che, ogni sabato sera, accolgono amici e sconosciuti con il sorriso e una nuova filosofia del “mangiare insieme”.

 

La Hidden Kitchen non è solo un'alternativa piacevole per trascorrere una serata, ma anche l'ultima tendenza in fatto di food! Per informazioni: https://www.facebook.com/ellecuisine1

 

 

“C’era una volta …una bellissima ragazza dalla fulva chioma, nella società bene degli Anni 30, che nel bel mezzo della sua intensa storia d’amore perde il suo Principe Azzurro, l’aviatore Vittorio Centurione Scotto, in un tragico incidente e con il cuore a pezzi inizia a rielaborare la sua tragedia e scrive il suo primo libro. È subito un successo clamoroso: la bellissima ragazza dalla fulva chioma diventa la Regina della letteratura sentimentale e tutto il mondo si tinge di rosa…” racconta il nonno alla nipotina Laura, attingendo dai suoi ricordi tutte le vicende e le emozioni di una sua lontana cugina Amalia Liana Cambiasi Negretti Odescalchi, in arte Liala.

Laura, come tutti i bambini, lo ascolta a bocca aperta e racconto dopo racconto Liala diventa l’icona della sua infanzia e fonte continua di curiosità, interesse e ammirazione per questa giovane, elegante e bella signora che con grande coraggio combatte la sua tragedia, affrontando ogni critica, e con carattere, tenacia e sfrontatezza persegue il suo sogno di far vivere in eterno il suo grande amore.

Forte del suo amore Liala trova l’audacia per consegnare personalmente il suo primo romanzo “Signorsì” all’editore Arnoldo Mondadori, che registra in pochi giorni un sorprendente successo con più di 3 milioni di copie vendute a cui fa seguito una nutrita produzione di libri che in mezzo secolo hanno coltivato la fantasia di diverse generazioni di donne raccontando l’amore in tutte le sue sfumature.

La passione di Liala per l’ambiente dell’Aeronautica Militare, che spesso fa sfondo alle sue opere, la porta a saper tutto di volo, motori ed idrovolanti, tanto da catturare l’interesse di Gabriele D’Annunzio che conia per lei la sua firma indelebile: «Ti chiamerò Liala perché ci sia sempre un'ala nel tuo nome!»

“La vita di Liana ha cominciato ben presto ad assomigliare veramente ad un romanzo di Liala ed è questo che ci ha convinto a mettere in scena la sua vera storia, ma non solo: ci vuole talento per vendere sogni e a quel talento vogliamo rendere omaggio” dichiara Laura Negretti, oggi Attrice e Direttore Artistico di Teatro in Mostra. “E se è vero che buon sangue non mente, divenuta io stessa un’artista, sebbene non della pagina scritta ma del palcoscenico, mi è parso naturale rivolgere il mio ardore interpretativo verso l’icona della mia infanzia”.

E’ con lo stesso ardore della sua eroina che Laura Negretti ha realizzato con la sua compagnia teatrale, la commedia romantica “IN ARTE Liala “ che sarà arricchita da contributi speciali concessi da Aldo Busi che a lei ha dedicato il libro “L’amore è una budella gentile”, edito da Mondadori.

La commedia sarà in scena in Anteprima Nazionale il 5 aprile presso il Teatro Sociale di Como e sarà accompagnata dalla “MOSTRA Un’ala nel tuo nome!” presso il foyer del Teatro, organizzata in collaborazione con l’Aero Club Como, la prestigiosa scuola internazionale di piloti di idrovolante.

 

IN ARTE LIALA Una storia vera da Gabriele d’Annunzio a Aldo Busi

Venerdí 5 Aprile ore 20.30

Teatro Sociale Como Via Bellini, 3 - 22100 Como

 

Fotografo: Marco Sesana

 

 

Como si apre alla Musica da camera: la città, dal 7 aprile al 19 maggio 2013, accoglierà una rassegna di musica da camera di qualità con sei concerti di livello tenuti da musicisti di prim'ordine.

Artisti internazionali, i cui nomi compaiono nei cartelloni di rinomati Teatri e Festival di Musica, interverranno con le proprie performance: il primo violoncello del Giardino Armonico Paolo Beschi; il pianista americano Alexander Frey;  il Trio di Firenze Andrea Tacchi - violino, Luca Provenzani - violoncello, Fabiana Barbini - pianoforte (Orchestra Regionale della Toscana, ORT); il pianista Giuseppe Gullotta; il flautista Claudio Ferrarini ed Emanuela Battigelli. Chiude la rassegna un duo d’eccezione: il pianista non vedente Gianluca Casalino e il violinista Davide Alogna, per un’esperienza sensoriale unica e straordinaria.

La neonata associazione Como Classica, che trova il suo cardine nella figura del Maestro Davide Alogna, mente e cuore del progetto, offre alla città la prima edizione di una stagione musicale presentata con una conferenza stampa il 14 marzo scorso. Concerti prestigiosi, in location altrettanto raffinate:  luoghi storici di Como quali la Pinacoteca civica e la sede del Teatro Sociale.

La musica da trova così spazio in luoghi d'arte dove il rapporto tra arte e spettatore si fa intimo ed unico.

La rassegna proposta da Como Classica vuole essere la prima di una lunga serie di manifestazioni volte ad avvicinare il pubblico alla musica da camera, grande assente negli eventi degli ultimi anni, proponendosi come opportunità di educazione artistico-musicale gratuita. Gli eventi musicali sono tutti ad accesso libero e per i cittadini che avranno la possibilità di sostenere l'associazione, tramite la sottoscrizione di una tessera associativa di 15 euro annui, saranno realizzati eventi fuori cartellone ideati appositamente.

Sostenere Como Classica significa investire nel talento e nella passione per la musica, far parte di quel gruppo di cittadini, enti e realtà imprenditoriali che hanno a cuore il futuro della cultura. L'associazione vuole risvegliare la città difendendo il valore sociale, educativo, morale ed etico della musica.

“La musica è un prodotto culturale e perciò oggettivamente una scelta, ricollegata alla cultura e creatrice di cultura, tra tutte le possibilità puramente musicali…”

(Friedrich H. Tenbruck, sociologo)
|||

Como accoglie la Grande Mostra nella splendida cornice di Villa Olmo, una delle dimore storiche più affascinanti del Lago di Como. E’ stata inaugurata sabato 23 marzo, la Mostra "La città nuova. Oltre Sant'Elia”: un’esposizione che porta in scena un secolo di visioni urbane, attraverso 100 opere. Dipinti, modelli, installazioni di artisti, architetti, registi quali Antonio Sant'Elia, Umberto Boccioni, Le Corbusier, Fritz Lang, Chris Burden e tanti altri.

Una mostra multimediale con una doppia esposizione, che si svolgerà non solo a Villa Olmo, ma anche a Palazzo Volpi, sede della Pinacoteca Civica, nel centro storico di Como. La Pinacoteca Civica propone  50 disegni di Sant'Elia di proprietà  del Comune da anni inaccessibili al grande pubblico. Qui si potranno ammirare alcune ipotesi progettuali di Antonio Sant'Elia. La mostra di Villa Olmo, si apre con «La Città  Nuova»,  dodici disegni che Sant'Elia aveva presentato alla mostra milanese delle Nuove Tendenze del 1914. In questi dodici tavole sono sintetizzate le visioni urbane dell’architetto comasco. A Villa Olmo, una sala è dedicata a Metropolis , il film fantascientifico di Fritz Lang, del 1927, ambientato in una “città santeliana”… In scena anche opere contemporanee quali  Pizza City, il plastico di una città composta da centinaia di giocattoli dell’artista americano Chris Burden e il video della cinese Cao Fei che rappresenta una città sospesa in uno spazio virtuale. Opere dallo spirito futuristico.

"La città nuova. Oltre Sant'Elia” è una mostra omaggio non solo al grande architetto comasco Sant’Elia ma anche ai 100 anni di idee e progetti  “Oltre Sant’Elia”… Una mostra riflessione sul paesaggio urbano e sulla sua evoluzione.

Per informazioni: Villa Olmo, Via Cantoni 1 – Como La mostra è aperta fino al 14 luglio 2013. www.lacittanuova.it

 

|||

Il vintage fa capolino a Como! Nella storica Piazza San Fedele di Como, il nuovo design concept store GLOOOK, ha inaugurato, nei suoi spazi dedicati al design, il primo Vintage Shop…
Un vero e proprio salotto dove l’eco-design incontra la moda vintage: accessori, calzature ed abiti… Un ambiente accogliente, dove poter sfogliare una rivista di moda,  scambiare quattro chiacchere con amiche sorseggiando una spremuta d’arancia e curiosare tra i capi vintage e retro selezionati, con cura, dai titolari.
Bag anni ’30,’40’,’50, cappotti “retro style”, cappelli “Audrey Hepburn style”: tutti scovati dai proprietari di Gloook in giro per il mondo. Ogni singolo pezzo è unico! Una vera e propria “Vintage Limited Edition”. Il Vintage Shop nasce in collaborazione con Il Salotto, una piccola realtà comasca, che da anni si occupa di vintage…e di fashion.
Sei un vintage fashion addicted? Ami come noi uno style vintage? Vintage Shop c/o Gloook a Como ti aspetta per “uno shopping senza tempo”…

VINTAGE SHOP c/o GLOOOK Piazza San Fedele 21 – Como

Pagina 5 di 6

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.