CHIAMACI +39 333 8864490

|||

Stavolta niente Giorgio Gaber o Ricky Gervais. Si parla invece di Enrico Bertolino che crea e partecipa con Luca Bottura alla sua stand up comedy "Interessa l'articolo?".

Fino al 29 Giugno imperdibile appuntamento con Oltre. Le soglie dell’invisibile, mostra in tre sedi sui rapporti tra arte e trascendenza. Un piccolo “pellegrinaggio” in pieno centro, che in pochi metri tocca le Gallerie d’Italia – Piazza della Scala, la galleria e la chiesa di San Fedele.

 

Un itinerario artistico che costruisce un dialogo tra autori emblematici della contemporaneità e rappresentazioni storiche di soggetti religiosi attraverso accostamenti tematici, in un dialogo tra arte antica e contemporanea che intende mostrare la continuità di "valori" tra epoche, culture e modalità espressive diverse. Le opere sviluppano così una narrazione, tramite cui interpretare tensioni e direzioni di lettura che presentano risvolti iconografici e di contenuto affini, pur attraverso linguaggi distanti.

Il progetto espositivo, realizzato da Intesa Sanpaolo, è curato da Andrea Dall'Asta S.J., direttore della Galleria San Fedele, e da Francesco Tedeschi, curatore della sezione del Novecento delle Gallerie di Piazza Scala.

L’Oltre rimanda al limite, al confine, alla possibilità di superare barriere interiori ed esteriori, ma anche a ciò che è inafferrabile, inaccessibile, indefinibile, che si sottrae al possesso e alla dominazione dell’uomo.

È questa una dimensione che se l’arte antica ha sviluppato percorrendo soprattutto le strade della figurazione narrativa, in una continua reinterpretazione dei racconti biblici, l’arte contemporanea ha invece indagato esplorando nuove forme espressive, come quelle legate all’astrazione.

Delle 42 opere in mostra, provenienti dalle raccolte Intesa Sanpaolo, da altre collezioni italiane e da prestiti concessi dagli stessi artisti coinvolti, due sono state ideate appositamente per il progetto: la scultura di Hidetoshi Nagasawa, che interpreta la figura simbolica dell'Axis mundi - in diverse religioni collegamento tra Cielo, Terra e Inferi - e la Corona di spine di Claudio Parmiggiani, uno dei rari interventi in Italia di arte sacra, pensato da un artista per una chiesa.

La sezione si apre con il tema “Aspirazioni d'infinito” presso la Gallerie d'Italia - Piazza Scala, in cui sono presentate opere di Lucio Fontana - del quale La fine di Dio (1963), Alberto Burri e Giuseppe Santomaso, accanto ad alcune icone russe, datate dal XIII al XVIII.

Il secondo momento della mostra, Tra Terra e Cielo, si focalizza invece sulla tematica del dialogo-passaggio dalla dimensione terrena a quella celeste, sviluppandosi intorno alla scultura di Hidetoshi Nagasawa e al grande dipinto di Mario Sironi Composizione (Uomo con vanga) (1928).

La mostra prosegue presso la Galleria San Fedele con la sezione "Per grazia ricevuta", dove si articola un confronto serrato tra più di venti ex voto (dal XIV al XX secolo) - appartenenti alla collezione Fondazione P.G.R. - Per Grazie Ricevute, tra le maggiori esistenti - e una serie di opere di Mimmo Paladino, raffinate reinterpretazioni di alcuni aspetti legati alla tradizione popolare.

Si continua con la sezione Nella luce divina, una riflessione sulla luce - simbolo di trascendenza - e sulla sua rappresentazione, attraverso l'accostamento di due tavole medievali (l'Incoronazione della Vergine, attribuita a Lorenzo di Niccolò Gerini, della seconda metà del Trecento e della Lucchesia - e Storie del Battista, di autore ignoto, 1300-1330) e alcuni dipinti di Ettore Spalletti, artista che da sempre concentra la propria attenzione intorno al valore assoluto e impalpabile del colore.

Il percorso si conclude negli spazi della Chiesa di San Fedele con l'opera di Claudio Parmiggiani, progettata appositamente per l'altare maggiore. L'artista parte da una riflessione sul tema del volto di Cristo - in particolare meditando sul velo della Veronica - che nella sua opera diventa una corona di spine in nichel e oro: il volto si condensa nello strumento del suo supplizio.

 

Un itinerario che permette di scoprire la continuità di valori tra due mondi apparentemente così lontani, l’antico e il contemporaneo. Da non perdere.

 

Oltre. Le soglie dell'invisibile

Dal 17 aprile al 29 giugno 2014

Ingresso Gratuito nelle tre sedi espositive.

 

Gallerie d’Italia - Piazza Scala

Piazza della Scala, 6 Milano

Dal martedì alla domenica dalle ore 9.30 alle ore 19.30 (ultimo ingresso ore 18.30) , giovedì dalle 9.30 alle 22.30 (ultimo ingresso ore 21.30). Lunedì chiuso.

 

Galleria San Fedele

Via U. Hoepli, 3/a-b Milano

Dal martedì al sabato dalle 16.00 alle 19.00

 

Chiesa di San Fedele

Piazza San Fedele, 4 Milano

Da lunedì alla domenica dalle 9.00 alle 16.00

 

 

Di esposizioni su Leonardo ne sono state fatte molteplici, d’altronde l’artista-scienziato ha fatto parlare di sé a suo tempo e continua ad affascinare tutt'ora, nonostante siano passati secoli dalla sua morte.

Non è un caso che proprio a Milano, città a lui particolarmente legata, la mostra LEONARDO3 – IL MONDO DI LEONARDO stia ottenendo un clamoroso successo.

 

Inaugurata il 1 marzo, presso Le Sale del Re, con ingresso in Galleria Vittorio Emanuele all’angolo con Piazza della Scala, la location  non poteva essere più adeguata: proprio di fronte a Palazzo Marino campeggia l’autorevole e autoritaria statua del genio cinquecentesco.

Si tratta della più importante mostra interattiva e multidisciplinare dedicata a Leonardo e alle sue ingegnose macchine; concepita e organizzata dal centro studi Leonardo3 di Milano, dà finalmente la possibilità anche al pubblico della città di fruire degli studi degli organizzatori, nonché delle loro scoperte e realizzazioni.

 

L’esposizione è unica nel suo genere in quanto, sebbene le opere artistiche di Leonardo siano state oggetto di grande attenzione, studio e divulgazione, lo stesso non è avvenuto per le pagine dei suoi manoscritti, decisamente più difficili da interpretare, che qui trovano nuovo vigore.

Leonardo lasciò 120 volumi, dei quali molti sono andati perduti, ma rimangono comunque 5 mila pagine, la maggior parte delle quali contengono disegni ancora da interpretare.

La mostra presenta il frutto delle ricerche degli ultimi dieci anni e si focalizza proprio sul lavoro di Leonardo come “ingegnere”, rendendo più chiari i suoi scritti, i suoi progetti, le sue metodologie e gli studi sulle le macchine.

Non mancano comunque importanti spazi per numerosi dei suoi disegni a sfondo artistico, oltre che per due delle sue più importanti creazioni, realizzate proprio a Milano: l’Ultima Cena e il Monumento equestre a Francesco Sforza.

 

Si possono ammirare centinaia di macchine interattive, oltre a modelli fisici, molti inediti e mai ricostruiti dopo Leonardo, realizzati nel rigoroso rispetto del progetto originale, che si ritrova nelle migliaia di pagine, appunti e disegni contenuti nei più importanti manoscritti arrivati fino ai nostri giorni: il Manoscritto B, il  Codice del Volo e il Codice Atlantico. Dallo studio di quest’ultimi sono state ricreate macchine suggestive presenti in mostra: la Clavi-Viola, il Leone Meccanico, l’Automobile-Robot, il Cavaliere-Robot, la Bombarda multipla, e molte altre.

Tra le anteprime mondiali, svelate per la prima volta al pubblico, le ricostruzioni inedite di Sottomarino Meccanico, Macchina del Tempo, Macchina Volante di Milano, Cubo Magico e Libellula Meccanica.

 

Tutta la mostra è caratterizzata da esperienze interattive in 3D, tra le quali anche le anteprime del Codice Atlantico in edizione completa, con oltre 1100 fogli consultabili digitalmente, oltre alla possibilità di vivere in prima persona la costruzione della Macchina Volante di Milano, della torre più alta del mondo prevista al Castello Sforzesco e di dipingere l’Ultima Cena.

Al Cavallo gigante, ovvero Il Monumento a Francesco Sforza, è dedicata una stazione che svela anche come avrebbe potuto essere il monumento completo.

Da non perdere in particolare, il restauro digitale dell’Ultima Cena e della Gioconda checonsente di scoprire i particolari e i colori ormai perduti delle due celeberrime opere.

 

“Leonardo3 - Il Mondo di Leonardo”
Le Sale del Re

Piazza della Scala – Ingresso Galleria Vittorio Emanuele II

1 marzo – 31 luglio 2013

Aperta tutti i giorni dalle 10 alle 23

 

Biglietti € 12,00 (intero), € 11,00 (studenti e riduzioni), € 10,00 (gruppi), € 9,00 (bambini e ragazzi), € 6,00 (gruppi scolastici)

Per informazioni: Leonardo3, Tel. 02.794181, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., www.leonardo 3.net

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.