CHIAMACI +39 333 8864490

FIMMINA, il coraggio di essere donna|||

Uno spettacolo che smuove le coscienze e risveglia le sensazioni del pubblico. Così può essere definito FIMMINA, Il coraggio di essere donna.

Uno spettacolo da segnare in agenda. andrà in scena l’11 e 12 Aprile alle ore 21.00 al Teatro Officina, “Il Tiglio. Foto di famiglia senza madre”, una produzione di Tommaso Urselli e regia di Massimiliano Speziani. Lo spettacolo è il terzo appuntamento del ciclo dedicato al tema della malattia psichica.

 

La rappresentazione ci racconta la travagliata relazione tra un padre e suo figlio affetto da disabilità psichica. Il padre ormai incapace di gestirlo decide di inserirlo, non senza difficoltà, nella comunità, "Il Tiglio".

Gli incontri tra padre e figlio si svolgono in un atmosfera spesso surreale dove si mescolano incomprensione, tenerezza, silenzi e dialoghi, sotto lo sguardo di un improbabile dottoressa, e nella quale il dramma della malattia emerge attraverso uno stile sospeso tra ironia e disillusione.

L’handicap psichico sembra inoltre alludere ad un handicap più profondo: ad essere malata è la relazione tra un padre e un figlio.

Il Tiglio. Foto di famiglia senza madre è presentato per la prima volta in forma di lettura scenica al Teatro Officina di Milano per “Bancone di prova”, progetto di un gruppo di drammaturghi e una regista, con la partecipazione di Stefania Casiraghi, Gerardo Maffei, Giancarlo Previati.

Successivamente viene presentato come studio al Teatro della Cooperativa di Milano per la stagione dedicata a Franco Basaglia, con la regia e la partecipazione di Massimiliano Speziani, di Filippo Gessi e Teresa Timpano, e al Teatro Vittoria di Torino all’interno di un progetto sull’inclusione sociale organizzata dal Dams e Clab-Fondazione CRT.

 

Imperdibile appuntamento con questo spettacolo che “non ci parla dei matti, ma della famiglia, della società, di Milano e insomma, purtroppo, di noi.”

 

 

Venerdì 11 aprile e Sabato 12 aprile 2014 ore 21.00

IL TIGLIO. Foto di famiglia senza madre

Di Tommaso Urselli

 

Ingresso comprensivo di tessera associativa annuale 10€

Prenotazione gratuita e obbligatoria sul sito www.teatroofficina.it

 

Teatro Officina – Via S. Erlembardo, 2 – 20126 Milano

MM1 Gorla | Bus 44 e 86

 

Informazioni e prenotazioni:

LUN-VEN: 9.30-17.30

tel: 02.255320002.2553200 | fax: 02.27000858 | cell: 3491622028 |

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | sito web: www.teatroofficina.it

Orari spettacoli: Feriali ore 21.00 – Festivi ore 16.00

Call
Send SMS
Add to Skype
You'll need Skype CreditFree via Skype

La Realtà e la Mente sono un vasto argomento trattato da studiosi, filosofi e scienziati nel corso dei secoli.

Il modello oleografico, propostovi nell'articolo scritto la settimana scorsa, viene richiamato dalle scoperte e ricerche in campo psicologico realizzate nell'arco degli ultimi centoventi anni e che influiscono tutt'oggi sulla Naturopatia.

 

Secondo gli studi di Jung, le coscienze umane sono interconnesse tra loro, originate da una collettività che si manifesta tramite la pluralità e varietà degli individui.

Jung introduce l'elemento sincronicità, ovvero "coincidenze talmente insolite e significative da essere difficilmente attribuibili al solo caso".

Egli osserva inoltre come la psiche possa influenzare la realtà, dato che non c'è separazione tra mente e materia: un approccio propositivo e collaborativo dei suoi pazienti durante le sedute, permette loro di mutare le condizioni di salute con notevoli miglioramenti.

È fondamentale un approccio sereno e fluido alle situazioni, agli eventi che si verificano durante la nostra esistenza. Ogni episodio vissuto è prezioso, siamo noi a scegliere come vivere tale insegnamento, se con gioia, o in modo più o meno traumatico.

 

Carl Simonton, oncologo del Cancer Counseling and Research Center di Dallas, applicò la visione di Unione tra realtà "esterna" e mente per aiutare pazienti con tumori ad affrontare tale stato con maggior serenità.

L'immaginazione e la mente intervengono sull'aspetto fisico del paziente, il quale influisce direttamente sul proprio essere. Attraverso tecniche di rilassamento, meditazione e visualizzazione che accompagnavano il malato tumorale durante il percorso di cura, Simonton ottenne ottimi risultati sui pazienti che parteciparono alle varie sperimentazioni.

 

Si dice che il filosofo Epitteto, così come altre tradizioni filosofiche, sostenne tale concetto: le persone non sono disturbate dall'evento in sé, ma dall'interpretazione che ne danno.

 

Negli anni Sessanta, ricercatori americani dimostrarono che l'aumento di stress (capacità di adattamento a situazioni) comporta maggiore produzione di cortisolo dalle ghiandole surrenali.

Tale risultato venne studiato sul caso di uno studente interrogato da un professore a scuola: gli studiosi si chiesero dunque che cosa effettivamente accada in noi durante situazioni di maggior pericolo.

Vennero presi in esame piloti di carri armati in servizio nel conflitto in Vietnam, e i risultati furono sorprendenti: il livello di ormoni corticosteroidei erano al di sotto della norma. Intervistati i militari, essi giustificarono la loro tranquillità indicando che si sentivano al sicuro sulla terraferma, si decise dunque di riproporre gli stessi esami ai piloti di elicotteri.

Il risultato, anche qui, fu di nuovo rappresentato da un livello base di produzione di cortisolo e altri ormoni surrenali non superiore alla norma. Intervistati anch'essi, diedero la stessa spiegazione dei soldati di terra: stare in aria faceva loro sentire al sicuro, dato che con elicotteri era per loro più semplice rispetto allontanarsi dal pericolo rispetto alle truppe di terra.

La mente ha un ruolo chiave, con tutte le convinzioni che porta con sé.

Il corpo dei soldati rispondeva a rassicurazioni mentali senza aver bisogno di produrre valori alti di ormoni surrenali perché i militari si sentivano al sicuro anche in condizioni non del tutto distese e serene.

 

Lo stesso approccio può essere anche associato a come si vive il dolore: una persona che "pensa" di essere malata, tende a vivere ogni minimo disturbo con maggior disagio rispetto a una che "pensa" di essere sana.

La risonanza degli eventi si manifesta in noi proprio attraverso l'interpretazione dell'evento che, per una persona può essere insignificante, per un'altra decisamente traumatico.

 

Concludo segnalando che il medico Larry Dossey sostiene che noi, oltre a intervenire con la mente sulla realtà tramite pensieri, abbiamo un altro strumento fondamentale: la Consapevolezza.

Essa permette di vedere la malattia non come separazione, ma segnale di un insieme di comportamenti, scelte, dieta, esercizi fisici, pensieri e relazioni con il mondo fisico e con chi lo abita che ha dato come risultante tale stato.

Intervenendo sui vari aspetti dell'Insieme, è più semplice intraprendere la via della Guarigione.

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.