CHIAMACI +39 333 8864490

|||

Recensione del film "Animali notturni": la catarsi e la nemesi secondo Tom Ford.

Piacevole scoperta nel panorama culinario milanese, il sushi restaurant e pasticceria Basara saprà sorprendervi con le sue specialità, dalla colazione alla cena.

La filosofia del locale, è insita nel suo nome. Basara, infatti, indicava chi non si conformava agli usi e ai costumi del tempo, ma ricercava uno stile di vita personale. Ed è proprio questo che caratterizza il ristorante.

Accanto ai due proprietari Daniele Migliarese – professionista della logistica e dei servizi – e Hirohiko Shimuzu, cuoco giapponese dal curriculum invidiabile, si unisce il genio di Andrea Langhi, architetto famoso per aver disegnato alcuni dei locali più famosi di Milano, come il G Lounge, il Toqueville, il Deseo e il Luminal.

Con Basara Langhi dimostra per l’ennesima volta la sua creatività, dando vita al primo locale trasformabile della città, attraverso un gioco di pannelli scorrevoli e arredi mobili.

Per quanto riguarda il menù, Hiro si conferma un ottimo interprete della cucina salata e propone ricette che affondano nelle radici della cultura giapponese, reinterpretando i piatti con un tocco italiano. Oltre ai meravigliosi sushi, sashimi, temaki, hosomaki e uramaki si possono gustare piatti caldi intriganti come il Tonno scottato in crosta di lardo di Colonnata con salsa miso e succo di limone giapponese o l’imperdibile Branzino cileno Saiko-Yaki.

Prezzi: dai 35€

 

Basara Sushi e Pasticceria

Via Tortona 12 02/83241025 www.basaramilano.it

 

Orari

lunedì – venerdì: 7.30 – 15.30 / 19.00 – 00.30 sabato: 8.30 – 15.30 / 19.00 – 00.30 domenica: chiuso

 

Basara

Corso Italia, 6 02/72020141

Orari

lunedì – sabato: 12.00 – 15.00 / 18.30 – 00.30 domenica: chiuso

 

[gallery type="rectangular" ids="38831,38832,38833"]

Vietato mancare giovedì 12 febbraio al ristorante Origami, storico tempio del sushi a Milano: ospiti d'onore saranno 4 moto Triumph, opere d'arte realizzate da artisti di fama nell'officina Alo's Motorcycle Massa. Per la serata verrà allestito uno speciale set fotografico con tanto di giubbotti, caschi e accessori per permettere a chi lo vorrà di farsi immortalare accanto alle moto. Il tutto accompagnato da musica lounge e deep house abilmente selezionata dal bravo dj Andrea Felici. Ma le sorprese riguarderanno anche il cibo e i drink: ci sarà infatti la promozione speciale di tre cocktail della folta lista di bevande a base di sake del locale ideate e realizzate dal mixologist Fabio Cesareni: il Purple Flor (zenzero, sciroppo di zenzero e lemongrass, mirtilli, lime, sake ginjo, violetta e fiori eduli), il Pepper Gimlet (zenzero, lime, pepe di cayenna in bacche, succo di lime, bergamotto, triple sec, sake torbato e lemongrass) e il Maemi Mandarine (ribes, zenzero, nettare di agave, Alchechengi, sake rosè, lychees e mandarino fresco). Per tutta la sera acquistando uno dei due drink al prezzo di 10€ (una lieve maggiorazione rispetto al classico costo di 8€) si ha diritto a servirsi di un piattino di nighiri (formine di riso con fettine di pesce), direttamente dallo scenografico kaiten sushi (il nastro trasportatore fatto su misura simbolo dell’Origami) che domina la sala interna del ristorante. Per chi invece non si vorrà far tentare dalla promozione, non mancano le consuete delizie servite al tavolo insieme alla consumazione: uramaki, usuzukuri con salsa originale Origami, edamame, yakitori, kappa maki roll e kakiage direttamente dalla cucina del ristorante.

Origami, via Gaspare Rosales 4 (ang. v.le Montegrappa), Milano

www.origamimilano.com

Per accrediti: 366.3799176 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

[gallery type="rectangular" ids="36606,36607,36605,36604,36603"]

 

 

Ha aperto il mese scorso in zona bocconiana il Mint Cafe, una nuova caffetteria milanese situata in viale Bligny 15, vicino Porta Romana. Il concept di questo locale di nuova apertura è quello di garantire l'alta qualità del cibo e un gusto dei sapori autentici e genuino, il tutto servito in un’atmosfera dal design naturale ed ecosostenibile. Si può scegliere di prendere comodamente un caffè, fare una pausa spuntino o una pausa pranzo buona e salutare, oppure ordinare tutto ciò che si desidera e portarlo a casa grazie al comodissimo servizio take away.

Mint Cafe, adeguandosi agli standard internazionali, propone la formula all day long, ovvero aperto dalla mattina fino alla sera, offrendo a colazione una svariata tipologia di caffè e tisane, bevande calde e succhi di frutta, accompagnati da croissant e dolci di pasticceria: donut, muffin, cookie, torte, brownie, macarons.

Per il pranzo piatti deliziosi e leggeri: sushi (ottimo, vera rarità a mezzogiorno), sandwich, baguette, panini gourmet, insalate, verdure di stagione, macedonie e centrifughe, il tutto utilizzando prodotti freschi e stagionali. Inoltre Mint Cafe è un locale attento alle esigenze specifiche di vegetariani e vegani.

Che vogliate un pasto o un caffè di passaggio, da Mint l’atmosfera che si trova è comunque intima e accogliente con un richiamo alle ambientazioni nordiche.

Facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici, mette inoltre a disposizione di tutta la clientela il collegamento gratuito alla rete wireless.

Indira Fassioni

 

Mint Cafe

Viale Bligny 15, 20136 Milano tel. 02 89059930 www.mintcafe.it -  www.facebook.com/mintcafemilano Aperto dal lunedì al sabato dalle 7 alle 21

 

[gallery type="square" ids="33963,33964,33966,33965,33968"]

Per tutti coloro che sono alla ricerca di iniziative nuove e stimolanti, Nerospinto segnala un evento da non perdere.

 

Giovedì 9 Il-clan-destino, progetto di cucina crudista, vegana e vegetariana di Alessandra Spina e Monica Minervini inaugura una serie di appuntamenti fissi presso il ristorante Certe Notti (via Pestalozzi 16 - Milano tel. 02.89122631).

 

GIOVEDI CRUDISTA

 

Un aperitivo innovativo con cibo delicati e inusuali accompagnati da buon vino selezionato appositamente dal somelier del ristorante Certe Notti a prezzi anti-crisi.

 

Il menù:

sushi crudista misto assaggi di NON-formaggi (i non-formaggi sono formaggi vegani a base di frutta secca e realizzati con materie prime biologiche di derivazione vegetale) arrosto di verdura insalatina di spianci novelli, germogli misti e purea di avocado condita con olio piccante, erba cipollina, aceto e paprika nera (foto in allegato) tartare di piselli, calogno, menta spaghetti di zuchine

 

I prossimi appuntamento in calendario sono:

 

giovedì 30 MAGGIO

giovedì 13 GIUGNO

giovedì 27 GIUGNO

 

Creature di Nerospinto spingetevi al ristorante Certe Notti e scoprirete come la cucina vegana non è solo bacche e radici!

 

 

Per informazioni:

http://il-clan-destino.blogspot.it/

https://www.facebook.com/ilclandestinobio

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.ristorantecertenotti.it

 

La Pasqua si avvicina e per chi non abbia ancora programmi particolari o pranzi in famiglia, ecco alcune idee per passare una domenica piacevole per il corpo e per la mente tra cibi prelibati.

 

Al ristornate ‘Acanto’ dell’Hotel Principe di Savoia dal 5 al 31 marzo si festeggia non solo la Pasqua ma anche la primavera con un menù inedito che ha come protagonista il carciofo bianco di Petrosa, tra i più piccoli e ricercati al mondo.

Viene proposta quindi una degustazione che si tinge di verde e richiama il gusto fresco e pungente di questo ortaggio grazie alle creazioni dello chef esecutivo Fabrizio Cadei, il cui menù prevede carpaccio di branzino con cruditè di carciofo, astice scozzese e carciofi spinosi, petto d’anatra con crema di carciofo e morbido di vaniglia e cioccolato con carciofi disidratati.

Il ristorante è in Piazza della Repubblica 17 (zona stazione centrale), ed è aperto dalle 20.00.

(www.hotelprincipedisavoia.com/IT/hotel-m)

 

Per chi ama il sushi in qualunque occasione, il ristornate Wu Taiyo in Viale Monza 23 è aperto anche domenica con la sua varietà di cucina cinese e giapponese, tradizione e modernità e il suo stile inconfondibile. I piatti sono sapientemente combinati in un equilibrio di sapori, dalla cucina classica orientale ai gamberi rossi di Sicilia, e per il pranzo di Pasqua uno speciale menù a 38 euro: insalata di mare con gamberi, salmone, polpo e polpa di granchio, Gunkan all’uova di quaglia avvolto da salmone e pasta Udon saltata con seppia, zucchine e uova.

O ancora Tamago Roll, avocado surimi maionese avvolto nell’omelette, tempura, sushi, sashimi e maki.

L’ambiente è arredato con uno stile che gioca sui toni del metallo, del legno e del tortora, e crea un’atmosfera intima e confortevole, ma allo stesso tempo ricercata.

(http://www.wutaiyo.com/)

 

A coloro che amano dormire anche la domenica di Pasqua non può sfuggire l’originale brunch al ventesimo piano del World Join Center organizzato dal ristorante ‘Unico’.

Uno spazio sospeso nell’azzurro, capace di annullare i confini tra dentro e fuori, tra arredi moderni e ricercati proponendo un breakfast – lunch curato dallo chef stellato Fabio Baldassarre, che spazia dalla colazione alle insalate, dai primi ai secondi, fino ad arrivare al pesce.

Il ristornate si trova in Via Achille Papa, 30 (zona fiera) ed è aperto tutte le domenica dalle 12.00 alle 15.30.

(www.unicorestaurant.it)

 

Allo Spazio Oberdan, per coloro che voglio passare una Pasqua dedicata all’arte, dal 20 febbraio al 5 marzo è possibile ammirare 200 scatti originali del celebre fotografo francese Robert Doisneau. I protagonisti sono Parigi, i suoi abitanti e la sua innegabile magia. L’esposizione condurrà il visitatore in un emozionante passeggiata tra le vie parigine, attraverso fotografie in bianco e nero che ritraggono donne, uomini, bambini, innamorati, animali e il loro modo di vivere questa città senza tempo.

Il fotografo è diventato il più illustre rappresentate della fotografia umanistica in Francia, le sue immagini sono esposte in tutto il mondo, come il celebre ‘Bacio dell’Hotel de Ville’ con una coppia colta in un appassionato abbraccio di fronte al municipio cittadino.

La mostra è in Viale Vittorio Veneto 2 (zona Porta Venezia) ed è aperta mercoledì, venerdì, sabato e domenica dalle 10.00 alle 19.30 e l’ingresso è di 9 euro.

(www.doisneaumilano.it/)

 

Altra tappa per gli amanti dell’arte è la mostra ‘Modigliani, Soutine e gli artisti maledetti. La collezione Netter’, presso il Palazzo Reale, che presenta oltre 120 opere per ricostruire il percorso degli artisti che vissero a Parigi nel quartiere Montparnasse agli inizi del ‘900: Modigliani, Soutine, Utrillo, Suzanne, Valadon, Kisling e altri ancora.

Questi capolavori provengono dalla collezione del mecenate francese Jonas Netter, e mettono in risalto un periodo affascinante e fondamentale della storia dell’arte, che verrà definito bhoemien, simboleggiando una pittura che si nutre di disperazione.

La mostra è in Piazza del Duomo 12 (zona centro) ed è aperta dal 21 febbraio all’8 settembre.

Gli orari domenicali sono dalle 9.30 alle 19.30 e l’ingresso è di 11 euro.

(www.mostramodigliani.it/)

 

Laura Girola

I presupposti per una buona festa sono pochi, come non mi stancherò mai di dire, la semplicità sta alla base di tutto, aggiungiamoci della buona musica e gente bella, solare, simpatica. Se poi condiamo il tutto con un'open bar e un buffet di sushi gratuito le percentuali di successo sono alte, ma si rischia, ovviamente che il tutto si trasformi in un  disastro organizzativo.

L'inaugurazione Taiyo, il nuovo ristorante fusion della famiglia Wu in viale monza 23, infatti, non ha deluso nessuno.

La particolare architettura del ristorante, curata dall'architetto designer Maurizio Lai, è stato il palcoscenico perfetto per un evento di altissimo livello.

Ad esclusione di un momento iniziale di panico sul buffet, l'aperitivo/cena si è protratto fino alle ventitrè senza intoppi. Un bicchiere di champagne, un onighiri e tante risate.

L'ottimo buffet, che ha spaziato dal classico sushi a piatti più elaborati come gli spiedini di manzo in salsa yakitori, è stato accompagnato dalla musica delle Hell's Shoes e di Dj WestBanhof, in una selezione tech-house e minimal. Da John Talabot a Fort Romeau la selezione ha piacevolmente sorpreso il pubblico che probabilmente si aspettava i soliti pezzi da aperitivo che ormai infestano i locali Milanesi come un fantasma stanco.

 

Per i lettori di Nerospinto ecco una Gallery della serata, fotografie di Alessio De Santa, accompagnata da alcune quotes dei nostri ospiti e la registrazione del dj set a cura di Dj WestBanhof.

 

“Questa sera mi avete fatto tornare indietro di anni, quando a Milano si usciva e si parlava tanto, ci si presentava, ci si conosceva e da cosa nasceva cosa.”

“Una serata perfettissima...”

“Sono stati tutti gentilissimi, una volta le inaugurazioni erano tutte così, quando non c'era la crisi. E' stato bello tornare indietro nel tempo.”

“Sono troppo ubriaco, tutti quegli amari...”

“Selezione perfetta, stavamo per metterci a ballare sui tavoli.”

“Boiler Room!”

Mixtape For Nerospinto @Taiyo Inauguration by Tommaso Laganà on Mixcloud

 

E a fine serata, dopo qualche amazzacaffè di troppo, ci siamo ritrovati tutti col sorriso sulle labbra e con il cuore pieno di soddisfazione.

 

 

Mercoledì 13 marzo 2013 ore 19.30, inaugurazione del nuovo ristorante TAIYO di Viale Monza 23.

A fare gli onori di casa la famiglia Wu, presente da molti anni sul territorio milanese, vanta una lunga esperienza in ristorazione asiatica e fusion. È nel mix tra modernità e tradizione che si rispecchia la nuova cucina di Taiyo. Una versione contemporanea del classico ristorante giapponese, dove i piatti sono sapientemente combinati in un equilibrio di sapori, dalla cucina giapponese classica a incontri più raffinati come gamberi rossi di Sicilia, tonno impanato al sesamo, ricciola al pistacchio, carpaccio di angus, sweat heart maki, exotic roll, astice roll, ikkameshi, calamaro ripieno, tempura, manzo alla coreana.

I ristoranti Wu Taiyo si distinguono per lo speciale connubio tra cucina orientale di alta qualità e preziose location.

In particolare, nella nuova location di Viale Monza il legame tra tradizione e modernità è rafforzato dal design, magistralmente curato dall’architetto, scenografo e designer Maurizio Lai. Di forte impatto visivo, il sushi Restaurant Taiyo si ispira a un’estetica internazionale e all’avanguardia. Ricco di molteplici elementi scenografici che ne caratterizzano le atmosfere, l’ambiente è formato da una grande sala centrale e due sale secondarie, fortemente impreziosito di allestimenti luminosi e materici. Degno di nota il particolare del soffitto in maglia metallica a disegno geometrico retroilluminato.

Wu Taiyo risulta essere, quindi, non solo un ristorante, ma un percorso itinerante attraverso tutti i sensi.

Il grafema TAIYO significa sole, ma anche Levante e arancio (il caldo leit motiv che decora i ristoranti Wu-Taiyo) ed è sinonimo di felicità e di fantasia. Il Sole, quindi, per la famiglia Wu include una sfera di significati che rappresentano il lato positivo della vita e, ovviamente, l ’amore per il cibo.

Questa la filosofia Wu Taiyo, amore per la cucina, per i clienti (tutto il personale del ristorante giapponese Taiyo parla correttamente italiano, per meglio comprendere le singole esigenze del cliente), amore per l’estetica e per i dettagli, e, soprattutto, amore generato dall’incontro tra cultura orientale e occidentale, specchio della realtà attuale, che Wu Tayio si propone di rappresentare in tutto il suo splendore.

 

Il nuovo ristorante di Viale Monza è un oasi pacifica situata nel centro di Piazzale Loreto, un’occasione per prendersi una pausa dal traffico cittadino e assaporare deliziose creazioni, facilmente raggiungibile con i mezzi.

 

Ad accompagnare la serata l’intervento musicale dei Deejay WestBanhof e Hell’s Shoes.

 

L'evento è realizzato in collaborazione con Uber, sito: www.uber.com

 

Taiyo Sushi Restaurant

Viale Monza 23, Milano

02-26113972 Sito: http://www.wutaiyo.com

 

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.