CHIAMACI +39 333 8864490

Mercoledì, 27 Giugno 2018 12:05

Verso la fine della Zombie Abstraction?

Dopo anni di predominanza dell’astrattismo, la pittura figurativa finalmente rinasce e restituisce all’arte l’aura perduta. La Zombie Abstraction, fatta di impercettibili unioni di colore e materia, sembra essere arrivata al tramonto.

Pubblicato in SvelArte
Sabato, 30 Maggio 2015 13:47

AH-OK. KIMONO MADE IN ITALY.

Claudia e Francesca, designer e creative del giovanissimo brand AH-OK, un marchio indipendente con base tra Como e Milano. Claudia e Francesca presentano la loro prima collezione: kimono e accessori in seta, stampe bold, spirito un po’ orientale e un po’ nordico. Capi di abbigliamento ed accessori disegnati, progettati e confezionati in Italia.

La loro prima collezione è istinto, spontaneità e gioco. Le stampe sono frutto di sperimentazione: le designer hanno utilizzato rulli, carta strappata e pennelli di varie forme e tipo, per realizzare i disegni. Hanno “giocato” tracciando segni, ritagliando, accostando forme.

Il risultato ottenuto è stato quello che volevano. Nasce così il loro kimono. Un capo senza taglia, quasi un accessorio che si può indossare in modi diversi. Un brand emergente che fa del made in Italy la sua filosofia!

Sara Biondi

[gallery type="rectangular" ids="43548,43543,43544,43547,43546,43545,43542"]

Pubblicato in Stile
Martedì, 19 Maggio 2015 12:37

BRICCOLA, BRACCIALE DELL’ESTATE 2015

BRICCOLA, giovanissimo brand italiano, nato nel 2012 dall’idea di alcuni amici di Padova, presenta il bracciale dell’estate 2015.

Briccola: un bracciale creato assemblando cima (corda) nautica colorata ad un “grillo”, questo il termine del gancio utilizzato sulle imbarcazioni per tenere le vele in tensione. Briccola racconta una storia. Una storia fatta di legami, di amicizia e di rispetto. Briccola unisce, rafforza legami già esistenti e ne crea di nuovi. Briccola è arrivo in un porto sicuro ma è anche partenza alla scoperta di mondi lontani. “Sono un bracciale semplice, fatto di corda nautica legata ad un grillo, questo il termine tecnico ad indicare il gancio utilizzato sulle imbarcazioni per tenere le vele in tensione. Sono colorato, di quei colori che ti conquistano perché ti ci riconosci subito come allo specchio. Riesco a catturare tutti, non mi indossa mai una persona sola.”

Il brand italiano, nella settimana più esclusiva di Firenze, quando la città diventa “capitale” internazionale dell’abbigliamento ed accessori uomo, con Pitti Uomo 88, sarà lanciato ufficialmente con un BRICCOLA FASHION PARTY, mercoledì 17 Giugno, nell’esclusiva cornice de Lo Spumantino al Pontevecchio, la Lounge del Castello di Verrazzano, azienda storica del Chianti Classico.

Sul Lungarno di Firenze, sarà presentata la collezione Spring-Summer 2015: 11 bracciali, ciascuno con il nome di un vento...11 bracciali Made in Italy e fatti rigorosamente a mano. Per l’occasione, sarà presentata, al pubblico, in anteprima la prima Briccola Bag. Una borsa in sacco di juta, ideale per la spiaggia ma anche per la città…Seguendo il mood dei bracciali, la bag , è impreziosita da bellissime corde colorate e dall'immancabile "Grillo".

Sara Biondi

[gallery type="rectangular" ids="42994,42995,42996"]

Pubblicato in Stile

Sabato 9 maggio, dalle 10.30 alle 18.30, presso lo show-room di via Primaticcio 160, il gruppo Scia's è lieta di presentare la nuova collezione Primavera-Estate delle borse, made in Italy, MARSI.

Durante l'evento sarà possibile creare e prenotare la propria borsa personalizzata, scegliendo tra decine di combinazioni possibili e approfittando di sconti esclusivi

 

La borsa, si sa, è l’accessorio femminile per eccellenza. Ed è dalla passione per le borse che nasce l’idea di MARSI, il cui nome deriva dall’unione delle due protagoniste, Martina e Silvia, due ragazze giovani di Milano che si definiscono le due facce della stessa medaglia: il buon carattere le lega, le loro personalità le spingono ai lati opposti degli schemi.

Da questo progetto, in cui tanto credono, le due vogliono far emergere sia le loro caratteristiche distintive sia far trasparire ciò che le unisce.

 

La folgorazione arriva tramite la collaborazione con Scia's, azienda di tessuti italiana, e con la scoperta del bottalato. Il tessuto infatti lega una base naturale ad una lavorazione chimica. Nasce cotone al 100% e diventa canvas nel momento in cui viene lavorato sul telaio. Viene poi spalmato con del poliuretano, che rende il tutto idroreppellente e conseguentemente lavabile. La ceratura gli conferisce l'aspetto per così dire vintage e rende questo materiale praticamente indistruttibile. Il bottalato con l'usura si modifica e non si rovina. È un materiale sportivo molto resistente, che può diventare elemento fondamentale per una borsa dalle linee eleganti, così come far trasparire tutta la sua qualità da una borsa per tutti i giorni.

Il concetto di unione evolve nella ricercatezza continua di unicità.

 

Le stoffe e le pelli usate sono interamente made in Italy e vengono trattate da un artigiano che “crea” le MARSI una ad una con grande attenzione ai minimi particolari.

 

Martina e Silvia vogliono che ogni ragazza abbia la possibilità di giocare e divertirsi con le stoffe, le pelli e i colori, imparando a conoscere nuovi materiali. Progettando così una borsa unica che non sarà mai uguale a quella di un’altra donna.

 

MARSI attualmente si appoggia allo Show-Room di Via Primaticcio 160 a Milano, dove ha sede Scia's, l'azienda che ha commercializzato e ideato il bottalato.

 

Tempo d’attesa per ogni borsa: circa 2 settimane.

 

Per Info e prenotazioni

366.3388032

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

[gallery type="rectangular" ids="40892,40891,40890,40889,40888"]

Pubblicato in Stile

A partire dalle ore 20 di questa sera The Room, il locale dal mood newyorkese nel cuore di Porta Romana a Milano, ospita lo spettacolo “Poesie d'amore per donne ubriache”.  Ad impreziosire la serata, la special exhibition “OhMydolls”.

 

 

 

La prima volta che ho visto i quadri di "OhMydolls" è tornato prepotentemente alla memoria un romanzo di Isabella Santacroce: “Lulù Delacroix”.

Vi risparmio i dettagli della trama per lasciare che la curiosità faccia il suo corso e vi trascini nella libreria più vicina a voi e mi soffermo sulle sensazioni.

Esattamente come accade nel romanzo della Santacroce il progetto "OhMydolls" è una commistione. Di bellezza e dolori, di emozioni osservate anche dagli angoli più scomodi, di donne che non rifiutano la femminilità e il romanticismo ma al tempo stesso si scoprono combattenti, incapaci di rinunciare a quel necessario tocco di drammaticità e disincanto misto a coraggio tanto che le ferite inflitte dalla vita vengono mostrate alla luce del sole e raccontate attraverso tattoos e piercing.

Ogni bambola è una storia immersa in un' atmosfera fiabesca e dal sapore onirico, specchio del vissuto personale di Ilaria Vista, creatrice del progetto e diplomata all'Accademia di Belle Arti di Brera in scenografia, che nei suoi lavori riversa il mondo che la circonda.

Un mondo fatto di amore e sostegno binomio spesso sconosciuto nei rapporti al femminile che più facilmente si nutrono di rivalità, di rispetto per la natura testimoniato dalla presenza di animali fantastici che ampliano il senso delle opere riallacciandoci al profondo legame che lega l'uomo alla natura.

Ma quelle di "OhMydolls" sono anche storie dense di segreti, tormenti, misteri, che l'artista non rinchiude nell'opera consentendo a quest'ultima la possibilità che lo spettatore possa trovare la chiave giusta per aprire la serratura disegnata sulla fronte di ogni bambola.

Il progetto di Ilaria diventa quindi un mezzo per raccontare se stessa ma anche un invito all'osservatore perché esplori la propria storia, un percorso alla ricerca della chiave che può aprire la porta dietro la quale ognuno cela i suoi personali fantasmi e desideri.

Un continuo invito alla scoperta quindi, un viaggio nei ricordi, un costante gioco di equilibri tra difetti ed ardimento, tra timidezza ed audacia, una fotografia nitida dell'animo femminile sempre in bilico tra tutto e niente, in cui i sentimenti si intrecciano alla realtà in un gioco che non conosce riposo.

E proprio per dar voce a questa moltitudine di voci che Ilaria sceglie tutti i possibili canali di comunicazione. Ed ecco che "OhMydolls" sono opere su tavole di legno dipinte con acrilico, il segno di una matita colorata o la traccia ruvida di un gessetto, ma anche abiti, accessori, gioielli, tshirt, ballerine, sneakers, tutto rigorosamente dipinto a mano.

Arte che racconta emozioni ma non si limita ai canonici dettami espressivi: li supera.

E supera anche i confini geografici perché dopo solo tre mesi di attività il progetto è sbarcato a New York con una linea vintage e culotte da collezione.

Questa sera andate controcorrente, spegnete la tv e immergetevi nella poesia e nell'arte.

Lasciate che "OhMydolls" vi racconti una storia.

 

 

 

Info e prenotazioni: 3396537422/ 0258319839

Ufficio Stampa:Rosaspinto

Indira Fassioni

3338864490

Pubblicato in Cultura

Il designer-to-consumer è una nuova impostazione produttiva che si avvale tanto delle risorse offerte dalle nuove tecnologie di prototipazione e produzione a controllo numerico quanto di lavorazioni tradizionali e dell'indispensabile supporto delle tecnologie web 2.0.

Questo nuovo modello produttivo, che sta trasformando il mondo della progettazione, della produzione e della distribuzione di beni, prevede che, attraverso la vendita online e il rapporto con i distributori tradizionali, i designer diventino produttori di sé stessi.

SFUSO/small-scale practices/ collettivo di designer , grafici e architetti under 30, attraverso Retrobottega invita designer, architetti, makers, artigiani, graphic designer, studenti e professionisti che si occupano di indagare questo nuovo sistema produttivo a esporre i loro lavori, con lo scopo di fornire loro un'occasione di visibilità, di incontro e di scambio.

Il tema deIl ’incontro tra passato e futuro e della necessità di un dialogo tra i due si rivela anche nella scelta della location, l'esposizione avverrà negli storici locali della Ferramenta Pietro Viganò in via Montevideo a Milano,in zona Tortona, e dell’apertura in occasione della settimana del Salone del Mobile 2013 dal 9 al 14 Aprile.

 

Alla call sono ammessi lavori di designer, studi, architetti, makers, graphic designer che realizzino in maniera indipendente piccole e grandi serie.

Il termine per la presentazione dei progetti scade il 23 marzo. I risultati, scelti da una giuria di esperti, verranno pubblicati su www.sfuso.org il 24 Marzo.

 

Info tecniche:

Le candidature vanno inoltrate a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

La partecipazione alla call e all'esposizione è completamente gratuita. I costi di spedizione e trasporto dei progetti selezionati sono a carico dei singoli progettisti.

La partecipazione è aperta a tutti e si possono presentare quanti progetti si desidera e di qualsiasi tipologia: arredamento, oggetti per la casa, abbigliamento, accessori, dispositivi tecnologici ecc..

 

Per ogni progetto dovranno essere inviati:

-fotografie in alta definizione del prodotto o dei prodotti

-breve descrizione con particolare attenzione alle fasi produttive e alle lavorazioni

-scheda tecnica

-breve biografia dei produttori

-informazioni di contatto

 

I progetti presentati devono essere prodotti in piccole serie o prototipi pensati per la produzione in serie. Non sono ammessi i pezzi unici. Il fatto che il progetto sia già in produzione da un certo lasso di tempo, sia già stato presentato o pubblicato non costituisce impedimento per la partecipazione alla call.

Nella settimana del Salone del Mobile 2013 si susseguiranno inoltre una serie di iniziative volte ad approfondire il tema.

 

Altri Contributi

Al racconto sono chiamati a partecipare anche fotografi, artisti, architetti e designer che vorranno esporre ricerche di carattere teorico, concettuale o narrativo sul tema della relazione con il sistema degli oggetti nella più ampia accezione possibile. I contributi potranno essere di qualsiasi natura scritti, performance, video, produzioni editoriali, installazioni, infografiche ecc e verranno selezionati dagli organizzatori. Le candidature per questi contributi vanno inoltrate a  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Call for sponsors

La call è aperta anche a soggetti che desiderino supportare l'iniziativa mettendo a disposizione le proprie risorse, siano queste di natura materiale o immateriale. Sono benvenuti materiali, grezzi o lavorati, generi di consumo per la parte catering e rinfreschi, mezzi di locomozione (sostenibili!), attrezzature audio video, così come mediapartner per la diffusione dell'iniziativa, videomaker, addetti stampa, volontari per la realizzazione dell'allestimento. Verranno accettate solamente le candidature ritenute in linea con lo spirito dell'iniziativa. Scrivete a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Retrobottega

@Ferramenta Pietro Vigano

Via Montevideo 8, Milano

9-14 Aprile 2013

Pubblicato in Nigthlife

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.