CHIAMACI +39 333 8864490

ph Ivan Nocera – ag Cubo|||

Roberto Herlitzka “Voglio fare l’attore”: mostra fotografica di Tommaso Le Pera al Napoli Teatro Festival Italia

Roberto Herlitzka ha più di cinquant’anni di carriera alle sue spalle (se contiamo anche gli anni di Accademia con il maestro Orazio Costa Giovangigli) e il Napoli Teatro Festival Italia, alla sua 13esima edizione, ha deciso di dedicargli una mostra fotografica curata e con gli scatti del gota delle foto di scena: Tommaso Le Pera.

«Quattro anni fa avevo già realizzato un'esposizione con l'Accademia di Belle Arti e per quest'anno, il festival mi ha commissionato una mostra su uno degli attori più fotogenici di questo mondo - oltre a essere una persona straordinaria umanamente parlando. Non recita soltanto con la parola, ma con tutto, gli occhi, il corpo, la bocca e soprattutto con le mani». Esordisce così Tommaso Le Pera - che si potrebbe definire un artista delle foto di scena - mentre ci racconta cosa l'ha guidato nell'allestimento e soprattutto cosa l'attrae di Roberto Herlitzka. Dalle sue parole ci comunica un sincero trasporto non solo verso il proprio lavoro, ma, in particolare, verso un attore di questa caratura. «Confesso che non amo le mie mostre fotografiche. Vado a vedere puntualmente quelle dei miei colleghi e generalmente le apprezzo molto ma, per quanto riguarda le mie, sono molto critico. Per questa è stato diverso: quando mi è stato proposto questo progetto su Roberto ho accettato con piacere ed entusiasmo. Piacere ed entusiasmo che cresceva man mano che, per scegliere le immagini giuste, ho rivisto tutti gli spettacoli e ho rivissuto le vicende e le storie legate ad ognuno di questi. Roberto Herlitzka è un attore che stimo e ammiro tantissimo. Vederlo sul palcoscenico è sempre un’emozione indescrivibile. È un’Artista immenso, come ce ne sono pochi. Mai banale, mai uguale, mai scontato. Ma soprattutto è un grande Uomo, di una umanità sconfinata e di un’intelligenza raffinata. Uno di quelli che vorresti veramente avere per amico»

Ph Ivan Nocera - ag Cubo

 

«Ho fotografo almeno trenta suoi spettacoli e da quelli più significativi e fotogenici ho selezionato queste 23 immagini, per quanto non sia stato semplice. Quando lui recita, in diverse occasioni, non riesco neanche a fotografare tanto è il magnetismo che emana». Le Pera non lesina aneddoti né la stima verso questo interprete, «conosciuto nel '71, dove lui era un comprimario, ma era già un co-protagonista di attori come Sergio Tofano, Franca Valeri, Mariano Rigillo».  È da qui che ha cominciato a seguirlo perché lo aveva talmente incuriosito, a partire dalle «pieghe del suo viso, non si può che fotografare da vicinissimo» (e la foto che abbiamo scelto come cover lo dimostra).

 

Uno dei più importanti fotografi di scena italiani, che ha fatto scuola, ci rivela un aneddoto legato a “La vita è sogno” diretto da Orazio Costa, con cui ha continuato a lavorare anche dopo l'Accademia.«Era l’anteprima, Roberto (dava vita a Sigismondo, nda) trovandosi in questo buco con un abito di scena abbastanza pesante grondava e ricordo che hanno duellato verbalmente per quasi un’ora sulla posizione delle mani. Con gli interpreti della compagnia abbiamo assistito con divertimento a ‘questa scenetta’. Pur conoscendosi da anni, si rivolgeva a Giovangigli chiamandolo il dottore». A tal proposito ci fa piacere riportare una risposta data proprio da Herlitzka all'assistente di Orazio Costa, Maricla Boggio: «C'era da parte sua sempre una possibilità di dialogo con gli attori, purché alla fine avesse ragione lui. Cioè lui ti permetteva di discutere moltissimo, purché appunto avesse ragione lui. Non è che te lo imponeva, è che la sua intelligenza prevaleva» (da “Mistero e Teatro. Orazio Costa, regia e pedagogia” di M. Boggio).

 

Le Pera aggiunge anche che l'attore torinese era all'opera anche per la stagione 2019-2020: «aveva debuttato con “Enrico IV” (nonostante qualche acciacco) che ha dovuto interrompere a causa del coronavirus e anche in questa occasione volteggiavano nell’aria queste mani, che dicono tutto, talvolta più delle parole. Lui è l'icona di chi deve essere l’artista in scena. Non si lamenta mai ed è di un’arguzia incredibile». Alla nostra domanda su quale regalo Herlitzka abbia fatto a lui, con spontaneità ci dice: «quale altro regalo avrebbe potuto darmi se non quello di offrirsi alla mia macchina fotografica».

 

 

Roberto Herlitzka “Voglio fare l'attore”: riflessioni e suggestioni

Si può affermare che Le Pera sia riuscito a cogliere, in alcuni scatti, anche quel sorriso sornione e ironico che si può osservare in certi istanti se non si smette di guardarlo neanche per un secondo; in altri emergono le sue qualità fisiche e interiori, a partire dall'umiltà, che traspare sul palcoscenico, ma anche se si ha la fortuna di incontrare Herlitzka. Le fotografie galleggiano nel nero, è come se prendessero vita da quelle pareti, ricordandoci quando venivano sviluppate in camera oscura e non dal digitale.

In una stanza accanto c'è una seduta, dove potete prendervi tutto il tempo per assistere al montaggio di immagini (a colori, proiettate in loop) di suoi spettacoli, assemblate grazie all'archivio di Nadia Baldi, con la quale ha realizzato diversi lavori. In sottofondo una chicca: i brani musicali del maestro Germano Mazzocchetti, il quale spesso ha composto per le rappresentazioni di Herlitzka.

INFO DI SERVIZIO: la mostra è visitabile, da giovedì a domenica, fino al 31 luglio, dalle h 17 alle h 20. L'ingresso è gratuito.

 

Maria Lucia Tangorra

Pugliese di nascita e milanese di adozione, pensa che in particolare di teatro e cinema non si possa fare a meno. Giornalista pubblicista, laureata in Lettere moderne percorso 'Letteratura e arti' in Cattolica, scrive in particolare modo di Settima Arte e di quella più antica - quella teatrale - ma negli anni ha ampliato occupandosi anche di tv, mostre, libri ed eventi. Vive nella città meneghina, ma effettua trasferte ad hoc anche per seguire festival di settore.

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.