CHIAMACI +39 333 8864490

|||

L’effetto delle droghe sulla creatività

Il consumo di sostanze stupefacenti influisce sull’inventiva e sulla produzione di un’artista?

Sono molti gli artisti che amavano abusare di alcol e droghe per stimolare il loro ingegno, ma anche per il gusto verso la vita sregolata. Quanto queste sostanze hanno influito sulla loro produzione artistica e sullo sviluppo dell’inventiva e della creatività?

Moltissimi geni della storia hanno ricorso a droghe di vario genere per stimolare l’inventiva: chi per liberare il proprio genio creativo dalle inibizioni e raggiungere visionarie fantasie artistiche, chi per “le dérangement de tous le sens” o per il semplice gusto per la vita sregolata e bohémien, altri ancora per attutire dolori e sofferenze e fuggire dalla realtà.

Si tratta di un uso ed abuso soprattutto letterario: Shakespeare fumava marijuana prima di cominciare a scrivere, Edgar Allan Poe si ispirò alle allucinazioni e agli incubi che lo perseguitavano nei suoi deliri alcolici per scrivere molti dei suoi racconti dell’orrore. Robert Louis Stevenson, grazie all’effetto di cocaina e morfina riuscì a scrivere Lo strano caso del Dottor Jekyll e Mister Hyde in soli sei giorni. Stephen King bevve così tante birre e assunse svariate droghe per scrivere Cujo, da affermare di non ricordare quasi nulla della stesura del romanzo.

Il binomio tra arte e stupefacenti riguarda soprattutto l’uso dell’oppio, sostanza molto diffusa in Francia alla fine del 1800, un potente sedativo che veniva lavorato e prodotto in diverse soluzioni, sempre più forti e pericolose, tra cui il Laudano, una tintura a cui veniva aggiunto alcol etilico, o altri composti contenenti un mix di oppio, codeina e morfina.

L’oppio era disponibile in moltissime Fumerie di Montmartre, ma veniva anche distribuito in bordelli e case private, veri e propri covi per il consumo di stupefacenti.

Le Bateau-Lavoir, fabbricato in legno nel quartiere Montmartre che Picasso aveva affittato come studio, era un punto di ritrovo per artisti, poeti e letterati, la notte il momento preferito e l’oppio il mezzo ricreativo. Per Pablo e la sua cerchia fumare oppio era diventato una sorta di rito, i cui effetti sono ben visibili nelle loro creazioni. Nelle opere del Periodo Rosa (1904-1909), in cui è documentato un uso assiduo della droga da parte dell’artista, i volti sognanti e come in trance dei saltimbanchi e attori da circo richiamano le allucinazioni visionarie e il senso di “oblio” indotti dall’oppio. Effetto di sospensione temporale che l’artista inserisce nei suoi dipinti dell’epoca e che forse fu d’ispirazione per i suoi lavoro cubisti, e del tentativo di rappresentare la dimensione del tempo nell’arte.
{load positiong1}

Le immagini portate alla mente dai narcotici erano terreno d’ispirazione anche per i pittori surrealisti e strumento proficuo per l’automatismo, l’espressione artistica libera dal pensiero cosciente. Ne faceva uso assiduo André Masson, per alimentare i suoi esperimenti sui disegni automatici.

Anche l’assenzio era una droga molto amata: sempre in Francia era un’abitudine consumarlo durante l’orario dell’aperitivo, la cosiddetta “ora verde” di Parigi; ma c’era anche chi lo potava sempre con sé: Toulouse Lautrec girava con un bastone da passeggio concavo in grado di contenere mezzo litro di assenzio. Alternativa economica e facilmente reperibile, di cui venivano diffuse diverse varianti di bassa qualità, l’assenzio aiutava a socializzare e a liberare le inibizioni, e spesso anche l’istinto creativo.

Ne I Paradisi Artificiali, Beaudelarire decanta il potere del vino, unico tra le sostanze provate a stimolare la mente umana senza atrofizzarla, mentre condanna l’hashish come distruttrice, inutile e dannosa. Se inizialmente afferma che le droghe siano un mezzo per “soddisfare il gusto dell’infinito” dell’uomo, dall’altra le stigmatizza: l’artista, che risponde ai principi superiori dell’arte, deve rifiutare l’uso di droghe per stimolare la sua inventiva, che resterà altrimenti atrofizzata e non più in grado di creare senza il loro ausilio. E se invece che potenziare l’ingegno creativo di un artista, il consumo di droghe l’avesse limitato?

È impossibile definire in che misura l’uso di narcotici influisse sulla creatività degli artisti. L’effetto degli stupefacenti è comunque riconducibile alle esperienze individuali e sarebbe azzardato affermare che certi grandi capolavori siano frutto di un abuso o di una dipendenza da sostanze. Piuttosto esse potrebbero aver dato una spinta a qualcosa che era già insito nella mente dell’artista, e forse hanno contribuito a creare opere di maggiore successo. Anche se ciò, in realtà, è tutto da dimostrare.

 

“Quando sei felice bevi per festeggiare. Quando sei triste bevi per dimenticare, quando non hai nulla per essere triste o essere felice, bevi per fare accadere qualcosa”

(Charles Bukowski)

 

 

 

Daniela Ficetola

Redazione Nerospinto

Sito web: www.nerospinto.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.