CHIAMACI +39 333 8864490

Juliet, Naked. Tutta un’altra musica: una commedia in chiave rock|||

Juliet, Naked. Tutta un’altra musica: una commedia in chiave rock

Juliet Naked. Tutta un’altra musica è una commedia in chiave rock sulle nuove chance che la vita può offrire.

Annie (Rose Byrne) trascina da tempo una relazione abitudinaria, sulla quale pesa la rinuncia di avere dei figli, con Duncan (Chris O’Dowd), docente universitario appassionato di musica indie e che gestisce un blog sulla sua più grande ossessione: Tucker Crowe (Ethan Hawke), rocker di culto scomparso misteriosamente dalle scene venticinque anni prima.

Tramite la passione di Duncan la coppia viene in possesso di un inedito demo acustico “Juliet Naked”, ultimo leggendario album inciso da Crowe. Questo porterà alla luce le problematiche di coppia e creerà un incontro destinato a cambiare le vite di tutti.

Annie e Duncan

Così, dopo i cult “Febbre a 90°” e “Alta Fedeltà”, torna sullo schermo un altro libro di Nick Hornby: Tutta un’altra musica. Tuttavia a differenza dei primi due questa volta non è stato un regista inglese a rileggere lo scrittore britannico, bensì lo statunitense Jesse Peretz, scelta che la critica britannica ha mostrato di non gradire, sostenendo la perdita di originalità.

Ma quel che si perde in britishness si guadagna nella componente a stelle e strisce, visto il casting perfetto di Ethan Hawke, come Tucker Crowe, che si rivela punta di diamante del film.

Duncan legge

La storia è un omaggio appassionato alla scena della musica indipendente dei primi anni novanta, con un soundtrack composto da brani inediti di Ryan AdamsConor OberstRobyn Hitchcock e Nathan Larson interpretati dallo stesso Ethan Hawke.

Juliet Naked, Tutta un’altra musica è una commedia in chiave rock che sottende una riflessione tutt’altro che banale.

Benché sia in forma di commedia, il film ragiona sulle scelte della vita, sulla rapida fine delle (seppur promettenti) aspirazioni artistiche, costrette a fare i conti con la vita reale. E di come le scelte, sia prese che non, tornino prima o poi a chiedere il conto.

Annie

Se il merito della sceneggiatura è quello di riuscire a trattare molte riflessioni interessanti, il suo punto debole è quello di non approfondirne la maggior parte. Come nei casi del pensiero su come possa esserci un’interpretazione diametralmente opposta fra l’artista e il suo fruitore o di quanto possa gravare su una coppia il rifiutare categoricamente la possibilità di avere dei figli. 

Gli argomenti affrontati, sia in maniera diretta che indiretta in vari momenti del film, non trovano sempre la giusta attenzione, dando la sensazione di essere più una casualità piuttosto che un punto di forza.

Luca Ceresoli

Redazione Nerospinto

Sito web: www.nerospinto.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.