CHIAMACI +39 333 8864490

Mercoledì, 16 Dicembre 2015 19:48

OnStage XMas Party presenta Bluvertigo

L'Onstage Xmas Party, festa evento della musica live, il 19 Dicembre ospiterà il Bluvertigo in concerto al Fabrique.

Nel 2016 verrà pubblicato il nuovissimo album di inediti della band, "Tuono - Tono, tempo, suono".

In scena dalle 22:00, oltre ai Bluvertigo, un opening act (I'm Not a Blonde) e un dj set di chiusura.

Questo è l’occasione per celebrare insieme un anno di successi e di grande musica live, sullo stesso palco che ha ospitato la serata conclusiva degli Onstage Awards 2015.

Il biglietto per il concerto ha un prezzo speciale al pubblico di 15 euro.

 

ONSTAGE XMAS PARTY AL FABRIQUE 19 dicembre 2015, dalle ore 22 Via Fantoli, 9 - Milano

Prevendite: www.ticketone.it Info e contatti: www.onstageweb.com Evento Facebook: www.facebook.com/events/1102353196471671/

 

[gallery ids="48810,48811,48812"]

 

Pubblicato in Nigthlife
Mercoledì, 16 Dicembre 2015 12:08

"Dubbi Brothers & Co" @ Epoca martedì 22 dicembre

Il duo "Dubbi Brothers & Co" - composto da Gg Cifarelli e dal famoso attore Sergio Vastano - si esibisce martedì 22 dicembre ore 22,30 presso Epoca Milano, nello spettacolo "Blue Christmas".

 

Amici da vent'anni, Gg Cifarelli e Sergio Vastano hanno sempre condiviso sia il loro amore per il Jazz&Blues sia quell'istintivo piacere di intrattenere i loro amici con aneddoti, facezie, digressioni e improvvisazioni.

"DUBBI BROTHERS & Co" è uno spettacolo che emoziona e diverte. L'interpretazione, la sensibilità e il fascino della musica espressa  da Gg Cifarelli, sono il terreno ideale per le “incursioni” di Sergio Vastano qui in veste di cantante, armonicista e … fantasista!

Un repertorio musicale infinito e affascinante che spazia dai classici del Jazz e del Blues passando per splendide rivisitazioni di brani popolari, canzoni dei Beatles, di James Taylor e … Gg Cifarelli.

 

Dopo aver sentito suonare Gigi, sono andato dal ferramenta a comprare un martello e dei chiodi per appende definitivamente le mie chitarre al muro!” ha dichiarato Sergio Vastano.

 

Sergio trasmette simpatia è vero, ma anche conoscenza culturale e un enorme rispetto della grande musica, suona l’armonica e canta il blues con passione e verve e Potenza … ma anche Matera in sintesi … un Lucano … cosa vuoi di più??” racconta Gg Cifarelli.

 

Epoca Music Live Presenta

“DUBBI BROTHERS & Co” in “BLUE CHRISTMAS”

Una produzione Silvio Bresciani

Martedì 22 dicembre 2015 Cena ore 20,30 – spettacolo ore 22,30

 

 

 

Epoca Milano

Via Parenzo 7 – 20143 Info & costi: +39 3929294219 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

[gallery ids="48774,48776,48775"]

Pubblicato in Musica

dal 15 al 20 dicembre 2015

dalla trilogia "Innamorate dello spavento" di Massimo Sgorbani

regia di Renzo Martinelli con Milutin Dapcevic e Federica Fracassi dramaturg Francesca Garolla suono dal vivo Fabio Cinicola - luci Mattia De Pace

Il dialogo impossibile eppure reale tra la infanticida e il genocida. Un dialogo pieno di comparse, da Biancaneve ai sette nani, passando per Topolino, con Walt Disney che sorride sornione alla finestra del bunker.

Magda e lo spavento”: in effetti c’è da aver paura, pensando alla storia, la Storia con la esse maiuscola. Si ride, si scherza, si flirta amabilmente con l’uomo nero e, per farlo, bisogna avere il sangue freddo di Magda Goebbles, essere capaci di far amabilmente morire sei piccoli cuccioli d’uomo, il freddo del cianuro e il bacio della buona notte.

A conclusione della trilogia ecco arrivare l’innominabile, l’osceno, Heil Hitler! Teatro i presenta l’ultima tappa di “Innamorate dello spavento”, l’unico dei tre testi a vedere in scena proprio Mein Führer, orribile, eppure bellissimo agli occhi idealizzanti delle sue seguaci, forte, eppure debolissimo, l’uomo di razza dalle origini incerte.

LA TRILOGIA

Innamorate dello spavento è un progetto di Teatro i in cui l’autore Massimo Sgorbani cattura le voci di alcune donne legate al Führer che precipitano inarrestabili verso la fine del Reich. Tra il 29 aprile e il 1° maggio del 1945, nel bunker sotterraneo del Palazzo della Cancelleria di Berlino, alcuni dei principali rappresentanti del partito nazionalsocialista si suicidano. Poche ore prima Hitler sposa Eva Braun. Poche ore dopo Hitler e signora si uccidono con le fiale testate sul pastore tedesco del Führer, Blondi, il primo a morire. Poche ore dopo Magda Goebbels somministra le fiale ai sei figli addormentati. Ancora poche ore, e anche Magda e il marito si avvelenano con le stesse fiale.

Innamorate dello spavento” si compone di tre testi distinti che Teatro i sta affrontando con la regia di Renzo Martinelli e l’interpretazione di Federica Fracassi. Il primo, “Blondi”, è stato prodotto dal Piccolo Teatro di Milano nella stagione 2012-2013 ed è stato ripreso sul medesimo palco nel maggio 2014. La seconda parte, “Eva (1912-1945)”, uno spettacolo in site specific le cui tappe hanno portato a molteplici versioni dello realizzate ad hoc per i luoghi ospitanti, dà voce all’omonima protagonista, Eva Braun che, precipitando ignara verso il suicidio, intreccia la sua storia con quella di Rossella O’Hara, protagonista di “Via col Vento”, il suo film preferito. Infine, la terza parte, che vede in scena Magda Goebbels e lo stesso Führer, ha debuttato nell’autunno 2014.

Tutta la trilogia è stata presentata all’interno del programma radiofonico Teatri in diretta / Radio3 di Laura Palmieri e Antonio Audino.

INFO

MILANO – TEATRO ELFO PUCCINI, Sala Fassbinder corso Buenos Aires 33, Milano Durata: 90' (senza intervallo) Da martedì a sabato: ore 21.00 / domenica: ore 16.30 Info e prenotazioni: tel. 02/0066.06.06 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.www.elfo.org Prezzi: intero € 30.50 / martedì posto unico € 20 / rid. <25 anni - >65 anni € 16

 

Pubblicato in Cultura
Mercoledì, 16 Dicembre 2015 19:13

Bonaventura - Burlesque Lab

Giovedì 17 dicembre, al risto-club Bonaventura, l'ultimo appuntamento dell'anno con il Burlesque lab, a cura della Champagne Academy of Burlesque Education, che vede coinvolte ogni mese le allieve di Miss Sophie Champagne. Debuttanti e veterane si esibiranno in uno spettacolo che ha lo scopo di avvicinare il pubblico all’arte del burlesque, mostrando il percorso fatto da queste ragazze nel periodo in cui hanno frequentato il corso.

Esibizioni, divulgazione “storica” e “pseudo-scientifica” e curiositá, e per finire un momento dedicato all’intervista alle ragazze.

BURLESQUE LAB - BONAVENTURA Inizio spettacolo alle ore 21:30. Ingresso libero. Via Bonaventura Zumbini 6 - Milano Prenotazione tavoli per cena: 02 36556618 Info: www.bonaventura.mi.it

 

[gallery ids="48805,48804,48803"]

 

Pubblicato in Nigthlife
Sabato, 19 Dicembre 2015 14:28

15 STELLE A MILANO

Milano ha una nuova stella, si chiama Seta ed è il ristorante di uno degli hotel più glamour del capoluogo meneghino, il Mandarin Oriental Milan; il riconoscimento di Guida Michelin è arrivato il 10 dicembre, dopo solo quattro mesi dall’apertura, grazie alla sapiente guida dell’Executive Chef Antonio Guida ed i suoi collaboratori, l’Executive Sous-Chef Federico dell’Omarino insieme allo Chef Pâtissier Nicola Di Lena, che propongono piatti della tradizione italiana rivisitati in modo del tutto innovativo, capaci di regalarvi un’esperienza sensoriale senza precedenti.

Ma quali sono gli altri stellati che fanno brillare Milano?

Due stelle per CRACCO, SADLER e IL LUOGO DI AIMO E NADIA, mentre una stella per i restanti dodici: D’O, ALICE-EATALY SMERALDO, BERTON, ARMANI, IYO, JOIA, TANO PASSAMI L’OLIO, INNOCENTI EVASIONI, VUN, TOKUYOSHI e UNICO MILANO.

 

** CRACCO | un ambiente moderno ed elegante, in cui a far da protagonista è la cucina della tradizione milanese: sapori e contrasti rivisitati in chiave attuale da uno chef di tutto rispetto: Carlo Cracco (Milano, via Victor Hugo 4) http://www.ristorantecracco.it/

 

** IL LUOGO DI AIMO E NADIA | I proprietari Nicola Dell’Agnolo, Alessandro Negroni, Alberto Piras e Fabio Pisani raccontano la loro interpretazione della cucina italiana come una “sintesi tra gesto contemporaneo e memoria gustativa” (Milano, via Montecuccoli) http://www.aimoenadia.com/

 

** SADLER | Il nome è lo stesso dello chef, nonché proprietario. Claudio Sadler usa la cucina come specchio della sua dedizione verso la modernità, cardine dello stile creativo, in perfetto equilibrio con la tradizione, che lo contraddistingue (Milano, via Ascanio Sforza 77) http://www.sadler.it/

 

* D’O | uno stile semplice ma innovativo, i piatti di Davide Oldani sono appetitosi e al contempo leggeri, una cucina che come primo obbiettivo si pone quello di creare nostalgia nel cliente, ancor prima che lasci il ristorante (Cornaredo, via Magenta 18) http://www.cucinapop.do/

 

* ALICE-EATALY SMERALDO | ospitato all’interno di Eataly Smeraldo, Alice propone piatti di terra e di mare preparati con gusto creativo. Il ristorante nasce dall’incontro tra Sandra Ciciriello e Viviana Varese, rispettivamente maître e chef (Milano, P.zza XXIV aprile) http://www.aliceristorante.it/it

 

* BERTON | Il piatto forte di Andrea Berton è il brodo, esaltato in tutte le sue valenze, sia come piatto a sé stante, che come ingrediente principale delle sue creazioni. Una cucina esclusiva e minimalista, esattamente come il quartiere di Porta Nuova che la ospita (Milano, Via Mike Bongiorno 13) http://www.ristoranteberton.com/it/

 

* ARMANI | L’esclusività degli hotel Armani incontra la tradizione gastronomica italiana attraverso le sapienti preparazioni dello chef Filippo Gozzoli, alle cui creazioni è affiancata un’altrettanto curata selezione di vini (Milano, Via Manzoni 31) http://milan.armanihotels.com/dine/dine_ristorante_it.html

 

* IYO | Il nome è già di per sè un ottimo bigliettino da visita per il ristorante di Claudio Liu, a Milano da quasi dieci anni, il maestro Haruo Ichikawa propone la migliore cucina orientale del capoluogo (Milano, Via Piero della Francesca) http://www.iyo.it/

 

* JOIA | La miglior ricetta per il benessere, elaborata dallo chef Piero Leemann, è elementare: ingredienti di stagione e preferibilmente del territorio. Questo è il segreto di Joia, un ristorante che propone alta cucina esclusivamente naturale (Milano, Via Castaldi) http://www.joia.it/

 

* TANO PASSAMI L’OLIO | Lo chef Tano Simonato si aggiudica la stella Michelin grazie alla sua voglia di giocare e divertirsi con il cibo, ma soprattutto con i suoi commensali, perché il buon cibo non nutre e basta, ma emoziona pure (Milano, Via Villoresi 16) http://www.tanopassamilolio.it/

 

* INNOCENTI EVASIONI | Eccellenza, passione e creatività sono le parole chiave degli chef Tommaso Arrigoni e Eros Picco, che guardano alla tradizione culinaria in linea con le stagioni dell’anno, immergendo i suoi ospiti nell’incantevole atmosfera di un ristorante giardino (Milano, Via Bindellina) http://www.innocentievasioni.com/

 

* VUN | “uno” in dialetto meneghino ed è il ristorante dell'hotel Park Hyatt Milano, il luogo ideale dove trascorrere un’esperienza sensoriale, coccolati dall’atmosfera raffinata e distinta, esattamente come le creazioni dello chef Andrea Aprea (Milano, Via Silvio Pellico) http://hyatt.com/corporate/restaurants/vun/en/vun-home.html?src=vanity_ristorante-vun.it

 

* TOKUYOSHI | Yoji Tokuyoshi porta l’oriente in cucina, una “contaminazione” di tecniche e idee tra piatti tradizionali italiani e idee e tecniche di preparazione giapponesi. Un mix vincente che propone materie prime genuine e selezionate (Milano, Via Calocero) http://www.ristorantetokuyoshi.com/

 

* UNICO MILANO | Unico di nome e di fatto, vanta una delle viste più mozzafiato dall’alto del ventesimo piano sulla Wjc Tower al Portello. È una cucina raffinata quella di Felice Lo Basso, in un ambiente decisamente glamour, per lo stellato più alto d’Europa (Milano, Via Achille Papa 30) http://www.unicorestaurant.it/

[gallery ids="48710,48711,48709"]

Pubblicato in Lifestyle
Sabato, 12 Dicembre 2015 22:54

Genitori con-divisi - Palazzina Liberty

Lunedì 14 dicembre 2015, alle ore 21:00, vi aspetta una serata tutta da ridere alla Palazzina Liberty (Largo Marinai d'Italia - Milano).

L'Associazione Genitori Con-divisi (RE.NA.GE.SE. Milano Lombardia) organizza una raccolta fondi per finanziare le sue (tante) iniziative. 5 artisti comici parteciperanno alla serata: Alessandra Ierse, Max Pieriboni, Nadia Puma, Claudio Batta e Margherita Antonelli.

L’Associazione Genitori Con-divisi è nata nel 2012 e si occupa di dare sostegno ai genitori separati, mettendo in primo piano le esigenze evolutive dei figli coinvolti nelle separazioni. Attraverso il sostegno ed il rafforzamento delle capacità genitoriali, le mamme e i papà separati acquisiscono competenze ed abilità per gestire al meglio la situazione creatasi dal conflitto familiare.

Inoltre, l'Associazione si propone di organizzare incontri nelle scuole sulla gestione responsabile dei conflitti, in quanto le separazioni sono una delle cause più frequenti di abbandono scolastico dei minori. Un’altra attività che si vuole attivare è quella di individuare uno spazio dove i papà che non hanno l'affidamento possano stare insieme ai propri figli, in uno spazio adeguato.

L'ingresso allo spettacolo è gratuita, ma una donazione sarà caldamente accettata.

GENITORI CON-DIVISI Palazzina Liberty - Largo Marinai d'Italia, Milano. Info. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Tel. 3476623134

Pubblicato in Cultura

Nina Madù presenta il nuovo disco “Octopussa”

Dal 19 dicembre disponibile online

La stessa sera dal vivo al preserata Drag/Lipsinc del Toilet Club

Sabato 19 dicembre esce su Spotify “Octopussa”, il nuovo disco di Nina Madù e le Reliquie Commestibili. La sera stessa Nina Madù si esibirà in uno spettacolo canoro all’interno del preserata Drag/LipSinc del Marlon Brandon, al Toilet Club (Via Lodovico il Moro, 171 - Milano - ingresso gratis con tessera ARCI – ARCIGAY – ARCILESBICA – UISP).

Nina Madù e le Reliquie Commestibili nasce come una rock band che si specializza in testi surreal-demenziali. Tematiche semplici, di vita ordinaria, vengono trattate con estrema perizia linguistica, termini desueti e arzigogoli sintattici, il tutto orlato da costumi bizzarri, trucchi esorbitanti e performance live teatralizzate al limite del possibile.

Il 19 dicembre il gruppo presenta “Octopussa”, il suo nuovo disco, in cui si viaggia sul dorso viscido di una fierissima piovra dotata di tre cuori e della capacità di cambiare colore repentinamente; insieme a Nina Madù, troviamo il Bullo Psicologico (alias Ulisse Garnerone) e l’Abietto Infame (alias Fabio Marconi). In questo secondo tentacolare capitolo, la rock band prosegue il racconto dell'altro disco, intitolato Hirundo”, con un sound paragonabile a un Frankenstein musicale fatto di elettronica, surf rock, balera, doowop, qualche incursione nell’elettronica pesante e nell’industrial ed altra materia sonora non ben identificata.

Basterà ascoltare la canzone che apre il disco, “Social Network”, per convincersi del valore di una rock band che opera al di fuori di ogni schema preconfezionato. Un testo ironico, parodico, un pastiche linguistico sui generis che non mancherà di stupirvi e al contempo inquietarvi. A mo' di esempio, ve ne propongo qualche verso:

“Leggo i vostri post/ Magnanimamente, distribuisco qualche fish/ Affermo “I like, yes, I like”/ (…) Fotorittocami! Condividimi, cliccami, spammami, aggiungimi, taggami addosso!”

Eloquente il commento di Pier Andrea Canei, de L'Internazionale: “Due ceffi zitti che emettono sonorità elettrificate e una teatrante cantante spuntata dalla Conca dei Navigli Milanese- dove si può essere un po’Nina Hagen e un po’Giuni Russo, un po’ Cccp e un poco storie tese - raccontando storie che tendono a diventare abbozzi di canzone in corso d’opera, un cantiere Expo e una boutique all’Isola, una serata social e una performance su un tram o su un iceberrrrrg (detto in tono brechtiano da circuito off e amico con l’impermeabile). Sarà interessante pedinare questa madonnina dadaista.”

Interessante e senza ombra di dubbio sorprendente, a parer mio. Ben vengano i vostri!

Chiara Zanetti

 

 

Pubblicato in Nigthlife

“Un mare di tortore” (Ad est dell'equatore) è il primo libro di Fabio Gargano, il quale ha intrapreso ormai da tempo la carriera da avvocato.

Si tratta di una distopia fantascientifica ambientata  in un mondo ricostruito dopo un grande bug dell’informazione; una vera e propria apocalisse informatica. Affascinato da "Blade Runner" di Dick e dalle visioni cyberpunk di Gibson, Fabio Gargano ha immerso il suo primo romanzo in un universo futuribile abitato da Zona 19, Quinto Continente, l'Immenso, La fabbrica del bello. Ingredienti orwelliani hanno sicuramente influenzato lo scrittore. Inoltre, l'esordio nella narrativa risente degli archetipi della scrittura cinematografica, una passione profonda dell'artista.

Il protagonista del romanzo, Ume Fill, vive e lavora a Zona19. Conduce una vita apparentemente equilibrata, in cui sembra non mancargli nulla. Come tutti i cittadini della sua città, al termine della giornata esegue il backup per salvare i dati nella memoria per non perdere, in questo modo, alcuna informazione. Il weekend può dedicarlo a svagarsi, magari assistendo a videoproiezioni con gli amici o agli incontri della Fabbrica del Bello e riposare. Nella sua città vige una perfetta organizzazione che permette a tutte le cose di funzionare rigorosamente bene. Tuttavia, quando Ume torna a casa, la sera, sente che qualcosa in lui non va. E così, lentamente, inizia un percorso che lo porterà a scoprire mondi diversi... Accidentalmente conosce gli “outlet”, gli emarginati dalla tranquilla vita cittadina appartenenti a un passato dimenticato. Guillame, il loro capo, mostra a Ume una parte di mondo fino ad allora ignorata: tutto ciò che è fuori, tutto ciò che è differente. In una società che fa dell’omologazione un valore inoppugnabile, le rivelazioni dell’outlet hanno l’effetto di uno scossone. È solo ora che l’avventura di Ume comincia per davvero: non bastano più le solite videochiamate, le videoproiezioni a casa degli amici, il lavoro, e tutte e tutte le sue abitudini. L’incantesimo che ovatta la sua esistenza è ormai stato rivelato. Ume rompe così gli schemi in cui era inquadrato e inizia un percorso di ricrescita. Per la prima volta da quando è nato dovrà affrontare il pericolo, la paura, la tensione, l’ansia che precede i grandi eventi...

 

Pubblicato in Cultura
Venerdì, 11 Dicembre 2015 11:00

JARIT: esperienze gourmet in un vasetto

Jarit nasce dall’idea di racchiudere dentro un vasetto un’esperienza gastronomica.

 

L’ obiettivo è quello di far gustare un piatto di alta qualità, preparato con le migliori materie prime e secondo la tradizione delle ricette italiane. Pietanze raffinate, cucinate da esperti Chef della ristorazione nostrana.

 

In piazza Santo Stefano, angolo via Festa del Perdono, un intero menù – che cambia ogni due mesi – è disponibile in vasetti di vetro. Si possono gustare in loco, oppure comodamente a casa, previo riscaldamento a bagnomaria o in microonde.

In alternativa si può scegliere il servizio di consegna. Ordinando on-line, è possibile ricevere il prodotte ovunque si voglia, a casa, in ufficio, al parco, specificando se lo si vuole già caldo e pronto per essere gustato o a temperatura di conservazione.

 

Dalla scelta delle materie prime, alla lavorazione, alla presentazione e all’accoglienza dei clienti, Jarit pone la qualità sempre al primo posto. La preparazione di prodotti alimentari ad alti livelli culinari e le tecniche di conservazione, affinate con cura ed esperienza, permettono di mantenere inalterate le caratteristiche organolettiche dei piatti e, soprattutto, i sapori. Una sfida non facile, alla quale è stata dedicato molta ricerca e tanta innovazione.

 

Un ricco assortimento di pietanze, le ‘collezioni’, studiato per cercare di soddisfare tutti i palati, e per venire incontro a diverse esigenze alimentari. Piatti vegetariani e per celiaci, realizzati solo con ingredienti di prima qualità.

Un menù che varia in base alle diverse stagionalità, ideato e realizzato da un team di Chef simbolo delle eccellenze della cucina italiana.

 

I primi quattro chef stellati ad aver aderito sono: Claudio Sadler (Ristorante Sadler, Milano), Antonella Ricci e Vinod Sookar (Al fornello di Ricci, Ceglie Messapica), Katja Maccari (I salotti di Villa il Patrorca, Chiusi). Gli altri piatti sono preparati da uno staff di cuochi che comprende Matteo Pisciotta e Andrea Piantanida, gli ideatori di Jarit

 

DOVE SI TROVA

Jarit Piazza Santo Stefano, Milano 02/58309168 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dopolavoro Bicocca Via Chiese, 2 Milano Mercoledì: 11.00 – 16.00 Giovedì – Domenica: 11.00 – 23.00 02/6431111

Pasticceria Zamberletti Via Manzoni, 21100 Varese Lunedì – Domenica: 8.00 – 20.00 Chiuso il martedì

Pasticceria Zamberletti Via Calcinate, 14 Groppello di Gavirate Lunedì – Domenica: 6.30 – 20.00

[gallery columns="2" ids="48629,48628,48626,48625"]

Pubblicato in Food
Giovedì, 10 Dicembre 2015 16:32

Ornella Vanoni al Blue Note di Milano

VENERDÌ 11 E SABATO 12 DICEMBRE ORNELLA VANONI SARA' SUL PALCO DEL BLUE NOTE DI MILANO CON ORNELLA FREE SOUL”

Nelle serate di venerdì 11 e sabato 12 dicembre ORNELLA VANONI sarà sul palco del noto jazz club milanese BLUE NOTE MILANO con Ornella Free Soul, un nuovo concerto che imprime le tracce di un altro capitolo nella straordinaria carriera della Signora della Musica Italiana.

Free Soul” è il titolo designato da Ornella per definire il suo stato d’animo attuale e il suo essere un’anima libera, non dimenticando che è anche molto calzante per il jazz, stile musicale libero che lascia spazio all’improvvisazione e all’invenzione. Inoltre, il nome scelto è assolutamente adatto anche per l’inconsueto trio di grandissimi musicisti che accompagneranno Ornella Vanoni sulla scena: Roberto Cipelli (pianoforte), Bebo Ferra (chitarra) e Piero Salvatori (violoncello). Per l’occasione, Ornella Vanoni interpreterà alcuni brani jazz e di bossanova, oltre che i suoi più grandi successi, con lo stile che da sempre la caratterizza.

«È un progetto che presento al mio pubblico con emozione e molto entusiasmo ha dichiarato OrnellaPer andare avanti bisogna cambiare sempre, con coraggio e passione. Questo trio fantastico ed eccezionale mi porta dentro l’anima una nuova gioia».

In questi giorni Ornella Vanoni ha ricevuto il Premio Elsa Morante Musica alla Carriera. L’importante riconoscimento è stato assegnato alla cantante, cantautrice e attrice per celebrare gli oltre cinquanta anni di carriera, tra le più longeve e poliedriche della storia dell’interpretazione italiana.

Per le serate di venerdì 11 e sabato 12 dicembre lo spettacolo sarà unico alle ore 21.00 (apertura porte: ore 19.30). Il prezzo dei biglietti acquistati entro le due ore precedenti ogni concerto è di 75,00 euro (prezzo “advance”) mentre il prezzo dei biglietti acquistati direttamente all’ingresso dello spettacolo è 80,00 euro (prezzo "door"). Per info e acquisto biglietti: www.bluenotemilano.com.

Pubblicato in Musica
Pagina 6 di 138

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.