CHIAMACI +39 333 8864490

Voglia di cinema ma in totale sicurezza? Ora possiamo dire addio ai film in streaming e in solitaria dal proprio pc. Drive-in Milano è il modo perfetto per tornare a vivere gli eventi quest’estate.

Pubblicato in 16mm

Rientrare nella Sala Astra dell’Anteo Palazzo del Cinema di Milano (fiore all’occhiello della città meneghina) anche solo per la conferenza inerente alla riapertura ha provocato un’emozione difficilmente descrivibile: nostalgia per ciò che sembrava normale - e scontato - (fino alla chiusura del 23 febbraio in Lombardia e Veneto, dell’8 marzo nel resto d’Italia) e commozione, frutto anche del timore di non poter rimettere piede in una sala cinematografica per chissà quanto tempo e poterlo, invece, fare in quell’istante, con un trasporto tale da far salire il groppo in gola.

«Come tante persone abbiamo affrontato questo periodo di lockdown stando nelle nostre case, pensando a come risolvere questa situazione. Siamo rimasti chiusi per troppo tempo e in questo lasso di tempo abbiamo cercato di capire come mettere in sicurezza la nostra attività a partire dalle persone che lavorano con noi (ben 80)», ha dichiarato con un’appassionata partecipazione il fondatore dell’Anteo Lionello Cerri.

«AriAnteo è in massima parte sulle spalle del soggetto che decide di investire le proprie risorse economiche, finanziarie, di idee, progettualità e di persone» ha tenuto a evidenziare l’assessore alla Cultura del Comune di Milano, Filippo Del Corno, riconoscendo il grande merito di resistenza e di impegno per la città che Cerri e il suo staff dimostrano da anni. «Lo abbiamo sperimentato durante il lockdown: la cultura è una dimensione insostituibile di ogni comunità e società e l’offerta culturale ha necessità della presenza fisica, concreta, che può essere quello della performance dal vivo o del meccanismo di condivisione e pratico che scatta quando una platea di un cinema condivide l’esperienza di visione di un film». Ci sembra importante riferirvi queste parole dell’assessore in quanto troppo spesso si danno per scontati lo spettacolo dal vivo, il cinema e tutte le ramificazioni artistiche e culturali, considerandole e veicolandole come puro intrattenimento, come qualcosa di cui si possa fare a meno. Ci auguriamo che questi mesi così difficili abbiano portato molto a riflettere sull’essenzialità della Cultura e dello Spettacolo nella vita di ciascuno, poi sta a noi decidere in quale misura farli entrare nella quotidianità, ma non vanno trascurati perché sono una fonte di arricchimento interiore immateriale certo, però dal valore inestimabile. Ma entriamo nel vivo della proposta di AriAnteo 2020.

ARIANTEO 2020: LE LOCATION

Una linea ideale collega Milano, Monza (arena presso la Villa Reale) e Treviglio. Approfondiamo maggiormente le arene estive nella città meneghina: AriAnteo Chiostro dell’Incoronata (ingresso da via Milazzo, come sempre con doppio schermo), AriAnteo Palazzo Reale (ingresso da piazza del Duomo) e nuova location per l’estate 2020: AriAnteo Triennale (presso il giardino della Triennale di Milano) nell'ambito del programma dell’estate di Triennale.

ARIANTEO 2020: PROGRAMMAZIONE

«La programmazione è ricca e diversificata, con titoli di qualità italiani e stranieri, oltre a grandi produzioni e titoli per le famiglie. In palinsesto i successi della recente stagione cinematografica, usciti in sala poco prima dell'emergenza sanitaria, oltre a titoli inediti (al cinema, ma distribuiti nelle piattaforme in streaming nell’incertezza di non sapere quando si sarebbe potuti andare in sala, nda) tra cui “Favolacce” dei fratelli D’Innocenzo, premiato a Berlino per la migliore sceneggiatura; “Georgetown” di e con Christoph Walz, "Tornare" di Cristina Comencini, candidato a 5 Nastri d'Argento.

Nel palinsesto anche diverse rassegne: AriAnteo Triennale ne avrà una dedicata a design, architettura e fotografia, e una dedicata al centenario dalla nascita di Federico Fellini.

Una parte della programmazione, sia per quanto riguarda le arene estive, che le sale al chiuso, tratterà un tema a noi molto caro, oltre che di grande urgenza: i diritti civili. Anche la nostra proposta culturale vuole riconoscere le pari dignità dei cittadini senza distinzioni di sesso, razza, lingua, religione, opinioni politiche e personali. Tra i film in programmazione, “Il diritto di opporsi” di Destin Daniel Cretton, “Sorry we missed you” di Ken Loach, “Alla mia piccola Sama” di Waad Al-Khateab e Edward Watts, “Cattive acque” di Todd Haynes con l’attore attivista Mark Ruffalo, “I miserabili di Ladj Ly”» (dalla nota ufficiale).

Programma completo su:

https://www.spaziocinema.info

ARIANTEO: NOVITÀ 2020

Nell’ottica di dialogo tra le arti «AriAnteo diventa anche cabaret: a partire dal 23 giugno - una volta a settimana per ciascuna location - è previsto uno spettacolo con un artista di Zelig prima della visione del film in programma. Tra i protagonisti Daniele Raco, Marco Della Noce, Max Angioni, Davide Calgaro, Ippolita Baldini, Giovanni D’Angella, Vincenzo Albano, Enzo Ratti».

ARIANTEO: BIGLIETTI E INFO DI SERVIZIO

Biglietti: intero 7.50€; ridotto 5.50€; ridotto Amici del Cinema 4.50€

Tessera abbonamento a 10 spettacoli 39€

Spettacolo Zelig + proiezione film 12€; solo proiezione film 7.50€

Biglietti acquistabili preferibilmente online su www.spaziocinema.info o presso le casse del cinema e delle arene. Prevista l’assegnazione dei posti, in modo da permettere il distanziamento sociale di un metro tra uno spettatore e l’altro.

Altre misure di sicurezza anti-Covid

In ottemperanza alle norme anti Covid-19, Anteo ha ritenuto utile adottare alcune norme per la sicurezza di tutti gli spettatori.

Nello specifico:

- Tutti gli operatori utilizzeranno dispositivi di protezione individuale (mascherina);

- In ogni arena saranno presenti soluzioni disinfettanti prima dell’ingresso in sala di ogni

spettatore;

- Tutte le sale saranno completamente igienizzate e sanificate;

- I posti in sala saranno organizzati in base alle normative;

- Ad ogni spettatore sarà misurata la temperatura corporea che dovrà essere inferiore a 37,5°

Anche gli spettatori devono fare la propria parte:

- Presentarsi con mascherina per proteggere naso e bocca;

- Lavarsi le mani o utilizzare il gel disinfettante posto all’ingresso;

- Ridurre il più possibile il pagamento in contanti. È quindi preferibile acquistare i biglietti online sul sito www.spaziocinema.info

LA RIAPERTURA DELLE SALE

Non è finita qui però, il team dell’Anteo ha deciso di riaprire, dal 19 giugno, le porte del Palazzo del Cinema così come di CityLife Anteo a Milano, Capitol Anteo spazioCinema a Monza, spazioCinema CremonaPo e Treviglio Anteo spazioCinema, invitando il pubblico ad animare anche le sale al chiuso, dove saranno rispettate tutte le norme di sicurezza e di sanificazione. «Per noi di Anteo sarà anche un’occasione per una nuova definizione del nostro ruolo culturale. Vogliamo ripartire con ancora più energia e vigore, e vogliamo estendere un concetto a noi molto caro: il concetto di comunità che considera i nostri cinema una piazza comune del vivere culturale civico, un ideale punto di incontro dove le istanze e i sogni del singolo possano divenire patrimonio comune, rimessi in circolo come valore sociale. Riaprire - ripartire - significa per noi innanzitutto mantenere un forte radicamento nella realtà e nei temi che la contemporaneità ci sottopone».

Tutto è pronto, o almeno questi gestori-ideatori-appassionati ci stanno provando; ora sta a noi animare le arene e riempire le sale senza il timore di stare al chiuso, ma con il desiderio di riassaporare la visione sul grande schermo nella magia data dal buio attorno, con solo lo schermo cinematografico illuminato.

Pubblicato in Cultura

Dal 20 maggio sarà disponibile sulla piattaforma Chili "ISTMO", il nuovo film di Carlo Fenizi, prodotto da Tejo, con Michele Venitucci, Caterina Shulha e Timothy Martin, oltre alla la star spagnola Antonia San Juan, protagonista di film di Pedro Almodóvar e "Amnèsia" di Gabriele Salvatores

Il trailer qui:

Nell'attesa che le sale cinematografiche riaprano ufficialmente, il film uscirà on demand sulla piattaforma Chili, sposando la campagna #iorestoacasa, in prima visione assoluta; "Istmo" è il nuovo film del regista Carlo Fenizi, la cui storia narra le vicende delle due vite parallele di Orlando, traduttore ed "influencer", in un labirinto che lo costringe nella sua stessa casa ma che, allo stesso tempo, lo protrae con il mondo esterno, in un percorso caotico di variopinta umanità.

Orlando lavora da casa, traducendo vecchi film latinoamericani dallo spagnolo all'italiano; la sua casa è come una gabbia, da cui non esce mai, ma nella sua vita parallela è un influencer. Intorno alla sua monotona vita, caratterizzata da molte piccole manie, emicranie e incubi notturni, gravitano personaggi misteriosi e variegati, come il suo coinquilino Amad, con il quale è in perenne conflitto, ma che si rivelerà essere inaspettatamente qualcuno che mai si sarebbe immaginato; Agnese, la domestica ed ex tata di Orlando; Gina, massaggiatrice e vecchia fiamma; e poi c'è Marina, una rider che gli consegna il cibo a domicilio, che riuscirà a fargli aprire gli occhi verso nuovi orizzonti e verso il mondo esterno.

Orlando è, allo stesso tempo, vittima e riflesso di una società che unisce apparentemente, ma che, di fatto, ci divide inesorabilmente. Un'anima sospesa tra due generazioni e due esistenze, tra una solitudine forzata da se stesso e claustrofobica e un'apprensione verso l'esterno, proprio come l'istmo: il punto di confine sospeso tra due terre e due mari.

 

La regia è affidata a Carlo Fenizi, regista pugliese, classe 1985, che in passato ha diretto "Effetto Paradosso" e "Umbra"; il protagonista è Michele Venitucci ("Tutto l’amore che c’è", "Il seme della discordia", "A Woman", "Codice Rosso"), che ha firmato la sceneggiatura del film insieme a Fenizi.

Completano il cast Caterina Shulha ("Smetto quando voglio", "La vita possibile", "Cetto c’è, senzadubbiamente"), Timothy Martin ("Una Pura Formalità", "Karol, un Papa rimasto uomo") e la star spagnola Antonia San Juan, già nota ai più per essere stata protagonista dei film "Tutto Su Mia Madre" di Pedro Almodóvar (la mitica Agrado) e "Amnèsia" di Gabriele Salvatores.

 

"Istmo" è prodotto da Tejo e sarà disponibile on demand sulla piattaforma Chili da mercoledì 20 maggio.

In questo momento storico così delicato, il film rappresenta un ulteriore possibile spunto di riflessione sul valore delle relazioni autentiche e sul legame con la pienezza della vita” ha dichiarato Carlo Fenizi.

Social Media

Instagram @carlofenizi

Carlo Fenizi sul web

Tejo Film

Pubblicato in Cultura

Nevermind, il nuovo film di Eros Puglielli, è in uscita in piena estate l’1 agosto.

Un film a puntate, che vede il susseguirsi dei racconti di vita dei cinque personaggi, tutti collegati uno all’altro, così da avere un filo logico e una continuità di racconto. I cinque protagonisti vivono nel paradosso e le situazioni presentate sono folli e inverosimili.


Un avvocato con un’abitudine particolare, ignota ai suoi clienti ma ben conosciuta da chiunque lavori con lui: questo porta a scambi di battute e circostanze al limite della realtà.

Una babysitter che inizia un nuovo lavoro in una famiglia molto particolare e inquietante; il suo compagno, dopo aver perso soldi al lavoro cerca di rimediare rivolgendosi a un vecchio amico di infanzia, di cui scoprirà un torbido segreto e insieme al quale si metterà in una situazione di difficile risoluzione.

Un cuoco con un’ossessione che lo perseguita e il suo psicologo perseguitato da un carro attrezzi e dalla continua perdita di memoria.

Ma per quanto i fatti narrati in Nevermind possano sembrare inquietanti, di difficile decodifica e quasi impossibili, alla fine lo spettatore li troverà “familiari”, perché esplorano i lati scuri, scomodi e inconfessabili che si nascondono dentro ognuno di noi.

Il film, con Paolo Sassanelli, Andrea Sartoretti, Giulia Michelini, Massimo Poggio e Alberto Molinari, distribuito da Minerva Pictures, è stato girato in soli 14 giorni. Ha fatto il giro dei Festival, già partecipato alla Festa del cinema Di Roma, è stato in India e andrà a Shangai.

Eros Puglielli inizia fin da giovane a dimostrare la sua passione per il cinema: inizia, solo ventenne, ha girato alcuni cortometraggi e lungometraggi. Negli anni 2000 inizia a realizzare serie tv per il piccolo schermo (tra cui Faccia D’angelo del 2011) e alcuni tv movie.


Nel 2001 esce in sala il suo primo lungometraggio in 35mm Tutta la Conoscenza del Mondo, presentato in prima mondiale alla sezione Forum del Festival di Berlino 2001, verrà venduto e distribuito in molte parti del mondo tra cui anche l’Australia.

Pubblicato in 16mm

Juliet Naked. Tutta un’altra musica è una commedia in chiave rock sulle nuove chance che la vita può offrire.

Pubblicato in Cultura

Si è concluso l’8 maggio l’evento che ha portato per tre giorni in sala uno degli artisti più importanti del ventesimo secolo: Pablo Picasso.

Pubblicato in Cultura

Dal 25 aprile al 4 maggio 2019 allo spazio cinema Oberdan di Milano otto film e un cortometraggio per ricordare Stanley Kubrick, il maestro cinematografico che ha fatto la storia.

Pubblicato in 16mm

Il Museo del Prado, La corte delle Meraviglie: il film evento arriva nelle sale con un viaggio cinematografico per raccontare storie ed emozioni di uno dei musei più visitati al mondo.

Pubblicato in 16mm

Mike Leigh porta nelle sale un momento cruciale nella definizione della democrazia britannica, nonché uno tra i più sanguinosi e tristi episodi della storia inglese. Peterloo, dal 21 marzo al cinema.

Pubblicato in 16mm

L’artista giapponese con la sua arte a pois è riuscita a creare qualcosa di innovativo e originale, e dopo anni di riconoscimenti inadeguati, è ora l’artista femminile più venduta al mondo. Kusama Infinity è la storia di Yayoi, una donna che ha saputo affermarsi dopo un ventennio di anonimato: dal 4 marzo 2019 al cinema.

Pubblicato in 16mm
Pagina 1 di 6

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.