CHIAMACI +39 333 8864490

Venerdì, 21 Luglio 2017 17:08

55 Milano: cena gourmet, cena al Bistrot

L’indirizzo da segnare in agenda per una cena da leccarsi i baffi in una location trendy è quello del Bistrot del 55 Milano.

La terrazza del 55 Milano riapre il suo bistrot internazionale, accompagnato dalla musica del Memo Music Club, che tutti i weekend a partire dal giovedì, proporrà gruppi acustici di altissimo livello.

Pubblicato in Nigthlife

Festeggiate il martedì grasso in grande stile al 55 Milano: tante sorprese per una serata tra Venezia e Rio de Janeiro.

Pubblicato in Clubbing
Lunedì, 21 Novembre 2016 13:50

La star argentina Lali Esposito al 55 Milano

La cantante di Buenos Aires si esibirà il 28 novembre durante l’aperitivo del 55 Milano per presentare il suo nuovo attesissimo album Soy.

Pubblicato in Onstage
Venerdì, 28 Ottobre 2016 13:36

Halloween a Milano o serata fuori città?

Vi segnaliamo due eventi per trascorrere questo 31 ottobre.

Pubblicato in Clubbing
Giovedì, 06 Ottobre 2016 10:34

La domenica al 55 Milano

Vi segnaliamo le proposte del 55 Milano per la domenica, nella storica location dell’ex Roialto.

Pubblicato in Eventi
Mercoledì, 27 Luglio 2016 11:45

La Terrazza profumata e colorata del 55 Milano

La Terrazza del 55 Milano domina i tetti della città portando con sé i profumi e i colori dell'estate.

Pubblicato in Lifestyle
Domenica, 08 Settembre 2013 14:00

CERVICALE, AMORE E (TANTO) ODIO

I problemi legati ai dolori cervicali sono molto comuni e per le più diffuse ragioni. La mia esperienza di massaggiatore professionista ha però visto negli anni tante persone lamentarsi di cervicalgia quasi sempre per lo stesso motivo: lo stress.

Dove non esistono vere e proprie patologie o traumi sono le tensioni emotive le vere responsabili dei dolori che interessano il collo e la zona intorno a questo. Tutti ormai sanno quanto le tensioni lavorative, familiari, affettive, etc. vadano, come si dice in gergo comune, a "scaricarsi" sulle spalle. L'irrigidimento muscolare di queste aree comprime e schiaccia la zona cervicale ed ecco nascere il famoso torcicollo. Infatti il movimento limitato o bloccato del collo è legato ad un forte irrigidimento dei muscoli sopra citati ed è questo che non è permessa la corretta roteazione della testa.

Dove esistano ernie o protrusioni nel tratto cervicale una aumentata rigidità muscolare provoca ancora più problemi in quanto i nervi vengono avvicinati al disco intervertebrale fuoriuscito dalla sua sede e compaiono sintomi (o vengono peggiorati) come il formicolìo alle mani e/o piedi, nausea, vomito.

Innanzitutto spieghiamo in maniera molto semplice cosa sono le ernie e le protrusioni. Tra le vertebre della colonna esistono dei dischi separatori che a causa di un colpo di frusta, di una forte tosse, una corsa troppo sostenuta, possono essere schiacciati dalla vertebre stesse. Quando il disco intervertebrale fuoriesce dalla sua sede rimanendo integro si parla di protrusione. Quando il disco si lacera si parla di ernia vera e propria. In entrambi i casi i nervi vicini al disco vengono toccati, schiacciati, sollecitati ed ecco i problemi come i formicolii alle mani per esempio. Le ernie non rientrano! Chiunque vi dica che questo è possibile non dice il vero. E' vero invece che con il tempo il contenuto del disco si secca e si riduce di dimensioni allontanandosi dai nervi e per questo non sentire più dolori ma il disco rimane comunque rotto.

Sia che ci siano discopatie o meno i rimedi per poter convivere con questi dolori esistono e spesso li risolvono anche del tutto nei casi di protrusioni:

-stretching -yoga -massaggi -nuoto a dorso

Ecco quanto serve per poter convivere con i nostri dolori cervicali.

Lo stretching e lo yoga (lo stretching riassume in se moltissime posizioni dello yoga con la sola differenza che lo yoga comprende anche un rilassamento mentale non indifferente che per i casi di stress è assolutamente consigliato) così come il nuoto a dorso oltre che essere ottimi esercizi fisici allungano la schiena ed in particolare la colonna e questo permette alle vertebre di distanziarsi dai dischi ed evita di comprimerli.

Lo stretching, così come alcune posizioni yoga dedicate alla cervicale possono essere svolti, dopo che li si è appresi in modo corretto insieme ad un insegnante, anche da soli davanti ad un computer, in metropolitana, mentre si guarda la tv, etc.. Pochi minuti al giorno possono aiutare enormemente i dolori e allungare la schiena.

I massaggi devono essere fatti solo da personale qualificato il quale deve essere messo a conoscenza di eventuali discopatie. Oltre a risolvere efficacemente le tensioni e contratture muscolari il bravo massaggiatore porterà il massaggiato in uno stato di profondo relax che agirà positivamente anche sulle cervicalgie.

Il nuoto a dorso è quello che è il più indicato perchè allunga la colonna vertebrale. Lo stile rana e delfino sono da evitare in quanto il movimento porta le scapole ad avvicinarsi e a creare maggiore pressione contro la muscolatura cervicale.

Piccoli rimedi quotidiani potrebbero essere anche porre sui muscoli contratti soluzioni calde come ad esempio il balsamo di tigre (quello bianco non macchia i vestiti), di poco costo e molto potente in quanto il suo calore distende i muscoli e li fa respirare. Molto utile anche sdraiarsi per terra (non sul divano o letto) con due palline da tennis poste proprio sui punti della schiena che fanno male. La gravità del corpo sulle palline da tennis molto rigide aiuta a far sciogliere le contratture. Questo sistema può essere adottato anche ponendole sullo schienale della sedia della scrivania.

Piccoli e facili gesti che se diventano quotidiani come mangiare o lavarsi sono un enorme rimedio contro i dolori e un'ottima ginnastica di mantenimento del benessere.

Per quanto riguarda le scuole di yoga e i massaggi basterebbe rinunciare a qualche aperitivo, un'uscita al ristorante, una borsa firmata e il gioco è fatto.

Walter Zanca

WWW.MASSAGGIMILANO.IT

Pubblicato in in[sano]

Più volte ho scritto che il massaggio non solo è una cosa molto seria, ma anche che non tutti i tipi di massaggio vanno bene per la persona.

Nel caso della donna in gravidanza questo discorso è ancora più vero.

 

Un massaggio non specifico, che sia anche solo rilassante può risultare molto pericoloso.

Vibrazioni, coppettazioni, frizioni, percussioni, etc., sono dannose per il feto e possono portare a gravi risultati e compromettere la gravidanza.

La donna in gravidanza vive un momento della sua vita dove la sua situazione ormonale, emotiva e fisica subisce una trasformazione speciale, e speciale deve essere il trattamento che le si dedica.

 

La donna incinta può allora essere massaggiata?

Assolutamente sì, ma il trattamento deve essere necessariamente specifico e bisogna rivolgersi a personale capace ed esperto.

 

Quali sono i benefici per la donna in dolce attesa?

Ritenzione idrica, gambe gonfie, dolori al nervo sciatico, mal di schiena, ragadi dei capezzoli, sono solo alcune delle problematiche che nascono in questo periodo, ma possono essere fortemente contrastate, trattate e risolte.

Abbiamo con questo trattamento un grande e forte ricircolo sanguigno e di liquidi (siamo fatti del 73% di acqua) che arrivano anche al bambino e da qui è facile capire quanto un apporto di questi liquidi rigenerati e puliti porti un beneficio al feto proprio a livello di alimentazione del suo piccolo corpo e del suo cervello.

 

Studi medici hanno dimostrato che i bambini di madri che durante la gravidanza sono state massaggiate abbiano un cervello più sviluppato.

I dolori alla schiena ed in particolare alla zona lombare si fanno sentire molto quando la pancia inizia a crescere e da qui anche il nervo sciatico duole, protraendo il dolore lungo tutta la gamba o le gambe causando difficoltà motorie non indifferenti.

 

Manovre mirate e specifiche per muscoli lombari e nervo sciatico non solo alleviano la sofferenza, ma se ci si sottopone ai massaggi a gravidanza appena iniziata (meglio se dal terzo mese in poi) e quando non sono ancora comparsi dolori di alcun tipo, prevengono il crearsi di certe sintomatologie non esattamente piacevoli.

 

Durante il parto la zona muscolare dell'interno coscia è posta ad altissimo stress e proprio questa zona del corpo riceve durante il massaggio cure particolari. Un muscolo che viene profondamente e continuativamente manipolato non verrà a contrarsi ed irrigidirsi durante il parto e il risultato sarà la nascita di un bambino spesso senza dolori in questa zona.

 

Grande attenzione è posta anche all'olio che vene utilizzato. E' assolutamente necessario che si usi (fosse anche solo per una idratazione della persona) un olio naturale e biologico in quanto questo penetra nel corpo a livello profondo di muscoli, tendini, ossa e arriva anche al bambino sotto forma di nutrimento. Oli che contengono paraffina (petrolio) sono per ovvie ragioni dannosi e nocivi. È facile individuare questo tipo di prodotti leggendo gli ingredienti sulla confezione. Il primo elemento che compare è quello che nel prodotto è presente in maggior quantità e di solito questo è appunto la paraffina.

Necessario anche un olio privo di particolari odori o aromi in quanto questi possono risvegliare antiche emozioni a volte traumatiche e il feto non devo subire turbamenti di questo tipo.

 

Il massaggio del seno, ed in particolar modo del capezzolo, è non solo piacevole, ma indicato al fine di incrementare la montata lattica, avere un effetto lifting che eviti al seno di cadere e di prevenire il crearsi delle dolore ragadi durante l'allattamento.

Questi sono solo alcuni dei benefici che porta il massaggio in gravidanza. Risulta facile intuire come il sonno, la deambulazione, l'umore ricevano un forte beneficio.

La gravidanza è un momento speciale e meraviglioso per la donna e l'armonia e il benessere che si crea durante i trattamenti porta ad una comunione molto profonda con il proprio bambino e questo non potrà che legare ulteriormente mamma e figlio anche dopo il parto.

 

Walter Zanca

WWW.MASSAGGIMILANO.IT

Pubblicato in in[sano]

Instagram

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.