CHIAMACI +39 333 8864490

|||||

Al Cinema Spazio Oberdan di Milano, la Fondazione Cineteca Italiana presenta il film Egon Schiele

Ancora in scena presso il Cinema Spazio Oberdan di Milano, il film Egon Schiele presentato dalla  Fondazione Cineteca Italiana, fino al 1 dicembre.

Egon Schiele di Dieter Berner è un film su uno degli artisti più controversi e trasgressivi di sempre, distribuito da Draka Distribution di Corrado Azzollini in collaborazione con Twelve Entertainment è ancora in scena presso il Cinema Spazio Oberdan, Milano.

Pupillo di Gustav Klimt, Egon Schiele, di cui ricorrerà il centenario della morte nel 2018, è stato l’esponente di punta del primo Espressionismo viennese, con un fascino conturbante che avvolge la sua breve vita e l'artista Egon Schiele è un vero e proprio magnete, che intriga e appassiona.
Caratterizzato da un talento precoce e morto all’età di 28 anni, ha lasciato una produzione impressionante tra dipinti a olio, acquerelli e disegni.

Egon Schiele è una figura davvero unica: giovane, seduttore, provocatorio e affascinante e, agli inizi del XX secolo, incarna tutte le fascinazioni della vita.
Schiele, interpretato sul grande schermo dal talentuoso Noah Saavedra, è tra gli artisti più controversi di Vienna e la sua arte è ispirata da figure femminili affascinanti e disinibite, in un’epoca che sta volgendo al termine con l’avvento della Grande guerra.
Due donne in particolare condizioneranno davvero la sua vita e la sua espressione artistica: sua sorella e sua prima musa, Gerti, e la diciassettenne Wally, forse l’unico vero grande amore della sua vita, immortalata nel celebre dipinto “La morte e la fanciulla” esposto al Leopold Museum di Vienna.

Se da una parte i dipinti di Egon Schiele creano scandalo nella società viennese, portando l’artista anche in tribunale con l’accusa di abuso su una minorenne e di “pornografia”, dall'altra collezionisti lungimiranti e artisti tra i più acclamati come Gustav Klimt, iniziano a riconoscere l’eccezionale valore della provocatoria e tormentata arte di Schiele.

Quando lo scoppio della prima guerra mondiale minaccerà la sua ricerca e libertà artistica, Egon Schiele sceglierà di sacrificare alla sua arte, l’amore e la vita, facendo diventare il dolore e il suo disagio esistenziale il leitmotiv stilistico che lo consacrerà tra i maggiori interpreti dell’Espressionismo.

Ispirato al romanzo Tod und Mädchen: Egon Schiele und die Frauen di Hilde Berger, il film Egon Schiele è scritto da Hilde Berger con Dieter Berner.

In Italia il film è distribuito da Draka Distribution in collaborazione con Twelve Entertainment e presentato dalla Fondazione Cineteca Italiana, in scena presso il Cinema Spazio Oberdan di Milano, fino al 1 dicembre.

 

 

 

Serena Riva

Redazione Nerospinto

Sito web: www.nerospinto.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.