CHIAMACI +39 333 8864490

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa Cookie Policy

Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro.

Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo inviati dal sito al terminale dell’interessato (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi al sito alla successiva visita del medesimo utente. Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell’utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell’utente. Alcune delle funzioni dei cookie possono essere demandate ad altre tecnologie. Nel presente documento con il termine ‘cookie’ si vuol far riferimento sia ai cookie, propriamente detti, sia a tutte le tecnologie similari.

Tipologia dei cookie

I cookie possono essere di prima o di terza parte, dove per "prima parte" si intendono i cookie che riportano come dominio il sito, mentre per "terza parte" si intendono i cookie che sono relativi a domini esterni. I cookie di terza parte sono necessariamente installati da un soggetto esterno, sempre definito come "terza parte", non gestito dal sito. Tali soggetti possono eventualmente installare anche cookie di prima parte, salvando sul dominio del sito i propri cookie.

Natura dei cookie

Relativamente alla natura dei cookie, ne esistono di diversi tipi:

Cookie tecnici

I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di "effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio" (cfr. art. 122, comma 1, del Codice). Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in: • cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di autenticarsi per accedere ad aree riservate); essi sono di fatto necessari per il corretto funzionamento del sito; • cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso, al fine di migliorare le performance del sito; • cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all'utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell'ambito della navigazione in rete. Per l'utilizzo dei cookie di profilazione è richiesto il consenso dell'interessato. L’utente può autorizzare o negare il consenso all'installazione dei cookie attraverso le opzioni fornite nella sezione "Gestione dei cookie". In caso di cookie di terze parti, il sito non ha un controllo diretto dei singoli cookie e non può controllarli (non può né installarli direttamente né cancellarli). Puoi comunque gestire questi cookie attraverso le impostazioni del browser (segui le istruzioni riportate più avanti), o i siti indicati nella sezione "Gestione dei cookie".

Cookie installati su questo sito

Ecco l'elenco dei cookie presenti su questo sito. I cookie di terze parti presentano il collegamento all'informativa della privacy del relativo fornitore esterno, dove è possibile trovare una dettagliata descrizione dei singoli cookie e del trattamento che ne viene fatto.

Elenco dei cookie presenti sul sito NEROSPINTO

Cookie di sistema Il sito NEROSPINTO utilizza cookie per garantire all'utente una migliore esperienza di navigazione; tali cookie sono indispensabili per la fruizione corretta del sito. Puoi disabilitare questi cookie dal browser seguendo le indicazioni nel paragrafo dedicato, ma comprometterai la tua esperienza sul sito e non potremo rispondere dei malfunzionamenti. Facebook Facebook utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione e di “like” sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina https://www.facebook.com/about/privacy Twitter Twitter utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare le pagine: https://support.twitter.com/articles/20170519-uso-dei-cookie-e-di-altre-tecnologie-simili-da-parte-di-twitter e https://twitter.com/privacy?lang=it Google+ Google+ utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina http://www.google.com/policies/technologies/cookies/ Pinterest Pinterest utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina https://about.pinterest.com/it/privacy-policy Durata dei cookie I cookie hanno una durata dettata dalla data di scadenza (o da un'azione specifica come la chiusura del browser) impostata al momento dell'installazione. I cookie possono essere: • temporanei o di sessione (session cookie): sono utilizzati per archiviare informazioni temporanee, consentono di collegare le azioni eseguite durante una sessione specifica e vengono rimossi dal computer alla chiusura del browser; • permanenti (persistent cookie): sono utilizzati per archiviare informazioni, ad esempio il nome e la password di accesso, in modo da evitare che l'utente debba digitarli nuovamente ogni volta che visita un sito specifico. Questi rimangono memorizzati nel computer anche dopo aver chiuso il browser. NEROSPINTO terrà opportuna traccia del/dei consenso/i dell’Utente attraverso un apposito cookie tecnico, considerato dal Garante Privacy uno strumento “non particolarmente invasivo”. L’Utente può negare il suo consenso e/o modificare in ogni momento le proprie opzioni relative all’uso dei cookie da parte del presente Sito Web, tramite accesso alla presente Informativa Privacy che è “linkabile” da ogni pagina del presente Sito. L’Utente ha la facoltá in qualsiasi momento di esercitare i diritti riconosciuti dall'art. 7 del D.Lgs. 196/2003 ed, in particolare, tra gli altri, di ottenere copia dei dati trattati, il loro aggiornamento, la loro origine, la finalità e la modalità del trattamento, la loro rettifica o integrazione, la loro cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco per i trattamenti in violazione di legge e di opporsi per motivi legittimi al trattamento. Per esercitare tali diritti, scrivere a NEROSPINTO . Se è già stato dato il consenso ma si vogliono cambiare le autorizzazioni dei cookie, bisogna cancellarli attraverso il browser, come indicato sotto, perché altrimenti quelli già installati non verranno rimossi. In particolare, si tenga presente che non è possibile in alcun modo controllare i cookie di terze parti, quindi se è già stato dato precedentemente il consenso, è necessario procedere alla cancellazione dei cookie attraverso il browser oppure chiedendo l'opt-out direttamente alle terze parti o tramite il sito http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte Se vuoi saperne di più, puoi consultare i seguenti siti: • http://www.youronlinechoices.com/ • http://www.allaboutcookies.org/ • https://www.cookiechoices.org/ • http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

Come disabilitare/cancellare i cookie mediante configurazione del browser

Chrome 1. Eseguire il Browser Chrome 2. Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione 3. Selezionare Impostazioni 4. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate 5. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti“ 6. Nella sezione “Cookie” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie: • Consentire il salvataggio dei dati in locale • Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser • Impedire ai siti di impostare i cookie • Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti • Gestire le eccezioni per alcuni siti internet • Eliminare uno o tutti i cookie Mozilla Firefox 1. Eseguire il Browser Mozilla Firefox 2. Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione 3. Selezionare Opzioni 4. Selezionare il pannello Privacy 5. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate 6. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti“ 7. Nella sezione “Tracciamento” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie: • Richiedi ai siti di non effettuare alcun tracciamento • Comunica ai siti la disponibilità ad essere tracciato • Non comunicare alcuna preferenza relativa al tracciamento dei dati personali 8. Dalla sezione “Cronologia” è possibile: • Abilitando “Utilizza impostazioni personalizzate” selezionare di accettare i cookie di terze parti (sempre, dai siti più visitato o mai) e di conservarli per un periodo determinato (fino alla loro scadenza, alla chiusura di Firefox o di chiedere ogni volta) • Rimuovere i singoli cookie immagazzinati. Internet Explorer 1. Eseguire il Browser Internet Explorer 2. Fare click sul pulsante Strumenti e scegliere Opzioni Internet 3. Fare click sulla scheda Privacy e, nella sezione Impostazioni, modificare il dispositivo di scorrimento in funzione dell’azione desiderata per i cookie: • Bloccare tutti i cookie • Consentire tutti i cookie • Selezionare i siti da cui ottenere cookie: spostare il cursore in una posizione intermedia in modo da non bloccare o consentire tutti i cookie, premere quindi su Siti, nella casella Indirizzo Sito Web inserire un sito internet e quindi premere su Blocca o Consenti. Safari 1. Eseguire il Browser Safari 2. Fare click su Safari, selezionare Preferenze e premere su Privacy 3. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet. 4. Per visionare quali siti hanno immagazzinato i cookie cliccare su Dettagli Safari iOS (dispositivi mobile) 1. Eseguire il Browser Safari iOS 2. Tocca su Impostazioni e poi Safari 3. Tocca su Blocca Cookie e scegli tra le varie opzioni: “Mai”, “Di terze parti e inserzionisti” o “Sempre” 4. Per cancellare tutti i cookie immagazzinati da Safari, tocca su Impostazioni, poi su Safari e infine su Cancella Cookie e dati Opera 1. Eseguire il Browser Opera 2. Fare click sul Preferenze poi su Avanzate e infine su Cookie 3. Selezionare una delle seguenti opzioni: • Accetta tutti i cookie • Accetta i cookie solo dal sito che si visita: i cookie di terze parti e quelli che vengono inviati da un dominio diverso da quello che si sta visitando verranno rifiutati • Non accettare mai i cookie: tutti i cookie non verranno mai salvati.

|||

Intervista al Maestro Franco Mazzucchelli

"Non abbandonarmi!" La mostra-appello di Franco Mazzucchelli al Museo Messina

 

Mancano ancora pochi giorni- fino al 6 dicembre- per poter visitare presso lo Studio Museo Francesco Messina di Milano la mostra "Non Abbandonarmi!" di Franco Mazzucchelli, la quale rappresenta una riflessione sul ruolo dell'arte nella società contemporanea, costituendo un appello al pubblico affinché non abbandoni l'arte e la curiosità di scoprire il nuovo e il diverso.

Biografia dell'artista

Franco Mazzucchelli è uno dei Maestri dell'arte contemporanea nazionale e internazionale, collabora dal 2013 con il progetto cramum. Alla sua 4' edizione, il premio promuove il dialogo tra generazioni d'artisti e valorizza le giovani eccellenze artistiche in Italia e nella Svizzera di lingua italiana. Franco Mazzucchelli prende parte al progetto in qualità di giurato. L'artista nasce a Milano il 24 gennaio 1939, si diploma nel 1963 in pittura e nel 1966 in scultura all'Accademia di Belle Arti di Brera, dove da quell'anno ricopre il ruolo della cattedra. Nel 1976 partecipa alla Biennale di Venezia. Mazzuchelli è uno scultore sui generis, che ha scelto di modellare un elemento che ci dà la vita: l'aria. I suoi lavori fanno parte di performances rese possibili dall'invenzione dei nuovi materiali, in particolare il polivinilcloruro, il pvc, leggero, gonfiabile e modellabile a piacere. Nel corso della sua carriera, Mazzucchelli dà vita a lavori giganteschi, altissime sculture d'aria, fino a trenta, quaranta metri, a forme geometriche come la spirale e il cubo, oppure ancora immensi tubi dentro cui poter camminare e giocare. Il fatto di occupare questi spazi in realtà ha un significato profondo. Reca in sé un interrogativo: per chi realizza opere d'arte l'artista del XXI secolo? Chi ne è il fruitore? La risposta di Franco Mazzucchelli è che l'artista ha una funzione sociale e deve scendere in strada per rivolgersi alla gente normale. Tutto ha inizio col ciclo “Abbandoni” strutture gonfiabili in PVC, lasciate in luoghi pubblici, ideate per interagire con la gente. Con le “Sostituzioni” la natura artificiale dell'opera (enormi bolle di polietilene sottilissimo) ribalta la normale fruibilità di un interno obbligando le persone a rimediare e reinventare lo spazio domestico e la sua agibilità. Le “Riappropriazioni” della metà degli anni Settanta ripropongono in esterno la problematica delle sostituzioni, favorendo la riscoperta dei luoghi pubblici perché siano vissuti a partire da angolature inedite. In modo analogo le numerose scenografie teatrali di Mazzucchelli, partendo dall'illusorietà della rappesentazione, giocano, favorite dal fascino sintetico dei materiali plastici, sul rapporto di ambiguità tra dentro e fuori, tra natura ed artifizio. Ma Mazzucchelli ha sentito anche l'esigenza di cimentarsi a fare il pittore, ossia di lavorare anche con i colori, con i materiali, e di realizzare dei quadri che si possono appendere. I suoi però sono, ovviamente, quadri gonfiabili. Sabino Maria Frassà, curatore della mostra, scrive: “ partire dagli ultimi anni '90 tuttavia, qualcosa si inceppa: la popolazione non è più la massa di lavoratori che non ha accesso all'arte e alla cultura. L'artista constata come il crescente benessere, la comunicazione di massa e le sempre più veloci forme di socializzazione non hanno né elevato le persone all'arte, né avvicinato la cultura alle persone. Franco Mazzucchelli percepisce anzi un generale allontanamento, che si esprime attraverso il disinteresse generale ad ascoltare e capire il messaggio dell'arte contemporanea, sempre più autoreferenziale. Agli “Abbandoni” si affiancano (anni 2000) il ciclo di opere “Art on Art” i graffiti che da sempre il pubblico fa sui gonfiabili, diventano essi stessi opere d'arte. L'artista diventa sempre più veicolatore, stimolatore e interprete di un sentimento collettivo più o meno consapevole. Con “Non abbandonarmi!” formalizza questi ultimi anni di lavoro e riflessione. Noi siamo la gente e non c'è differenza tra gli artisti e il pubblico. L'artista perciò non condanna l'abbandono dell'arte, ponendosi però un nuovo ambizioso obiettivo: reagire all'impigrimento generale e fare qualcosa per convincere il pubblico, le persone ad abbracciare (di nuovo) l'arte e la cultura." L'occasione è rappresentata dall'allestimento di una mostra all'interno della Chiesa Barocca milanese di San Sisto, per anni studio, ora studio-museo dello scultore Francesco Messina. (Messina e Mazzuchelli si sono conosciuti personalmente all'Accademia di Brera). Quel che si vede però non è un dialogo, e nemmeno un tributo, ma uno scontro tra due grandi Maestri e due modi differenti di concepire l'arte. Se le opere di Messina significano Barocco, mimesi e compiacimento del pubblico, quelle di Mazzucchelli sono invece minimalismo, astrazione, confronto.

Intervista a Franco Mazzucchelli

CZ: Ho letto diverse cose sul suo conto, che intendo utilizzare come cappello di questo articolo e di questa intervista al fine di introdurre ai nostri lettori il suo percorso artistico. Ad ogni modo, mi piacerebbe fin da subito che fosse lei a parlarmi un po' delle sue opere. Mi sembra che i pilastri delle sua produzione siano gli “Abbandoni” Le Sostituzioni” e “Le Riappropiazioni”. Vuole dirmi qualcosa in merito?

FM: Stavo frequentando l'Accademia di Brera, quando ho avuto la fortuna di andare a Parigi, ospite di un famoso artista italiano. Pensi che l'ho aiutato a realizzare 60 quadri in un giorno e mezzo.... (Sospira) Ho visto l'artista in vesti di operaio artigiano, che deve ottimizzare i tempi, badare alla velocità di esecuzione.... “Io abbandono -mi sono detto- voglio abbandonare l'arte.” Ma poi mi sono posto una domanda: “Come faccio a dargli un senso, a dirlo a me e agli altri?” E la mia soluzione è stata andare fuori dai circuiti delle gallerie; altro non era che la strada. Prima realizzavo le mie opere da dilettante, poi ho conosciuto un grande intellettuale, Luciano Inga Pin e insieme abbiamo deciso di codificare le cose e poi registare i commenti della gente. Il tutto è stato raggruppato in una piccola pubblicazione casalinga. Alla mostra nella galleria di San Fedele c'erano solo i filmati, le fotografie e le considerazioni della gente comune. Ha avuto un gran successo! Le “Sostituzioni” nascono da un'occasione particolare: ero stato invitato a partecipare alla triennale del '75, ove mi avevano messo a disposizione un piccolo spazio. Mi sono rifiutato. Salvo poi il fatto che mi hanno ricontattato e mi hanno proposto di usufruire dello spazio che necessitavo. Mi sono preso l'ingresso! Con polietilene ho bloccato tutto! Chi entrava si sentiva in una sorta di placenta... Enrico Cattaneo ha documentato con delle foto bellissime. Le “Riappropiazioni” sono invece tubolari enormi con cui invadevo piazze, porticati. Stupenda l'opera collocata a Volterra, nel '73. E' diventata in seguito zona pedonale.

CZ: Mi corregga se sbaglio, ma la mostra “Non abbandonarmi1” nelle sue intenzioni nasce dalla constatazione che il progresso, almeno qui in Italia, non sia andato di pari passo con una più ampia fruizione dell'arte in genere. Insomma, i nostri tempi sembrano un po' escludere quest'aspetto dalla vita quotidiana, vuoi perchè l'arte qui è ancora in un certa misura elitaria, vuoi perché la gente comune- ma questo è punto di vista estremante personale e, come tale, condivisibile o meno- si fa venire la pelle d'oca quando si parla di mostre, di teatro, di letteratura. É d'accordo? E in caso di risposta affermativa, come si spiega questo basso livello di sinergia tra arte e persone? E soprattutto, c'è un rimedio?

FM: Sono assolutamente d'accordo. Ma il rimedio c'è e consiste nello studiare e nell'essere sempre, constantemente informati. È un fatto politico, capisce... L'arte contemporanea si è staccata dai canoni tradizionali, dove la figura era il primo approccio. La gente comune è abituata a giudicare opere figurative, un aspetto che nell'arte di questi tempi non c'è più- nelle Tombe Medicee per dire, c'era tutto, i materiali erano nobili... È difficile per la gente comune discostarsi da questa concezione, per questo non va più alle mostre. Io invece cerco di andare incontro a questo partendo dal gioco, dal senso ludico, mi pongo l'obiettivo di fare riflettere le persone cominciando da aspetti semplici.

CZ: Una domanda ostica, ma che sono molto curiosa di farle. Mi ha colpito molto ciò che ha detto in un'intervista con il curatore di questa mostra, Sabino Maria Frassà, in cui si riferiva al fatto che per andare oltre gli schemi bisogna conoscerli alla perfezione. In questo senso, la tecnica è importante, la cultura altrettanto. Ma nella mia esperienza, ho conosciuto tanti giovani pittori talentuosi che non hanno avuto modo o voglia di farsi una cultura. È lecito parlare di arte in questo caso?

FM: È chiaro che no. Io, nel corso della mia esperienza formativa, sono andato anche alla Cattolica a seguire un corso di sociologia, ho comprato l'Enciclopedia Universale dell'Arte. Ho visitato tutti i musei europeei. Seguivo un gruppo di filosofi.... E poi c'è la tecnica, non si può prescindere da essa. Una lezione l'ho ricevuta dal grande Marino Marini. Ero a un suo corso con una bellissima studentessa americana. La prima settimana la ragazza ha realizzato un cavallino. Il maestro l'ha spronata a cercare la sua forma di espressione... La seconda settimana, l'ha fatto più grosso e ancora Marini l'ha rimproverata. La terza settimana si è limitata ad aggiungere il cavaliere. Il Maestro ha chiamato il direttore amminitrativo e l'ha fatta espellere. Poi c'è da dire che tanti professionisti, come avvocati, dottori, medici si sono buttati nel campo dell'arte, alcuni ottenendo un notevole successo. Ne consegue che chi ha una preparazione di base può accostarsi all'arte, anche se alla volte è un po' riduttivo.

CZ: Io non ho studiato arte. Mi sono occupata di Lingue e Letterature Straniere. Per questo le propongo un'associazione che per me è stata sin da subito vivida, ma non so se azzecata, tra le sue opere e l'avanguardia catalana di Dau al set. Mi riferisco a Joan Brossa in particolare e alle sue installazioni barcellonesi. Nelle sue opere si confondono un po' i confini tra irriverenza e sperimentazione. É un discorso valido anche per lei?

(Mi guarda dritto negli occhi) Senta....Ogni cosa che facevo da ragazzo, c'era subito chi pensava a un riferimento a qualcos'altro. Per questa ragione ho sentito il bisogno di escludere tutto e tutti e buttarmi da un'altra parte. Un conto è l'arte passata, un conto quella contemporanea. Ho avuto un vuoto culturale “voluto” proprio per non essere influenzato da altri.

CZ: La sua arte nasce come abbandono dell'arte mercificata. Questo mi pare bellissimo. Più volte si è stagliato contro la mercificazione, ci vuol dire qualcosa in merito?

FM: Io non ho mai fatto opere vendibili, perchè non mi è mai interessato. Ho realizzato quadri gonfiabili solo ed esclusivamente per benificenza. A un certo punto sono arrivato a definire la mia arte una bieca decorazione - i galleristi inoridiscono tutte le volte, ma le cose che si appendono sono decorazione! (Sorride). Semplicemente, mi sentivo represso perchè ciò di cui mi occupavo abitualmente, non lo facevo tutti i giorni, con i quadri ho trovato un modo di dare sfogo alla mia creatività.

CZ: Mancano ancora 4 giorni, 5 con oggi, alla fine di questa esperienza al Museo Messina. Cosa direbbe ai nostri lettori per invogliarli a visitare la mostra?

FM: Giocherei la carta del confronto. Gli direi che è una bellissima occasione per ragionare sul fatto che due realtà così diverse, così contrastanti possono convivere. Vige ovviamente una forte contrapposizione tra mondi diversi, culture ed esperienze artistiche dfferenti.

Info: “Non abbandonarmi!” Mostra-appello del Maestro Franco Mazzucchelli a cura di Sabino Maria Frassà Studio Museo Francesco Messina Dal 18 Novembre al 6 dicembre 2015 La visita è gratuita ORARI:Dal martedì alla domenica dalle 9.00 alle 17.30 Lunedì chiuso.

Chiara Zanetti

[gallery ids="48426,48427"]

 

Redazione Nerospinto

Sito web: www.nerospinto.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it