CHIAMACI +39 333 8864490

||||

Far Breton: una fantastica ricetta di Bettina in Cucina dal retrogusto francese

Buona Domenica a tutti!
Oggi vi propongo una squisita ricetta, dal retrogusto francese, ponta a deliziarci il palato: Far Breton.

La vacanza di quest’estate in Bretagna mi ha ispirato a provare diverse ricette che ho assaggiato in questa regione francese.
Il Far Breton è una ricetta sempice, ma ottima.

Il Far Breton è una versione della crema inglese, cotta al forno, con l’aggiunta delle prugne secche. Le prugne devono essere morbide e saporite, quindi è necessario metterle a mollo in acqua e cognac per qualche ora, o per una notte intera.
Il cognac oltre ad aromatizzare diminuisce il sapore dell’uovo.
Se ci sono bambini, la ricetta si adatta benissimo, anche, ai loro gusti. Infatti, è sufficiente sostituire il cognac con del succo di mela.

Questo dolce è semplice morbido e goloso ed è costituito quasi interamente da latte, non contiene burro, al contrario di tutte le pietanze che si mangiano in Bretagna.
In pratica, il Far Breton è un flan di latte, ovvero una pastella liquida aromatizzata con cognac e frutta secca.
Le prugne si possono sostituire con albicocche secche o uvetta sultanina. Io ho usato prugne e uvetta insieme.

Vediamo insieme come preparare questa bellissima ricetta.

Ingredienti:
- 140 gr farina OO Molino Sapignoli;
- 130 gr zucchero;
- 2 uova;
- 500 ml latte Centrale del latte di Cesena;
- 250 ml panna fresca Centrale del latte di Cesena;
- 100 gr prugne secche Manuzzi frutta secca;
- 100 gr uvetta sultanina Manuzzi frutta secca;
- 1 pizzico di sale;
- 1 stecca di vaniglia;
- 1/2 bicchierino di cognac (circa 50 ml) + quello per mettere la frutta a mollo (sostituibile con del succo di mele);
- zucchero a velo per decorare;
- burro, farina e zucchero per lo stampo.

Preparazione:
Mettiamo le prugne e l’uvetta in una ciotola e coprirle di acqua fredda e cognac per almeno un paio d’ore, volendo, anche, una notte intera.
Mescoliamo le uova con lo zucchero con una frusta, finché non si è ben sciolto. Non bisogna montare le uova, ma solamente mescolarle.
Aggiungiamo la farina, il latte e la panna.
Il composto deve risultare liquido e senza grumi. Quindi aggiungiamo i semi della stecca della vaniglia ed il cognac.
Imburriamo abbondantemente una teglia rettangolare e cospargila con un impasto di farina e zucchero in parti uguali (circa 2 cucchiai cad.).
La teglia deve essere in alluminio non più grande di cm 25 x 35. Per le ricette classiche, consigliano, quasi sempre, di usare una teglia in alluminio, per far formare la crosticina alla base, ma io non l’avevo ed ho usato una classica teglia antiaderente.Tuttavia, la ricetta, quindi il dolce, è venuto molto bene lo stesso.
Versiamo nella teglia l’impasto ed immergi le prugne e l’uvetta, ben scolate dall’acqua, disponendole in maniera uniforme.
Cuociamo in forno ventilato a 170 °C per circa 40 minuti circa. la superficie deve diventare ben dorata. Se il dolce dovesse iniziare a scurirsi troppo, meglio coprire con un foglio di stagnola.
Togliamo il Far Breton dal forno e lasciamolo intiepidire.
Togliamolo dallo stampo e tagliamolo a rettangoli.

Il dolce si può mangiare caldo, tiepido e freddo. Io ho provato tutte le temperature e freddo non mi è piaciuto.
La consistenza è cremosa ed il dolce è molto goloso.

Un’idea in più:
Il Far Breton si può conservare in frigorifero per qualche giorno. Consiglio di toglierlo dal frigorifero un paio d’ore, prima di mangiarlo.
Ecco fatto: una ricetta perfetta per addolcire la nostra domenica.Se siete curiosi e volete cimentarvi in tante ricette sfiziose, eccovi il sito www.bettinaincucina.com 

 


Ricetta di Bettina In Cucina

Redazione Nerospinto

Sito web: www.nerospinto.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.